Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Giovedì, 18 Ottobre 2018

“Mettiamola così: mentre Borraccino, per suo stesso dire, era in sopralluogo nella Gravina, dopo l’incendio, e partecipava a dibattiti pubblici, io facevo stanziare i fondi per il rimboschimento. Due cose diverse. E la seconda comporta che i soldi li ha trovati un consigliere dall'opposizione e non il Governo – come predica l’Assessore allo Sviluppo, passato con disinvoltura da fiero oppositore a novello sostenitore di Emiliano”.

È la replica di Francesca Franzoso, consigliere regionale di Forza italia a Mino Borraccino, assessore allo Sviluppo economico sui fondi erogati per il Parco delle Gravine di Palagianello dopo l’incendio di Palagianello del 2017
In merito al cruccio di Borraccino - prosegue Franzoso - che i duecentomila euro stanziati con il mio emendamento non siano sufficienti, mi invita a nozze. E siccome oggi è seduto in Giunta, trovi lui i soldi che servono in più per il ripristino del Parco”.



Published in Politica

"La Camera ieri ha approvato la nostra proposta di legge sulla valorizzazione e la promozione dei prodotti agricoli e alimentari provenienti da filiera corta, a chilometro zero o utile. Da oltre 10 anni si attendeva un riconoscimento normativo dei prodotti a KM 0 o utile, ma nessuno prima di noi era riuscito a portare in Aula una proposta idonea. Non sarà di certo la soluzione per tutti i problemi del settore e lo sappiamo bene, ma di certo è un primo contributo a valorizzare il lavoro degli agricoltori, delle piccole imprese agricole e dei ristoratori più sensibili. Ora auspichiamo un rapido passaggio al Senato prima che la nostra proposta diventi ufficialmente legge” Lo dichiara il deputato Gianpaolo Cassese (M5S) della Commissione Agricoltura cofirmatario della Pdl.

“Questo provvedimento risponde ai bisogni dei cittadini che vogliono sulle loro tavole prodotti locali e di chiara provenienza- spiega Cassese.

Con appositi marchi garantiremo che i prodotti acquistati provengono da un territorio che dista un massimo di 70 km dal luogo di vendita, e chi dichiarerà il falso sarà sanzionato. Si darà così un concreto sostegno a contadini, allevatori e pescatori, favorendo la crescita dell'economia locale e aiutando anche l'ambiente, perché si evitano i lunghi trasporti, l'uso di imballaggi e la conservazione nei frigoriferi.”

“Mi fa piacere che la Camera abbia approvato anche un mio ordine del giorno in cui ho chiesto che i loghi sugli alimenti vengano ideati e realizzati dagli studenti, prevedendo concorsi ad hoc negli istituti scolastici. Il coinvolgimento delle nuove generazioni nella formazione ad un consumo consapevole è di fondamentale importanza per costruire un futuro migliore.” Conclude il deputato.

Published in Politica

Evento promosso da Slow Food “Grottaglie Vigne e Ceramiche” e FIVI

L’obiettivo? Difendere il terroir e il sapere agricolo della propria terra
Storie di vignaioli indipendenti ma anche storie di resistenza alimentare di fronte al business del vino, il controllo oligopolistico di certe multinazionali e la standardizzazione delle colture.
Grottaglie, in provincia di Taranto, terra di vigne e di produzioni ceramiche artigianali di alto livello, diventa il prossimo 19 ottobre la terra che, per la prima volta al Sud, ospiterà una riunione voluta dalla condotta Slow Food territoriale “Grottaglie Vigne e ceramiche” e dagli associati pugliesi alla FIVI, Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti.
Un incontro che sotto l’egida del “buono, pulito e giusto” di Carlo Petrini, sposerà nell’antico Convento dei Cappuccini la causa di vignaioli che difendono il proprio terroir, coltivano la propria vigna, e raccolgono la propria uva, in un modello di filiera corta che proprio del “sovranismo” alimentare hanno fatto la sua bandiera di resistenza.
Storie che raccontano della sostenibilità ambientale e sociale della nostra agricoltura e di PIL sotto il nome dell’etica prodotti da cantine medio-piccole che seguono il percorso della loro uva dai campi fino alla commercializzazione del prodotto.
Saranno in 18 i vignaioli che per l’occasione arriveranno a Grottaglie dal Nord al Sud della Puglia e che racconteranno le loro storie ricche di passione ed impegno, quali custodi e promotori del territorio - dice Franco Peluso, fiduciario della condotta Slow Food Grottaglie Vigne e Ceramiche.
Il Vignaiolo FIVI è l'espressione più autentica del proprio territorio, ne è legato a doppio filo e contribuisce alla salvaguardia e tutela della stesso attraverso la sua continua attività critica e propositiva – dice Gaetano Morella, vice presidente nazionale della FIVI.
Dal nero di Troia, al Primitivo, passando per vitigni meno conosciuti, nelle storie di 18 produttori che dalla vigna, alla trasformazione, e sino alla vendita restano custodi del “sapere” agricolo della loro terra di origine.
L’appuntamento si svolgerà il 19 ottobre 2018, a partire dalle 19.45 nell’antico Convento dei Cappuccini di Grottaglie.
Oltre ai saluti del Sindaco di Grottaglie, Ciro D’Alò e del Fiduciario della condotta Slow Food locale, Franco Peluso, sono previsti gli interventi del vice presidente nazionale della FIVI, Gaetano Morella, e dei vignaioli indipendenti Margherita Nistri, Luca Attanasio, Paolo Patruno Perniola, Francesco Mazzone e Fabio Zullo.

 

Published in Cronaca

“Sembra quasi che lo sport sia qualcosa che leva energia allo studio e all’educazione, quando invece è la materia principale perché ti dà la capacità di mettere a fuoco un obiettivo, raggiungerlo e sentirti meglio dopo l’attività sportiva”, si esprime così Massimiliano Rosolino, campione del nuoto.
E le intenzioni del Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, che non a caso ha un passato come docente di Educazione Fisica, vanno in questa direzione, visto che vorrebbe laureati in Scienze Motorie alle elementari.
Il 13 ottobre attraverso il suo profilo Facebook, nel giorno dalla visita a Trento, per la prima edizione del Festival dello Sport ha scritto: “L’attività sportiva insegna la disciplina, il controllo del corpo, il rispetto delle regole e delle autorità, il senso di responsabilità e la capacità di fare squadra – tutti elementi che concorrono alla formazione di un cittadino consapevole. Ne sono convinto”.
E da poco a Taranto è terminato il Trofeo del Mare, che “ha coinvolto soprattutto gli studenti che si sono impegnati nelle diverse discipline velico-marinaresche, confrontandosi in equipaggio, facendo propri i principi etici ed i valori che quotidianamente animano la Marina Militare, imparando a veleggiare, vogare, ad andare per mare con puro spirito sportivo e di solidarietà, affrontando gli elementi naturali”, ha dichiarato Salvatore Vitiello, Comandante Marittimo Sud, Ammiraglio di Divisione.
Con lo spirito di consolidare e favorire l’accrescimento della cultura marinara in seno alla società tarantina, il Comando Marittimo SUD – TARANTO della Marina Militare ha infatti promosso il “Trofeo del mare città di Taranto – seconda edizione 2018″.
L’Ufficio Scolastico Territoriale di Taranto ha aderito all’evento, che si è svolto dall’1 al 14 ottobre, in quanto preziosa occasione offerta agli studenti delle scuole secondarie di II grado di avvicinarsi alle attività marinaresche, insegnando loro il significato del “fare equipaggio”, consolidando le loro competenze sociali e civiche e di consapevolezza ed espressione culturale.
Il Trofeo del Mare – Città di Taranto (2018) è la seconda edizione dell’evento velico marinaresco promosso e organizzato dalla Marina Militare per mezzo del Comando Marittimo Sud. Il Trofeo del Mare ha avuto la finalità di consolidare e favorire l’accrescimento della cultura marinara in seno alla società tarantina volendo essere un’occasione per avvicinare i giovani (studenti della 3°, 4° e 5° classe delle scuole secondarie di secondo grado) alle attività velico-marinaresche e, al contempo, fare da volano per lo sviluppo delle attività economiche locali che gravitano intorno al mondo della nautica.
Con tali finalità e con il coinvolgimento di numerosi partner sono state realizzate attività velico-marinaresche in differenti discipline: vela, canoa, canottaggio, voga su sedile fisso, Stand up Paddle (SuP). Per le varie discipline, nel programma delle attività ci sono stati anche eventi a cui potevano partecipare equipaggi di altre Forze Armate/Corpi dello Stato e di iscritti/soci a Circoli velici e Associazioni sportive dilettantistiche remiere o Federazioni sportive.
È stata questa una occasione ghiotta per noi, avendo potuto ascoltare a tal proposito il pensiero anche degli addetti ai lavori, i professori di Scienze Motorie, Gianni Greco e Irene Volpi coinvolti con i loro alunni dell’Ips “F.S Cabrini”. Costoro, non hanno eccelso in modo particolare, ma hanno comunque ottenuto degli apprezzabili piazzamenti dal sapore singolare, perché non trattasi di alunni che hanno praticato o praticano questo tipo di attività nautiche già in associazioni come altri gareggianti: alcuni equipaggi hanno avuto al loro interno agonisti, alunni tesserati ad associazioni del settore.
Non tutti quindi hanno partecipato con lo stesso spirito, per cui “il risultato dei nostri ragazzi, al di là della classifica, ci soddisfa perché hanno dimostrato di poter assumere responsabilmente un impegno e portarlo a fine, dal punto di vista educativo questo porta ad una ricaduta positiva sulla scuola; come gruppo hanno fatto una figura esemplare, tutti coinvolti e presenti sempre, anche quelli che a scuola non sempre lo sono, in un contesto altamente motivante, dimostrandosi all’altezza di qualsiasi situazione, costituendo perciò un indubbio vanto per tutto l’Ips Cabrini” ci ha riferito il prof. Gianni Greco.
“I nostri alunni per la prima volta hanno messo piede in una barca a vela - ci dice la prof.ssa Irene Volpi - e si sono classificati in questa specialità al secondo posto, nella voga al terzo posto, in barca a vela di altura H24 ancora un terzo posto come anche nel concorso fotografico”.
L’istituto Ips “F.S. Cabrini” è una scuola di eccellenze, e continua a dimostrarlo partecipando e distinguendosi in più eventi, e in più settori. Bisogna sforzarsi di uscire dallo stereotipo, dal preconcetto, dal luogo comune per cui essendo un “professionale” è una scuola cenerentola dove iscrivere come ultima spiaggia, coloro che non hanno molta voglia di studiare.
Ci sono molte materie professionalizzanti e quindi indirizzi specifici che richiedono un impegno serio e notevole in settori particolari, sia da parte dei docenti che degli alunni, per cui come si può comunemente ed erroneamente pensare non è una scuola facile: questo è un luogo comune da sfatare.
E tornando allo sport “sottolineiamo che quest’anno il Cabrini annovera anche il nuovo indirizzo di Management dello Sport e del Benessere e che obiettivo della nostra scuola, nell’articolazione dei suoi tanti corsi, è quello di formare personalità consapevoli della realtà sociale, professionale, ambientale, economica e giuridica cui appartengono e nella quale vivono” ci ha riferito la preside Angela Maria Santarcangelo.

Published in Cronaca

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk