Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Novembre 2018

Dopo mesi dalle mie dimissioni da Forza Italia come Responsabile provinciale del Dipartimento Trasporti, con attenta e scrupolosa attenzione verso l’evoluzione dello scenario nazionale e locale, oggi, ho aderito ufficialmente alla Lega di Matteo Salvini, dando La mia umile disponibilità.

Sono pronto a iniziare questo nuovo percorso, sposando principi e ideali del movimento. Sono certo che finalmente, in un contesto libero da condizionamenti, riusciremo a far emergere un rinnovato ruolo vincente del Centro Destra, portando avanti la politica del “FARE” e la tutela della nostra identità nazionale. Incontrandomi in più occasioni con il Coordinatore regionale Andrea Caroppo e il Coordinatore provinciale Donatello Borraci della Lega, ho percepito da subito un senso di costruttiva volontà nel voler lavorare con seria e crescente partecipazione. Mi metto a disposizione con responsabilità e senso del dovere verso il partito e specialmente, verso i cittadini di Taranto e provincia. La nostra Taranto, ha bisogno di recuperare la dignità che gli spetta, trasferendo al cittadino una rinnovata fiducia. Al lavoro dunque per le soluzioni e non per l’amplificazione dei problemi.
Taranto 25 novembre 2018

Published in Politica

L’evento in programma il 27 novembre, presso la storica “Sala a tracciare” dell’Arsenale Militare Marittimo di Taranto, sarà aperto al pubblico 

Segui le novità della #MarinaMilitare live su Twitter (@ItalianNavy #ProfessionistiDelMare #ilTuoFuturoèilMare) o sul sito della Marina Militare (www.marina.difesa.it)
Martedì 27 novembre alle 09.30, presso la storica “Sala a tracciare” dell’Arsenale Militare Marittimo di Taranto, si terrà la Conferenza “11 Novembre 1940 – La Notte di Taranto” organizzata dalla Marina Militare con la collaborazione dell’Associazione Amici dei Musei di Taranto.

Durante l’evento, che sarà aperto alla cittadinanza, interverranno il personale dell’Ufficio Storico della Marina Militare e storici civili per parlare del tragico attacco subito dalle unità navali della Regia Marina Italiana ad opera degli aereo-siluranti inglesi, avvenuto nel porto di Taranto durante il secondo conflitto mondiale.

La conferenza vuole inoltre testimoniare e ricordare sia l’importanza, l’impegno e la dedizione di tutti i marinai deceduti in tempo di guerra o pace che hanno sacrificato la propria vita per salvaguardare l’interesse collettivo al servizio della Patria, sia le grandi opere cantieristiche dell’Arsenale legate agli avvenimenti bellici della nazione e della città di Taranto, anche attraverso i preziosi reperti appartenenti all’archivio documentale dell’Arsenale stesso che saranno esposti per l’occasione.

 Programma Conferenza: 

- Ore 9.30: inizio conferenza con il con il saluto dell’Ammiraglio di Divisione Salvatore Vitiello, Comandante Marittimo Sud.
- A seguire: la prof.ssa Annapaola Petrone Albanese, presidente dell’Associazione Amici dei Musei di Taranto, introdurrà i lavori:
- Prof. Stefano Vinci, “Taranto e la guerra”
- Capitano di Fregata Claudio Rizza, “La nuova base navale e il tunnel dei Due Mari, un’opera grandiosa dalla travagliata storia”
- Capitano di Vascello Giosuè Allegrini, “La Notte di Taranto: sviluppo dell’azione britannica e recupero delle corazzate”
- Prof.ssa Vincenza Musardo Talò, “La voce della Storia nel patrimonio delle fonti”
- Testimonianza del prof. Paolo De Stefano
- Al termine: conclusioni a cura del Direttore dell’Arsenale Marina Militare di Taranto, contrammiraglio Cristiano Nervi.

 

Published in Cultura

Questo pomeriggio alle ore 17.30 a Palazzo di Città di Taranto verrà presentato il libro del già Ministro dell’Interno. 

Con lui il Sindaco di Taranto Ronaldo Melucci e il Segretario provinciale del PD Giampiero Mancarelli.

L'incontro sarà moderato da Enzo Ferrari, direttore di Taranto Buona Sera.

Minniti, candidato alla Segreteria nazionale del partito democratico, discuterà della tesi trattata nel libro: “La differenza tra la sinistra e il nazionalpopulismo consiste proprio in questo: la sinistra ascolta, mentre i populisti fanno finta di ascoltare, quando invece il loro unico obiettivo è di tenere incatenata la gente alle proprie paure». Parte da questa convinzione la riflessione di Marco Minniti, ex Ministro dell’Interno e da oltre vent’anni ai vertici degli apparati di sicurezza e di intelligence del nostro Paese. Anni fondamentali e difficilissimi, in cui si è trovato a gestire, in particolare nei sedici mesi al Viminale, eventi epocali di portata internazionale, come la forte ondata migratoria successiva alle primavere arabe, il consolidamento dello Stato islamico e la stagione dei feroci attacchi terroristici in territorio europeo, la crisi libica con le sue ancora attuali conseguenze. E poi, sul versante interno, l’emergenza sicurezza nelle grandi città, la lotta alla criminalità organizzata, il caso emblematico di Ostia e di altri comuni sciolti per infiltrazioni mafiose. Non è possibile garantire la sicurezza rinunciando alla libertà: barattare la seconda in cambio della prima significa innalzare pericolose barriere, dimenticando che la connessione del mondo è ormai irrefrenabile. L’idea del confine come separazione dagli altri crea società chiuse. Sull'onda dei nazionalpopulismi, l’unità europea, che ci ha garantito settant'anni di pace, è a rischio di estinzione. E questo potrebbe essere l’inizio di molti drammatici danni. Un salto nel buio che non ci possiamo permettere".

"Questa presentazione sarà una occasione di confronto su un tema attualissimo senza toni populistici e demagogici ma con pragmatismo e puntualità. Taranto, poi, è sede di un hotspot che accoglie migranti da tutta Italia. Sarà una occasione di approfondimento." Così il segretario provinciale del PD.

Published in Politica

Ovvero con lo stesso metodo e gli stessi registi mandati da Bari, giammai per mettere a monte il lauto stipendio pubblico frutto di nomina di consulenza diretta, ma per creare spregiudicate coalizioni allargate al peggio del populismo di risulta e dell’ambientalismo terrorista, inconcludente e spesso ignorante.

Un mix che ha creato panico tra i cittadini di questa città diffondendo dati, notizie e interpretazioni false e tendenziosamente allarmarti.
È bene chiarirlo: 1.Non esiste alcuna immunità penale.
Si prevede che chi applica sino al suo completamento non può rispondere per chi ha consumato un reato di carattere ambientale. Nessun salvacondotto su sicurezza e applicazione delle norme in Ilva.
2. I dati sull'inquinamento dell’aria sono nella norma dal 2014. E da allora la Regione Puglia non ha prodotto più nessun dato sul registro tumori. Lo stesso rappresentante Unicef, nei giorni scorsi, ha ben specificato che i bambini oggi a Taranto sono sani e che i dati sui quartieri e relative malattie sono risalenti al 2014. Mentre un’altra consulente di nomina regionale li spacciava per attuali.
Si continuano a diffondere, come oggi, dati allarmanti che, però, fortunatamente, sono relativi a un periodo che, mediante l'opera dei governi del PD, hanno livellato ogni picco. Ogni ulteriore falsa notizia è volta a produrre terrorismo ambientale distraendo la cittadinanza dalle cose che per non ritornare ai livelli di inquinamento dei tempi passati occorre oggi fare.
3. Ricordiamo. I Riva sono stati espropriati dall'Ilva.
Nominati i commissari, confermati dai 5 stelle. Acquisite le risorse dai Riva sul presupposto di chi inquina paga.
Queste decisioni sono state decise dal Partito Democratico. Insieme alla dotazione economica per nuove assunzioni in Arpa e per la strumentazione ospedaliera.

Ma oggi le priorità sono ben chiare a chi conosce la storia.
A.Vigilare su rispetto e attuazione Aia nei tempi previsti.
B. Chiedere a regione Puglia di produrre Viaas rispetto al livello di produzione oltre i 6 ml. di t. ad Aia esistente.
E qui va specificato che ancora una volta consulenti di nomina diretta bai passano la politica facendosi portavoce e annunciando decisioni che, invece, dovrebbero essere prese collegialmente nell'ambito del confronto che spetta ai rappresentanti degli elettori.
Ricordiamo che mentre è ancora in piedi il ricorso che il sindaco di Taranto Melucci ha presentato, e mai ritirato, contro il contratto di aggiudicazione a Mittal, il consulente pagato con i soldi dei pugliesi De Franchi pur di venire a Taranto per stringere legami con politici mascherati o di secondo ordine, annuncia un ricorso contro l’addendum che non è passato da alcuna discussione in consiglio regionale.
E che lo fa in un assise lontana da quella dei rappresentanti democraticamente eletti, quelli che accusano il PD di essere schiavi delle lobby, e che poi come i Verdi solo quattro mesi fa erano candidati in coalizione con il PD, e a cui è stato lo stesso PD a far correggere il manifesto in cui nonostante esimi scienziati, magistrati, professori e giuristi ieri relatori, già dal titolo inveivano contro un “dlgs Ilva” non sapendo che mai ve ne è stato fatto uno.
Bene ha fatto, quindi, il sindaco Melucci a liberarsi di questa persona che addirittura minaccia di aprire i cassetti dei messaggi privati dimostrando di non essere neppure umanamente affidabile.
E bene farebbe il presidente Emiliano a guardarsi dai metodi spregiudicati e meschini di chi si presenta a Taranto come suo portavoce mettendo solo zizzania con il beneficio di tornarsene a Bari lasciandoci i fossi che ha scavato e i pozzi che ha inquinato.

Caro Presidente Emiliano siamo stanchi e esausti di subire incessantemente queste azioni e queste manovre lobbiste a danno della nostra comunità.

Saremo al tuo fianco quando partiranno i lavori per il San Cataldo. Quando la sanità ionica sarà dignitosa. Quando i rifiuti avranno nelle altre province i propri impianti senza avere quale destinazione Taranto. Saremo al tuo fianco quando si attiveranno le assunzioni stabilite dal Governo Renzi per Arpa.
Insomma noi saremo leali se la lealtà ci sarà nei confronti del nostro territorio. Giammai potremmo più farlo con personaggi che fanno del lobbismo senza ideali il proprio vangelo.
Per questo aspettiamo di poterti dimostrare la nostra lealtà.

Published in Politica

 Tiziano Onesti (foto), Presidente Aeroporti di Puglia “l’avvio del collegamento con Cracovia rientra in una precisa attività di pianificazione strategica pianificata con Pugliapromozione, che consentirà di intercettare nuovi flussi incoming da un’area dinamica con concreti margini di crescita.”

Bar – Dal prossimo 2 maggio 2019 AdP avvierà con Wizz Air un nuovo collegamento tra Bari e Cracovia. Il volo sarà operato su tre frequenze settimanali ogni martedì, giovedì e sabato.

Per il Presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti, “l’avvio del collegamento con Cracovia rientra in una precisa attività di pianificazione strategica con l’Agenzia Pugliapromozione. In questi anni, infatti, la Polonia si è segnalata quale mercato fonte in forte crescita per l’incoming pugliese; siamo certi che il volo su Cracovia, quarta destinazione polacca di Wizz Air, con la quale abbiamo definito la conferma per la prossima stagione estiva dei collegamenti con Varsavia, Katowice e Breslavia, farà crescere gli arrivi da un’area dinamica e con concreti margini di crescita. Confidiamo, perciò, che anche in questa circostanza i nostri operatori saranno pronti a cogliere le possibilità offerte da una capillare rete di collegamenti sempre più orientata a favorire l’internazionalizzazione delle imprese e la destagionalizzazione dei flussi. Non si può non sottolineare, infatti, come questi voli rappresentino un elemento fondamentale per il mondo delle imprese pugliesi, non solo del comparto turistico, per sviluppare business su mercati in espansione e in forte crescita economica”.

In questo ambito va ricondotta l’attività programmata da Pugliapromozione in Polonia. In questi giorni, infatti, la Puglia viene presentata al TT Warsaw.

"La stretta e proficua collaborazione con Aeroporti di Puglia continua a dare i suoi frutti. Quest’anno per la prima volta la Puglia viene presentata al TT Warsaw, la fiera di settore di riferimento per il mercato polacco -commenta l’Assessore all'Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone - Per questa 26esima edizione della fiera l'Italia è partner country; Pugliapromozione partecipa con 5 imprese pugliesi e uno spazio dedicato nello stand Italia di Enit. La partecipazione a TT Warsaw rientra in una più ampia strategia di rafforzamento della presenza sul mercato polacco anche a supporto dei 4 voli che collegano la Puglia. E nel 2019 a Varsavia è anche previsto un appuntamento del BuyPuglia Tour! D'altra parte con 99mila pernottamenti e 32mila arrivi registrati nel 2017, la Polonia entra a far parte della top ten dei mercati esteri per numero di notti trascorse in Puglia. Dal 2010 a oggi il numero di turisti polacchi è aumentato del +51,8% per gli arrivi e del +66,7% per le presenze. Le potenzialità di crescita del flusso turistico verso la Puglia sono promettenti, non solo per i fattori legati alla crescita economica della Polonia, ma anche per una naturale propensione dei polacchi verso la cultura mediterranea, il prodotto balneare e spirituale".

Andras Rado, Corporate Communications Manager di Wizz Air ha dichiarato: “Siamo contentissimi di avviare una nuova rotta su Bari, collegando questa grande città con il centro storico e culturale di Cracovia, la nuovissima 26ma base di Wizz Air. Bari e Cracovia sono destinazioni perfette per tutti, ideali per quanti cercano città ricche di storia e architettura. Siamo sicuri che i nostri clienti apprezzeranno questo collegamento, i nostri voli e le nostre tariffe. Il nostro amichevole equipaggio attende con ansia di accogliervi a bordo di un volo Wizz Air!”

Published in Cronaca

Continua la IV edizione della rassegna "ArmoniE in Bianco e Nero", promossa da Associazione ArmoniE, con la direzione artistica di Palma di Gaetano, in collaborazione con Associazione Le Pleiadi, Ragazzi in Gamba Taranto, Occhio Fotografico, Semplicemente Donne e patrocinata dal CSV, Centro Servizi Volontariato di Taranto, dalla Regione Puglia – Assessorato all'Industria Turistico Culturale – Gestione e Valorizzazione dei Beni Culturali della Regione Puglia, Puglia Promozione, Puglia Events, dalla Provincia e dal Comune di Taranto, e abbinata alla mostra “Sospensioni” del M° Alfredo Pompilio. 

Sabato 24 novembre, ore 19 presso il Salone degli Specchi – Palazzo di Città (piazza Municipio) Taranto, il penultimo evento della rassegna ci farà volare da un continente all'altro prima di rituffarci nelle atmosfere natalizie!
Il programma “Dall’America al Vesuvio” con musiche di L. Bernstein, H. Arlen, G. Gershwin, K. Weill, S. Pappalardo, F. P. Tosti, E. Krakamp, A. Piazzolla, G. Donizetti, sarà eseguito dal New Ensemble Toscanini, formato da Federica Pagliuca, soprano – Caterina D’Amore, flauto - Antonella De Vinco, pianoforte, tre artiste campane che da anni svolgono con successo attività concertistica in Italia e all'Estero.

Ingresso libero.
Info al 328.8365625
Fb Armonie associazione Artistico Culturale Musicale
www.associazionearmonie.org

 

Federica Pagliuca, soprano, si e'diplomata in canto lirico presso il Conservatorio “ D. Cimarosa” di Avellino e successivamente si è laureata in Pianoforte e Musica vocale da camera barocca con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio “ San Pietro a Majella” di Napoli. E' stata inoltre ammessa ed ha frequentato, nel 2014, l'Accademia del Belcanto “ Rodolfo Celletti” di Martina Franca. Ha all'attivo collaborazioni con il Teatro Massimo Bellini di Catania (2016), il Ravello Festival (2016), il Festival della Valle d'Itria (2014), il Teatro di Corte del Palazzo Reale di Napoli (2015/2016), il Teatro Mercadante di Altamura (2016) e il Napoli Teatro Festival (2013).
E' stata diretta, tra gli altri, da Antonio Florio, Jerome Correas, Renato Piemontese, Antonio Greco e Gennaro Bianco e da registi del calibro di Andrea Cigni, Denis Krief, Mariano Bauduin e Benedetto Sicca.
Caterina D’Amore si è diplomata brillantemente in Flauto presso il Conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino. Successivamente ha frequentato il corso triennale di Alto Perfezionamento presso la prestigiosa “Accademia Italiana del Flauto” in Roma, diplomandosi con il massimo dei voti, sotto la direzione del Maestro R. Guiot e vincendo il primo premio all’unanimità nel concorso dell’accademia. Si è diplomata ai Corsi Superiori del Conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino nelle classi di Flauto e Musica Contemporanea. Ha seguito corsi con i Maestri Tamponi, Trevisani, Levine, Hubert e conseguito il diploma di Laurea di Secondo livello in Discipline Musicali presso il Conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino con la votazione di 110/110 e lode. Premiata anche in vari Concorsi Nazionali e internazionali, ha svolto e tuttora svolge attività concertistica, con successo di pubblico e di critica in diverse formazioni cameristiche, esibendosi in molteplici rassegne ed eseguendo repertori che vanno dal settecento alla musica contemporanea. Collabora come Primo Flauto con l’orchestra femminile “Alma Mahler Sinfonietta” con la quale ha eseguito concerti anche all’estero. Ha tenuto corsi presso il dipartimento di matematica dell’Università Federico II di Napoli . E’ docente presso le scuole ad Indirizzo Musicale e dall'A.S. 2017/18 presso il Liceo musicale”Imbriani” di Avellino.
Antonella De Vinco, nasce ad Atripalda(AV), studia sino al conseguimento del Diploma in pianoforte con il M°Carlo Lapegna e successivamente si perfeziona con il M°Franco Medori e la concertista Laura De Fusco.
Ha frequentato Masterclasses tenute dai Maestri F. Scala, R. Risaliti e B. Petrushansky.
Nel 2007 ha conseguito brillantemente il Diploma Accademico di Laurea di II livello in Pianoforte presso il Conservatorio di Musica “San Pietro a Majella” di Napoli.
Ha suonato per importanti istituzioni concertistiche ed enti musicali in Italia; in Europa: Germania (Philharmonie, Istituto Italiano di Cultura di Wolfsburg, I. I.C. di Amburgo, I.I.C. di Berlino, Auditorium Università di Kiel, Beethoven Haus di Bonn); Austria (Konzerthaus- Vienna); Regno Unito- Londra IIC di Cultura; Spagna (Festival de Verano – Barcellona, Auditorio Nacional de Musica - Madrid), Portogallo (Auditorium Conservatorio - Oporto); Belgio (Auditorium Wielick - Liegi), Francia: Parigi (Musicalta Festival); Norvegia (Bergen Summer Festival); Russia ( Società“Dante Alighieri”di Mosca); Bulgaria (Sala Bulgaria - Filarmonica di Sofia), Repubblica Ceca- (Smetana Hall di Praga); in Sud America, Texas e California, in Nord America; negli Stati Uniti: Carnegie Hall - New York; in Asia: Giappone (Kioto, Hiroshima, Metropolitan Art Space – Tokio).

 

Ultimo appuntamento di ArmoniE in Bianco e Nero

Giovedì 27 dicembre – h 19 Salone degli Specchi – Palazzo di Città
TRIO – ITALIA, SPAGNA
Alessandro Carere, Flauto - Francesco Mannis, Flauto - Elena Aguilar Gasulla, Pianoforte

“Piccoli & Piano” Musiche di F. Kuhlau, F. & K. Doppler, D. Lovreglio

Published in Spettacolo

Roma -  “Gli incidenti verificatisi all’interno dell’Ilva nelle ultime settimane, l'ultimo dei quali avrebbe comportato la fermata improvvisa di ben 3 altoforni, rendono il tema dell’immunità penale garantita per decreto ai gestori dell’Ilva ancora più urgente. Un’anomalia tutta italiana rispetto alla quale ho chiesto spiegazioni ufficiali al Governo”.


Il senatore del MoVimento 5 Stelle, Mario Turco, annuncia di aver presentato un’interrogazione parlamentare sul tema dell’immunità penale, garantita ai gestori del complesso siderurgico tarantino.
“Nell’interrogazione – precisa Turco - ripercorro i principali provvedimenti normativi con i quali i Governi di centro sinistra hanno tutelato chi avrebbe dovuto attuare le prescrizioni dell’Autorizzazione Integrata ambientale. In primo luogo il decreto legge del 5 gennaio 2015 che escludeva le responsabilità dei commissari straordinari e, in seconda battuta, la legge 98 del 9 giugno 2016 che ha esteso lo scudo penale ai futuri affittuari dell’Ilva”.
“La mia richiesta – conclude il parlamentare tarantino – è indirizzata a ben 3 Ministri: quello della Giustizia, quello dell’Ambiente ed, infine, quello dello Sviluppo Economico. La domanda posta è chiara ed inequivocabile: si chiede infatti l’adozione di possibili interventi immediati volti al ripristino del principio costituzionale per cui la ‘legge è uguale per tutti’”.

Published in Politica

Nella giornata di mercoledì il consigliere Carmen Casula ha partecipato a un incontro presso l'Istituto Frascolla nell'ambito della settimana legata ai messaggi contro la violenza sulle donne e, in particolar modo, alla settimana per ricordare Federica De Luca e suo figlio Andrea tragicamente scomparsi.


"La tavola rotonda organizzata per quest'occasione raccoglie un messaggio di speranza affinché quando accaduto a Federica e Andrea non si ripeta più. Lo sport è la Fipav con la settimana per Federica e Andrea hanno dato un segnale, per il secondo anno consecutivo, del ricordo di quell'amore di Federica per questo sport. Il Comune di Taranto con lo sportello antiviolenza ha dato il suo piccolo ma significativo segnale. Quello che più conta è denunciare le violenze, non rimanete in silenzio. Uno schiaffo oggi può essere molto di più domani. Noi Comune di Taranto continueremo a far sempre la nostra parte anche di collaborazione con le Forze dell'ordine e di prevenzione con i cittadini. Ma alle donne e ai bambini dico in caso di violenza: parlate e agite affinché non sia troppo tardi".

Published in Cronaca

Roma - Si è conclusa oggi la Conferenza Interparlamentare svoltasi a Zagabria il 22 e 23 novembre su iniziativa del Parlamento croato sul tema “Quale ruolo dei Parlamenti nel futuro dell’agricoltura e dell’agroalimentare?”, a cui ha partecipato per l’Italia, in rappresentanza della maggioranza in Commissione alla Camera, il deputato Gianpaolo Cassese del M5S, relatore di uno dei Regolamenti della Politica Agricola Comune.

Due giorni di confronto serrato tra le 21 delegazioni parlamentari europee presenti, intervenute su PAC e sulle tante tematiche ad essa connesse: sostegno al reddito degli agricoltori, nuovi piani strategici nazionali, contrasto ai tagli previsti per il settore agricolo nel bilancio europeo causati dalla Brexit, impegno del mondo dell’agricoltura nella lotta ai cambiamenti climatici. Ad aprire i lavori il Commissario europeo per l’agricoltura Phil Hogan.

Cassese, già imprenditore agricolo pugliese, ha consegnato alla ricca discussione la sua esperienza: “Ho vissuto sulla mia pelle le scelte delle politiche agricole europee degli ultimi venti anni e, pur conscio dell’importanza di sostenere con ogni energia una politica agricola comune, non sempre ho percepito tali politiche come amiche o in sostegno del mio operato e questa considerazione, purtroppo, non è molto diversa da quella che hanno molti agricoltori europei”.
È quindi anche a partire da un punto di osservazione diretto di impegno sul campo, che Cassese ha messo a fuoco alcune proposte: “Da una parte dobbiamo garantire agli agricoltori una reale riduzione della burocrazia e un adeguato sostegno al reddito, dall’altra fornire al consumatore, attraverso regole comuni vincolanti, un prodotto tracciabile e sano, anche dal punto di vista dell’uso dei pesticidi”. “Dovremmo considerare come criterio per assegnare i pagamenti diretti, non solo la superficie dei terreni, ma anche la forza lavoro impiegata dall’azienda” ha affermato Cassese rivolgendosi alla platea. 
 “L’indicazione del paese di origine in etichetta per noi continua a rappresentare uno degli obiettivi fondamentali da perseguire” ha aggiunto il deputato. 
“Inoltre siamo convinti che legare maggiormente un territorio ad un prodotto agroalimentare, favorisca la promozione di attività connesse come l’agriturismo o il turismo più in generale. Un obiettivo questo – ha precisato – non diverso da quello degli altri paesi dell’Unione.”
“In questa due giorni densa di stimoli e di proposte, sono emersi, seppur nelle differenze, tanti punti di condivisione ed un possibile terreno comune di impegno per il rilancio del comparto” ha commentato il deputato a conclusione dei lavori, aggiungendo che “la sfida adesso è tradurre le buone intenzioni espresse in questa sede in concreto miglioramento della qualità della vita dei nostri agricoltori.”

Published in Politica
Venerdì, 23 Novembre 2018 16:16

Tavola Rotonda “Ti Amo… Da Morire”

Giorno 26 novembre 2018 nella sala Convegni dell’Ospedale SS. Crocifisso di Taranto in via SS. Annunziata, avrà luogo la Tavola Rotonda “TI AMO… DA MORIRE: in rete contro la violenza per Pensare, Prevenire, Agire”.


La giornata è dedicata al fenomeno del Femminicidio, vedrà dibattere sul tema le Procure, la Prefettura, il Tribunale Ordinario e dei Minori, le Forze dell’Ordine, i Centri Antiviolenza.
Nella giornata verranno presentati i lavori artistici e la rappresentazione teatrale degli alunni dei Licei Calò e Aristosseno della nostra città.
Presso le suddette scuole viene infatti realizzato il progetto “Ti Amo… da Morire”, curato dal Servizio di Psicologia Clinica e di Psicoterapia del Dipartimento di Salute Mentale. Un percorso di educazione all’affettività rivolto agli adolescenti e finalizzato a sensibilizzare, attraverso la formazione, relazioni affettive sane. Saranno proprio i ragazzi coinvolti nel progetto a tradurre, attraverso i loro lavori, i contenuti emotivi recepiti durante il percorso formativo.
Nell’occasione il Management della Direzione Generale della ASL di Taranto presenterà le sinergiche azioni tra il Dipartimento di Salute Mentale e la Direzione Socio-Sanitaria che insieme hanno realizzato il Centro Specialistico di diagnosi e cura del trauma interpersonale, un servizio indicato nelle Linee Guida della Regione Puglia, un esempio di quelle buone pratiche in grado di intercettare il fenomeno della violenza e fornire risposte terapeutiche all’utenza.
I lavori avranno inizio alle ore 9:00 e termineranno alle 13:00.
A far data dal 23 novembre 2018 sarà possibile visitare l’esposizione artistica degli alunni del Liceo Artistico Calò di Taranto, allestita al I° piano dell’Ospedale SS. Crocifisso.

Published in Cronaca
Pagina 1 di 15

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk