Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Martedì, 13 Novembre 2018

«Rimaniamo costernati nell’apprendere dell’ennesimo incidente sul lavoro che è costata la vita a due operai edili, il 30enne Giovanni Palmisano e il 54enne Angelo Daversa, avvenuta oggi. Non conosciamo i dettagli su quanto accaduto, nulla sappiamo sulle cause che saranno accertate dalle autorità competenti; quel che non ci stancheremo mai di pretendere è che il lavoro sia sicuro, che vengano rispettate tutte le prescrizioni che spesso vengono ignorate o aggirate, cosa che in tanti casi i lavoratori sono costretti ad accettare a causa della necessita di garantirsi un reddito.
Esprimiamo tutta la nostra vicinanza alle famiglie, ai congiunti che sono stati colpiti dal dolore più grande e che affidiamo al Signore insieme ai loro cari».

Published in Cronaca
Martedì, 13 Novembre 2018 19:26

Arcelor Mittal, sull'evento emissivo di stamane

Taranto, 13 novembre 2018 – A seguito di un disservizio impiantistico, stamane alle ore 8 circa si è verificata l’apertura delle valvole bleeder dell’impianto Altoforno 2.
Tale manovra, che rientra nelle comuni pratiche di gestione dell’Altoforno previste per questo tipo di evenienze, ha generato un evento emissivo visibile all’esterno.
L’anomalia, immediatamente risolta, non ha causato danni a persone o cose.
L’ azienda sta svolgendo ogni tipo di indagine per risalire alle cause che hanno scaturito l’evento.

 

Published in Cronaca

Due operai, il titolare di una piccola impresa edile ed un giovane dipendente, sono morti a Taranto cadendo questa mattina da un cestello elevatore durante lavori di ristrutturazione di un edificio di via Galeso, al rione Tamburi di Taranto. 
Dalle prime ricostruzioni pare che il cestello sollevato dal braccio dell'elevatore, su cui stavano operando due lavoratori, si sia ribaltato.
Ancora una volta dobbiamo piangere persone morte per guadagnarsi da vivere. 
Due famiglie distrutte dalla scarsa cultura della sicurezza e dalle insufficienti misure adottate.
Il Ministro del Lavoro, così attento ad aggredire la stampa e ad ingiuriare chiunque non la pensi come lui, cosa aspetta a emanare norme stringenti sulla sicurezza sul lavoro? 
Questa è la sicurezza da tutelare, non quella propagandata da Salvini, rivolta a perseguire gli emarginati e i più poveri fra i poveri.
Il nostro sentito cordoglio alle famiglie dei due lavoratori.



Published in Politica
Martedì, 13 Novembre 2018 19:14

Ance su morti bianche al quartiere Tamburi

Campagna (ANCE Taranto): “Non è solo un discorso di formazione e repressione”

Il cordoglio non basta. Non basta più. Quelle famiglie, quei lavoratori, quelle imprese, hanno diritto a parole di verità su un tema, quello della sicurezza, che ha numerosi punti di debolezza da affrontare, dal mancato riconoscimento dei costi (quando è privata spesso non è disposta a riconoscere il costo della sicurezza, quando è pubblica con le gare al massimo ribasso o con l’offerta economicamente più vantaggiosa, strozza così tanto l’impresa da costringerla a tagliare su tutto), passando dai limiti della cultura di impresa, fino al variegato mondo dell’edilizia con imprese grandi sotto la lente di ingrandimento e aziende piccole che sfuggono ad ogni tipo di controllo.
Così Paolo Campagna, presidente di ANCE Confindustria Taranto, a commento della drammatica vicenda che questa mattina ha visto morire un operaio edile e il suo titolare, precipitati da un ponteggio mobile per la ristrutturazione di una palazzina civile in via Galeso al quartiere Tamburi di Taranto.
Non è solo un discorso di repressione o formazione – dice Campagna – perché sulla formazione prendendo in considerazione solo l’ente bilaterale del Formedil CPT abbiamo garantito circa 1300 ore di formazione (tra obbligatoria e non) nel 2018, 364 controlli in cantiere e abbiamo affiancato 164 aziende. Ma immaginare di controllare tutti i cantieri è mero esercizio demagogico, quello che serve è rendere quella pratica di prevenzione e tutela della sicurezza una condizione possibile a partire dal dato economico.
Si gioca tutta su questo fronte la partita sulla sicurezza – termina il presidente dell’ANCE di Taranto – ecco perché sarà questo uno dei temi che tornerà preponderante nell’ambito della riunione sul protocollo di legalità che il 15 è convocato in Prefettura, prima del tavolo sulla sicurezza nei cantieri edili convocato per il 20. Assicurare legalità, rispetto per le aziende virtuose, ferreo controllo sul dumping contrattuale sono condizioni assolutamente necessarie.

 

Published in Cronaca

La notizia delle due morti bianche al quartiere Tamburi arriva mentre come organizzazioni sindacali ci preparavamo all’incontro che il prossimo 20 novembre in Prefettura, ci metterà nella condizione di esaminare la bozza di protocollo per la sicurezza dei lavoratori nel settore dell’edilizia. Oltre al cordoglio alle famiglie sentiamo il peso dell’urgenza.

Così in una nota congiunta le segreterie confederali di CGIL, CISL e UIL e di categoria di FILLEA, FILCA e FENEAL, a commento della notizia di cronaca riferita alla morte di due operai edili durante i lavori di ristrutturazione di una palazzina civile in via Galeso.
Il drammatico incidente si verifica non negli ambiti classici dell’impiantistica industriale, ma in un normalissimo cantiere edile di un condominio. Segno evidente che il tema della sicurezza e il rispetto delle regole stentano ancora ad entrare nel dna di tutti i tipi di imprese – dicono – Lamentiamo, inoltre, da tempo il taglio agli investimenti che riguardano soprattutto il potenziamento degli organismi di controllo e di ispezione all’interno dei cantieri – si legge – e chiediamo che si torni ad avere particolare attenzione sul tema della sicurezza che non riguarda solo il personale ma anche i mezzi impiegati. Tema che trova risposte adeguate nella corretta applicazione del Contratto Nazionale di Lavoro, ma anche nella regolarità contributiva, che rappresentano utile strumento di garanzia per tutto il comparto.
Il Protocollo proposto dalla Prefettura di Taranto, alla vigilia di una grande stagione di investimenti infrastrutturali per la città capoluogo, ha proprio lo scopo di potenziare questi strumenti, partendo anche dalla formazione che è prevenzione non solo per i lavoratori ma anche per le aziende del settore.

Published in Cronaca
Martedì, 13 Novembre 2018 17:59

New Taranto C5, Mimmo Reale resta in panchina

Grinta, carattere, passione e amore per la maglia e la propria città.

Questi i motivi che hanno spinto la dirigenza della New Taranto C5 a scegliere Mimmo Reale come coach della squadra rossoblu che milita nel campionato di serie B di futsal maschile.

Il tecnico, già in panchina nelle due gare vinte contro Bernalda in coppa e a Policoro contro Orsa Aliano in campionato, ha convinto tutti e continuerà a guidare Dao e compagni dopo le dimissioni di coach Susco giunte la scorsa settimana.

COMUNICATO STAMPA

Published in Sport

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk