Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Mercoledì, 21 Novembre 2018

Roma  - “Tutte le pubbliche amministrazioni e tutti gli enti pubblici che intendono avvalersi di un call center esterno devono affidare lo svolgimento di tali servizi ad aziende che non abbiano delocalizzato le proprie attività nel recente passato”. 

È questa una delle misure contenute nel disegno di legge che porta la firma dei portavoce del Movimento 5 Stelle, Mario Turco e Sergio Puglia, pubblicata nella sezione Lex della piattaforma Rousseau.
Ad annunciarlo è lo stesso parlamentare tarantino che afferma: “Il settore dei call center è uno dei più esposti ai processi di globalizzazione e a pagare le conseguenze di questa lacuna del nostro ordinamento sono soprattutto i lavoratori”.
“Nell’ambito del riordino normativo del settore che ci accingiamo a varare – aggiunge Turco -, riveste un ruolo di primo piano la tutela garantita al singolo lavoratore. Si sana così una piaga dolorosa relativa allo sfruttamento di tanti uomini e donne a volte costretti ad operare in angusti sottoscala, percependo retribuzioni infime. Inoltre tuteliamo le imprese che operano in maniera trasparente ed onesta dalla concorrenza sleale di chi invece si muove con eccessiva disinvoltura nel mercato del lavoro”.
“Ad assicurare il rispetto delle norme, emanare linee guida generali per l'adozione di corretti, trasparenti ed efficaci modelli di organizzazione, predisporre un codice etico di condotta che le imprese di call center devono obbligatoriamente adottare, sarà un osservatorio dedicato al settore dei call center istituito presso il Ministero dello Sviluppo economico”.
Il disegno di legge permarrà sino al 6 gennaio 2019 nella sezione ‘Lex Parlamento’ della piattaforma ‘Rousseau’ per raccogliere osservazioni e suggerimenti.
“Ho voluto impegnarmi personalmente su questo tema – conclude Mario Turco – e rispondere alle istanze di tanti lavoratori tarantini e di tante imprese oneste che operano nel settore dei call center e meritano maggiori tutele normative”.

 

Published in Politica
Mercoledì, 21 Novembre 2018 17:40

I sapori e lo sport di un tempo rivivono a Taranto

24-25 novembre, 1-2 dicembre nel parco archeologico di Collepasso l’evento di Massimo Cimaglia

Sarà il Parco archeologico di Collepasso a Taranto (in via Rondinelli n°20 nei pressi della Scuola Aeronautica SVAM), tornato fruibile grazie alla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e paesaggio di Brindisi, Lecce e Taranto, ad ospitare l’evento "Viaggio nei sapori del tempo. L'enogastronomia a Taranto tra sport e cultura" ideato dal regista Massimo Cimaglia, prodotto dalla società Teseo, guidata da un altro tarantino, Antonio Mancini, e sovvenzionato dal programma regionale InPuglia365. Gli appuntamenti, ad ingresso gratuito, si terranno in due fine settimana: sabato 24 e domenica 25 novembre, sabato 1 e domenica 2 dicembre dalle ore 10:30 alle 13:30.
L’EVENTO. Il viaggio punta ad una fruizione del territorio e dell'enogastronomia attraverso attività teatrali, sportive e prodotti locali. Previste visite guidate in italiano e in inglese e degustazioni di prodotti senza glutine. Seguendo la strada del piano strategico della Regione Puglia, il percorso si snoderà in quattro mattinate che si apriranno con una visita guidata dell’area archeologica di Collepasso, a cura degli esperti della cooperativa Polisviluppo, seguita da eventi sempre diversi. A collaborare inoltre la Pro Loco di Taranto per il servizio Info Point. Si consiglia di raggiungere il Parco utilizzando l’autobus 1/2, scendendo alla fermata “Mazzola”, che si trova a circa 100 metri.

IL PROGRAMMA. Si comincia sabato 24 novembre alle 10:30 con la visita nel Parco. Successivamente (11:30 circa) il reading del testo originale “L’ultima vittoria” di Barbara Gizzi, ispirato al celeberrimo Atleta di Taranto, narrato da Massimo Cimaglia in compagnia di musicisti e dell'attrice Valeria Cimaglia. La declamazione sarà lo spunto per rievocare anche la figura di un altro personaggio straordinario: Icco di Taranto, atleta e medico che comprese per primo l'importanza dell'alimentazione in campo sportivo. E uno dei piatti che Icco utilizzava per la sua dieta verrà preparato e offerto al pubblico dalla chef Valentina De Palma.

Domenica 25 novembre ore 10:30 visita nel Parco. Alle 11:30 circa la giornata dei bambini con attività di gioco ispirate agli sport dell'antico pentathlon. Un istruttore del Coni guiderà l'evento che prevede anche la partecipazione di un nutrizionista sportivo che illustrerà i vantaggi della dieta mediterranea. Seguirà una gustosa merenda tematica. L’invito è rivolto alle famiglie: ogni piccolo potrà giocare, fare sport, divertirsi e mangiare prodotti genuini.

Sabato 1 dicembre alle 10:30 visita nel Parco. Al termine dell’escursione, alle 11:30, il giornalista Giuseppe Mazzarino, esperto di cibo dell'antichità, racconterà la tradizione alimentare spartana, soffermandosi in particolare sui sissizi, pasti in comune dei cittadini delle comunità doriche. La narrazione, animata da attori, sarà seguita dalla degustazione dei piatti preparati dagli studenti dall'Istituto Alberghiero Mediterraneo di Pulsano.

Domenica 2 dicembre la visita del Parco alle 10:30. A seguire si parlerà della tradizione gastronomica con l'intervento di Marcello Carrozzo della Masseria Urbana di Crispiano, impresa sociale impegnata sul fronte della produzione agricola basata sul rispetto della natura. Si potranno gustare prodotti del territorio, accompagnati dalla narrazione di attori sulla tradizione enogastronomica tarantina. Sono invitate mamme e nonne con le loro ricette di famiglia.

I COMMENTI. Il ricco calendario di eventi è stato presentato questa mattina in conferenza stampa nella sede tarantina della Soprintendenza ai Beni Architettonici, alla presenza degli organizzatori, della dott.ssa Laura Masiello in rappresentanza dalla Soprintendenza, e del prof.Nicola Fortunato che ha portato il saluto del rettore Antonio Uricchio dell’Università di Bari.
Massimo Cimaglia: “Le suggestioni, i sapori e le sensazioni aiutano il turista a sentire profondamente la bellezza di Taranto, a dare nuove immagini e spessore alle tradizioni. Solo attraverso gli incontri e i racconti, è possibile godere di un territorio affascinante come il nostro”.
A Roma per impegni istituzionali, l’assessore regionale al Turismo Loredana Capone, ha fatto sentire la sua vicinanza attraverso un videomessaggio: “Taranto è una città bellissima, dal paesaggio alla cultura, e il nostro sforzo deve puntare a farla conoscere di più. Ringrazio Massimo e tutte le associazioni che si impegnano in questo grande lavoro di promozione della cultura.”
Laura Masiello: “A nome del Soprintendente Maria Piccarreta porgo il nostro entusiasmo per un’iniziativa che vuole far vivere il Parco di Collepasso di Taranto, un’area preziosa che deve essere conosciuta a tutti”.
Il progetto vede il sostegno di Regione Puglia, la collaborazione della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Brindisi, Lecce e Taranto, dell’Istituto Superiore Alberghiero “Mediterraneo”, del Coni Puglia, della Pro Loco di Taranto, della Masseria Urbana di Crispiano, e il patrocinio di Comune e Provincia di Taranto.

 

Published in Cultura

Il Bonus Verde rappresenta una straordinaria opportunità, sia per l’intera comunità, sia per gli addetti ai lavori, purché sia trattato, in tutti i suoi aspetti, con rigore e competenza da professionisti di comprovata esperienza.

È il messaggio forte e univoco lanciato dal convegno “Bonus Verde: applicazioni ed opportunità” che si è tenuto (martedì 20 novembre) nel Salone degli Specchi del Municipio di Taranto.
La manifestazione è stata organizzata dall’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Taranto, in collaborazione con l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Taranto.
Nell’occasione è stata a Taranto, per la prima volta in Puglia, la Dott.ssa For. Sabrina Diamanti, neo eletta Presidente Nazionale del Conaf (Consiglio dell'Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali).

Introducendo i lavori il Dott. Agr. Gianrocco De Marinis, Presidente Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali della Provincia di Taranto, ha spiegato che «il Bonus Verde è la detrazione Irpef del 36%, prorogata all’anno prossimo grazie alla nuova legge di bilancio 2019, che interessa la sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, di impianti di irrigazione e la realizzazione di pozzi, di coperture a verde e di giardini pensili».
Nel suo saluto il Dott. Agr. Rosario Centonze, Presidente della Federazione Regionale Ordini dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali della Regione Puglia, ha lodato l’organizzazione del convegno per il suo approccio multidisciplinare, una formula vincente che consente di approfondire una tematica in modo completo ed esaustivo.
Anche il consigliere provinciale Walter Rochira, che ha portato all’assemblea i saluti del Presidente Giovanni Gugliotti, ha lodato questa formula che permette di formare adeguatamente i professionisti.

La presidente nazionale Sabrina Diamanti ha affermato che «per i dottori agronomi e i dottori forestali il Bonus Verde rappresenta una straordinaria occasione per dimostrare le nostre competenze anche in ambito urbano, dove è molto importante affidarsi a professionisti qualificati per la realizzazione di progetti del verde».
«L’agronomo ed il forestale rappresentano – ha poi detto Sabrina Diamanti – l’unica figura professionale che, a seconda del contesto urbano, è in grado di seguire la progettazione dalla fase iniziale dell’impianto, fino alla gestione delle piante adulte. Basti pensare all’iniziale importanza nella scelta della specie ed alla disposizione delle piante, nonché alla successiva conduzione dell’area a verde che comprende tra le operazioni più importanti: l’irrigazione, la nutrizione, la difesa e la gestione della chioma».
Il dottor Leonardo Capitanio, Presidente dell’Anve, ha affermato che il Bonus Verde rappresenta una importante opportunità di sviluppo per il settore vivaistico, anche se si sarebbe auspicata una percentuale di detrazione Irpef più importante, in modo da incentivare maggiormente i contribuenti: per tracciare un bilancio dell’utilizzo del Bonus Verde, infatti, bisogna aspettare i dati relativi alle dichiarazioni dei redditi del 2018.
La dottoressa Annamaria Portulano, Presidente ANACI della Provincia di Taranto, è intervenuta sul tema “La progettazione del verde condominiale: il ruolo del professionista”, sottolineando le problematiche che incontrano gli amministratori di condominio per illustrare nelle assemblee i vantaggi del Bonus Verde, auspicando una sempre maggiore collaborazione tra professionisti coinvolti in tutte le fasi della sua applicazione.
Più tecnico l’intervento del commercialista Giuseppe Ribecco, che ha illustrato le nuove agevolazioni fiscali previste dalla legge di bilancio 2018, soffermandosi sugli aspetti tecnico-burocratici necessari per ottenere le agevolazioni del Bonus Verde dalla Agenzia delle Entrate.
Dopo il dibattito, concludendo i lavori Sabrina Diamanti ha affermato che il convegno ha rappresentato un importante momento di confronto tra diversi professionisti il cui fine ultimo è soddisfare le esigenze dei committenti, siano essi privati che pubbliche amministrazioni.
L’ultimo pensiero è stato proprio per queste ultime: riferendosi a episodi di cronaca con alberi caduti su cose e persone, Sabrina Diamanti ha auspicato che si sviluppino ulteriormente le collaborazioni con le amministrazioni comunali, in modo da individuare gli alberi che purtroppo devono essere necessariamente abbattuti, rappresentando un pericolo per la comunità, e quelli che invece possono e devono essere curati, nonché per progettare le nuove piantumazioni del verde pubblico.

Il convegno è stato patrocinato da Comune di Taranto, Provincia di Taranto, Conaf (Consiglio dell'Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali), Fodaf Puglia (Federazione regionale degli ordini dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Puglia) e Anve (Associazione Nazionale Vivaisti Esportatori).

 

Published in Cronaca

Il Recital di ArmoniEnsemble Guitar Trio inaugura nel giorno di Santa Cecilia, la VI edizione di ArmoniE di Natale, rassegna itinerante che avrà luogo nelle province di Taranto e Brindisi nel periodo delle festività.

Il progetto, patrocinato dal Comune di Taranto, dalla Regione Puglia - Assessorato all'Industria Turistica e Culturale - SP6/0000616/2018, Puglia Events e Puglia Promozione, promosso da Associazione ArmoniE in collaborazione con Associazione Artava, Università Telematica Pegaso, sede di Taranto, Ciki e il Boss, sarà l'insieme di concerti musicali, mostre dell'artigianato e dell'arte pittorica per valorizzare le ricchezze del territorio e i siti di pregio come il bellissimo Palazzo Galeota che, per l'occasione, sarà addobbato “a festa” e ospiterà, al primo piano, il concerto del Trio formato da Palma di Gaetano - Flauto, Giordano Muolo - Clarinetto, Vincenzo Zecca - Chitarra.
Il Trio, è la prima formazione nata in seno ad Associazione Artistica Musicale ArmoniE: i 3 musicisti provengono da studi di formazione classica e da anni si dedicano, parallelamente a quella didattica, all’attività concertistica in ambito solistico, cameristico e orchestrale.
Il Trio si contraddistingue per il perfetto equilibrio sonoro e la scelta dei programmi proposti che, nel corso di ogni esibizione in Italia e all'Estero, catturano l'attenzione e l'apprezzamento del pubblico, entusiasta e caloroso dopo ogni esecuzione.
In ArmoniEnsemble Trio, gruppo da camera inconsueto e dal gradevolissimo impasto timbrico, gli interpreti mettono in comune le molteplici e mature qualità professionali proponendo nei loro concerti trascrizioni di brani celebri tratti dal repertorio classico-operistico e composizioni originali di “giovanissima” creazione, molte delle quali appositamente scritte o rielaborate per loro.
Il programma del concerto inaugurale della VI edizione di ArmoniE di Natale, partirà dall'Ouverture della “Gazza Ladra” del celebratissimo operista pesarese Gioacchino Rossini per arrivare a G. Verdi, C. W. Gluck e concludersi con la tradizione natalizia.

 

Published in Spettacolo

Capire, cercando di cavarsela, la triplice crisi: economica, energetica ed ecologica. Giovedì 22 novembre alle ore 10:30, Aula Magna del Liceo Artistico “V. Calò”.

“Cambiare visione per prepararsi al futuro” sarà il tema trattato in occasione della presentazione del libro «Picco per capre. Capire, cercando di cavarsela, la triplice crisi: economica, energetica ed ecologica», scritto da Jacopo Simonetta e Luca Pardi, con la prefazione del meteorologo Luca Mercalli.

Un libro scritto con un linguaggio elementare per le persone che hanno voglia di comprendere concetti e argomenti di cui sentono parlare (cambiamento climatico, crisi ecologica, picco del petrolio, limiti della crescita) e di cui intuiscono l’importanza, riscontrando però qualche difficoltà, nella comprensione di testi tecnici, dettata talvolta dalla mancanza di strumenti in termini di conoscenza e talvolta anche l'assenza di tempo da impiegare, per analizzare a fondo concetti complessi.

La presentazione, con la presenza dell'autore Luca Pardi, dell’assessore all’ambiente Mariagrazia Chianura e del responsabile della Serveco Srl, Federico Villani, sarà moderata dal giornalista Massimiliano Martucci e si terrà giovedì 22 novembre alle ore 10:30 all’interno dell’Aula Magna del Liceo Artistico “V. Calò”.

Luca Pardi, ricercatore del Cnr presso l’Istituto per i processi chimico-fisici a Pisa, è presidente della sezione italiana della prestigiosa associazione per lo studio del picco del petrolio, Aspo Italia, che si occupa di studiare lo stato delle risorse energetiche non rinnovabili e il loro complesso rapporto con l’economia e la società.

L’iniziativa rientra nella campagna di comunicazione “Chiamati alla Raccolta” e vuole essere un modo per sensibilizzare gli studenti sui temi dell'economia circolare e della produzione dei rifiuti.

 

Published in Scuola&Istruzione

L’ex ministro racconta il suo ultimo libro, edito da Feltrinelli, a Taranto presso la Libreria Ubik.

Martedì 27 Novembre ore 17.30 a Taranto presso la Libreria Ubik - in via Federico di Palma 69, Carlo Calenda presenta il suo ultimo libro “Orizzonti selvaggi. Capire la paura e ritrovare il coraggio”.

In un mondo dove l’economia soffre i contraccolpi del mercato globale, le trasformazioni sono rapidissime e la sfiducia nel presente e nella politica ha colpito tanto le nuove quanto le vecchie generazioni, l’ex ministro per lo sviluppo economico affronta le ragioni della crisi in Occidente, da cui partire per ricostruire una democrazia credibile, capace di riavvicinare e mobilitare ancora le coscienze.

La vera sfida è quella di far fronte alle paure tentando di comprenderle a fondo e ritrovare il coraggio.

Taranto – Libreria Ubik - Via Federico di Palma 69 - ore 17-30 - Ingresso libero con registrazione obbligatoria sul sito bccsanmarzano.it fino ad esaurimento posti - Info. 3207506114 - 3481532197

Published in Cultura
Mercoledì, 21 Novembre 2018 15:41

Quale futuro? Gaza e la Palestina oggi

Domenica 25 novembre alle ore 18:00 presso lo spazio del progetto “Piazza Viva” nella Piazza Mercato di Via Delle Torri, l’Arci Grottaglie in collaborazione con Babele e Sud in movimento organizzano un’iniziativa dal titolo “Quale futuro? Gaza e la Palestina oggi”, patrocinata dal Comune di Grottaglie.

La Striscia di Gaza è un lembo di terra di 365 Kmq, dove vivono circa 2 milioni di abitanti di cui il 50% sono sotto i 14 anni e il 65% abitano negli 8 campi profughi. Sono decenni ormai che Gaza continua ad essere una prigione a cielo aperto con ripetute incursioni e bombe sui civili. Pulizia etnica, occupazione, torture per i dissidenti, questi sono solo alcuni dei trattamenti che l’esercito israeliano riserva al popolo palestinese. Così risulta complicato trovare nel raggio di pochi km un ospedale o una scuola ancora in piedi, mentre l’elettricità e l’acqua potabile sono inesistenti e l’embargo ha reso quasi impossibile l’ingresso di viveri e medicinali. Cosa vuol dire crescere a Gaza allora? E qual è la verità vista dagli occhi dei più piccoli e da chi opera nel bel mezzo del pericolo? L’incontro pubblico, infatti, prevederà l’intervento di Husam Hamdouna, direttore del Remedial Education Center (REC) di Gaza e di Mohamed Ali Malakha, dirigente dello stesso centro. Il REC è una struttura situata a Nord della striscia di Gaza a Jabalia, qui gli operatori si occupano di aiutare bambini e ragazzi con difficoltà di apprendimento a causa dei continui bombardamenti e dell’assedio permanente. A chiusura ci sarà l'intervento dell'Assessora alle politiche sociali Marianna Annicchiarico.
Proveremo ad uscire fuori dai confini delle nostre case e dai nostri luoghi sicuri, scenderemo a fondo parlando della situazione attuale a Gaza. Conoscere ciò che accade al di là dei nostri “confini” ci permette di avere maggiore consapevolezza, ma soprattutto di toccare da vicino l’aspetto umano che spinge Husam e Mohamed a dare una possibilità a quei bambini e ragazzi nati in una terra volutamente assassinata.
L’ingresso all’iniziativa è totalmente gratuito.

 

 

Published in Cronaca
Mercoledì, 21 Novembre 2018 15:36

Volo in partenza da Bari alla volta di Marsiglia

Salgono così a 19 – 16 esclusive - le destinazioni raggiungibili da Bari a bordo degli aeromobili del vettore. Da Brindisi riconfermati i collegamenti per Genova e Venezia

Grande successo per la low-cost che, da gennaio a ottobre, ha traportato oltre 300.000 passeggeri in Puglia, +20% rispetto allo stesso periodo del 2017


Bari  - Volotea, la compagnia aerea che collega medie destinazioni in Europa e che ha appena tagliato il traguardo dei 20 milioni di passeggeri, ha annunciato un’importante novità che andrà ad arricchire ulteriormente la propria offerta presso lo scalo pugliese: da giugno 2019 prenderà, infatti, il via il nuovo volo alla volta di Marsiglia, con 2 frequenze settimanali, ogni lunedì e giovedì per un totale di 9.000 posti. Per l’estate 2019, la compagnia ha, inoltre, riconfermato tutto l’operativo volo in partenza dallo scalo pugliese, per un totale di 19 destinazioni, 16 in esclusiva.
100% domestico, invece, l’operativo voli in partenza da Brindisi, dove il vettore per la prossima stagione riattiverà i collegamenti estivi verso 2 città del Nord Italia: Genova e Venezia (rispettivamente con 2 frequenze settimanali da giugno a settembre).
Un trend di crescita positivo, in linea con gli ottimi risultati registrati da Volotea durante il periodo estivo: da gennaio ad ottobre 2018 il vettore ha trasportato più di 300.000 passeggeri in Puglia, pari a un incremento del 20% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
“A partire dal prossimo anno la Puglia e la Francia meridionale saranno più vicine grazie al nuovo collegamento offerto da Volotea. Siamo davvero entusiasti di annunciare la prima rotta d’oltralpe da Bari: Marsiglia è una città estremamente dinamica che ospita, durante tutto l’anno, numerosi eventi. Inoltre, grazie alla nuova rotta, amplificheremo il traffico di turisti stranieri desiderosi di raggiungere Bari e visitare la Puglia e le sue bellezze, sostenendo e rafforzando così l’economia locale - afferma Valeria Rebasti, Commercial Country Manager Italy & Southeastern Europe di Volotea –. Per la prossima stagione estiva i passeggeri in partenza dagli scali pugliesi non avranno che l’imbarazzo della scelta per i propri spostamenti: da Bari offriamo, oltre alla novità di Marsiglia, 10 mete raggiungibili in Grecia, 2 in Spagna e 1 in Croazia, a cui si aggiungono 5 rotte domestiche; mentre colleghiamo Brindisi con 2 città del Nord: Genova e Venezia”.
Il Presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti, ha espresso il proprio compiacimento per l’importante annuncio: “L’avvio della nuova linea arricchisce e completa in maniera significativa l’offerta di collegamenti sulla direttrice Francia – Puglia. Marsiglia, peraltro, rappresenta una novità assoluta per la nostra regione e consente di coprire un mercato di particolare interesse dal punto di vista del turismo, sia incoming che outgoing. Ci auguriamo, inoltre, che il nuovo collegamento possa rappresentare un valido supporto alle relazioni tra due aree accumunate dalla presenza di un tessuto economico dinamico e di importanti centri portuali. Siamo perciò lieti del contributo che Volotea, vettore da tempo presente sui nostri aeroporti, può offrire a un’ulteriore crescita dei flussi internazionali che, come dimostrano gli incrementi registrati anche quest’anno, rappresentano l’elemento caratterizzante del trend di crescita del traffico sui Bari e Brindisi”.
Nel 2019 il vettore scenderà in pista in Puglia con un’offerta di 96.000 posti aggiuntivi (+30% vs. 2018), pari a un totale di oltre 427.000 biglietti in vendita e circa 3.500 voli.
L’anno prossimo, quindi, dall’aeroporto di Bari sarà possibile decollare a bordo della flotta Volotea alla volta di 5 destinazioni domestiche (Venezia, Verona, Palermo, Catania e Olbia) e 14 all’estero (Marsiglia - novità 2019 - in Francia, Ibiza e Palma di Maiorca in Spagna, Dubrovnik in Croazia e Atene, Corfù, Creta, Kos, Mykonos, Preveza-Lefkada, Rodi, Santorini, Skiathos e Zante in Grecia). Da Brindisi, invece, sarà possibile decollare verso Genova e Venezia.
Tutte le rotte Volotea da e per Bari e Brindisi sono disponibili sul sito www.volotea.com, nelle agenzie di viaggio o chiamando il call center Volotea all’895 895 44 04.
CRESCITA DI VOLOTEA
Volotea ha raggiunto il traguardo dei 20 milioni di passeggeri trasportati dal suo primo volo nel 2012, totalizzando più di 4,8 milioni di passeggeri nel 2017.
Nel 2018, Volotea ha aperto 58 nuove rotte per un totale di 293 collegamenti in 78 medie e piccole destinazioni europee in 13 Paesi: Francia, Italia, Spagna, Germania, Grecia, Croazia, Repubblica Ceca, Albania, Portogallo, Malta, Austria, Irlanda e Lussemburgo. La compagnia aerea stima di trasportare tra i 5,7 e i 6 milioni di passeggeri nel 2018.
Volotea ha al momento 12 basi operative: Venezia, Nantes, Bordeaux, Palermo, Strasburgo, Asturie, Verona, Tolosa, Genova, Bilbao, Marsiglia e Atene. Queste ultime 3 sono state recentemente inaugurate nel 2018. La compagnia inaugurerà nel 2019 la sua nuova base a Cagliari.
L’organico Volotea nel 2018 ha superato quota 1.000 dipendenti. Quest’anno la compagnia creerà altri 250 nuovi posti di lavoro per capitalizzare la sua crescita.
Nel 2018 Volotea opererà nel suo network di destinazioni con una flotta di 32 aeromobili, tra cui Boeing 717 e Airbus A319. Entrambi gli aeromobili, riconosciuti per affidabilità e comfort, dispongono di sedili reclinabili e sono il 5% più spaziosi della media.
L’Airbus A319 è il modello di aeromobile scelto per la futura crescita della compagnia e permetterà un aumento del 20% nella sua capacità di trasporto, consentendo di trasportare 150 passeggeri e di operare rotte più lunghe.
Volotea è stata selezionata dai TripAdvisor Travellers’ Choice 2017 come la migliore compagnia aerea basata in Italia, Francia e Spagna nella categoria “Europe Regional and Low Cost”.

Published in Cronaca

PALAGIANO (Ta). Hanno iniziato ad ottobre, seguendo il corso nell’aula di Dinamismi Interculturali tre volte a settimana e, dopo quaranta ore di formazione, tenuta dall’istituto IFOA, oggi potranno cercare occupazione come aiuto pizzaioli. 

Ben dieci migranti, otto accolti dello Sprar (sistema di protezione richiedenti asilo e rifugiati) e due del Cas (centro di accoglienza straordinaria), entrambi gestiti dallo Svegliarci di Palagiano, l’altro pomeriggio hanno ricevuto l’attestato finale del corso, durante il quale hanno potuto avere un primo e importante approccio a quello che è il lavoro da aiuto pizzaiolo.
Come spiegato da Giambartolo Barberio di IFOA, “ai partecipanti è stato dato un primo inquadramento sul ruolo da svolgere ovvero è stato loro spiegato cosa significhi essere aiuto pizzaiolo in Italia e quali sono le mansioni legate a tale profilo”. E, grazie alla collaborazione del pizzaiolo palagianese Rocco Fernando Pagliara, hanno potuto seguire tutto il processo lavorativo: dall’impasto al condimento sino alla cottura. Ed è stato lo stesso Pagliara, con tanto di pala, secondo un vero e proprio rituale, a battezzare ogni corsista come “new entry nel mondo di sua maestà la pizza”.
Il corso è anche servito a capire chi, tra i suoi beneficiari, per motivazione, capacità di apprendimento e comprensione della lingua italiana, avesse una maggiore attitudine a questo tipo di mansione.
“Un corso, questo, come gli altri che lo Svegliarci di Palagiano organizza – ha spiegato la sua presidente Angela Surico – che si inserisce in quel processo di inclusione sociale a favore dei migranti, che si traduce anche nella possibilità di garantire loro formazione adeguata e un’acquisizione di saperi tali che consentano loro un più facile inserimento nel mondo lavorativo. La nostra è una vera e propria forma di accoglienza integrata: dalla mediazione linguistico – culturale all’orientamento e all’accesso a tutti i servizi del territorio. Senza dimenticare l’iniziale accoglienza materiale, che serve a garantire un tetto, un letto, igiene personale. Con lo Sprar, agli accolti viene garantita anche la formazione e la riqualificazione professionale, oltre a percorsi di orientamento e accompagnamento in grado di assicurare l’inserimento lavorativo, quello abitativo e quello sociale. Il nostro obiettivo è l’integrazione a 360° e rendere queste donne e uomini risorse per il territori”.
A Gaetano Romanazzi, durante lo stesso corso, il compito di dare ai partecipanti nozioni sulla sicurezza sul lavoro; a Marco Greco, quello di dare pillole informative sulla normativa igienico – sanitaria e sulle procedure di autocontrollo HACCP.

Published in Sociale&Associazioni

A Natale la solidarietà vale doppio perché fa dimenticare lo stato di disagio in cui si vive ma, soprattutto, perché fa sentire i volontari della solidarietà e i beneficiari del servizio, ma anche tutti gli altri che sono vicini, come una grande e unica famiglia.

Ed è proprio ciò che da qualche anno accade all’Avo (Associazione volontari ospedalieri) nei confronti dei pazienti che sono ricoverati nel nosocomio “G. Moscati” a Paolo VI e nel Presidio Ospedaliero “SS. Annunziata” in via Bruno. Vero è che l’Avo opera al loro fianco per tutto l’anno ma, in alcune circostanze, questo loro servizio si moltiplica e, per questo motivo, viene esaltato.
Così giovedì 22 novembre, festa di Santa Cecilia, che per i tarantini segna l’inizio del lungo cammino che ci porterà all’Immacolata, al Natale, al Capodanno e all’Epifania, l’Avo ha organizzato una pettolata in orari diversi: dalle ore 15,00 presso i reparti del Moscati e dalle 17,00 presso il SS. Annunziata.
Due speciali momenti di animazione e di intrattenimento per i malati dei reparti con l’accompagnamento di due zampognari che in abiti tipici, suonando motivi natalizi tradizionali, percorreranno i vari reparti guidati dalla presidente dell’Avo, Anna Pulpito, e i numerosi volontari della locale associazione. Poi gli stessi offriranno calde pettole ai degenti, che vorranno degustarle, e ai loro familiari.
Queste, diversamente dalle altre che nel giorno dedicato alla Santa della musica verranno distribuite un po’ ovunque, avranno di certo un sapore e un significato diverso: la solidarietà che condivide il cibo della festa con chi soffre e che mette ciascuno dei fruitori per qualche ora nella condizione di non pensare alla malattia.
I due zampognari che condivideranno con i malati questi momenti, e che suoneranno zampogne molisane a chiave, sono Giuseppe Ciciriello di Ceglie Messapica e, con voce, tamburrello e organetto, NH Damiano Nicolella De Vicaris dei Marchesi di Santa Lucia di Martina Franca. Seguirà la declamazione di poesie in dialetto tarantino dell’artista Nicola Giudetti.
Le pettole saranno offerte dalla Pizzeria “Magna Grecia” di Taranto grazie all’interessamento del volontario Biagio Spinelli.
Il resto lo sapranno fare tutti coloro che vorranno condividere con l’Avo questi momenti (i nuovi volontari sono sempre i benvenuti) e che daranno un significato umano e solidale alla prima delle feste natalizie tarantine.

Published in Sociale&Associazioni
Pagina 1 di 2

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk