Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Venerdì, 23 Novembre 2018

Roma - Si è conclusa oggi la Conferenza Interparlamentare svoltasi a Zagabria il 22 e 23 novembre su iniziativa del Parlamento croato sul tema “Quale ruolo dei Parlamenti nel futuro dell’agricoltura e dell’agroalimentare?”, a cui ha partecipato per l’Italia, in rappresentanza della maggioranza in Commissione alla Camera, il deputato Gianpaolo Cassese del M5S, relatore di uno dei Regolamenti della Politica Agricola Comune.

Due giorni di confronto serrato tra le 21 delegazioni parlamentari europee presenti, intervenute su PAC e sulle tante tematiche ad essa connesse: sostegno al reddito degli agricoltori, nuovi piani strategici nazionali, contrasto ai tagli previsti per il settore agricolo nel bilancio europeo causati dalla Brexit, impegno del mondo dell’agricoltura nella lotta ai cambiamenti climatici. Ad aprire i lavori il Commissario europeo per l’agricoltura Phil Hogan.

Cassese, già imprenditore agricolo pugliese, ha consegnato alla ricca discussione la sua esperienza: “Ho vissuto sulla mia pelle le scelte delle politiche agricole europee degli ultimi venti anni e, pur conscio dell’importanza di sostenere con ogni energia una politica agricola comune, non sempre ho percepito tali politiche come amiche o in sostegno del mio operato e questa considerazione, purtroppo, non è molto diversa da quella che hanno molti agricoltori europei”.
È quindi anche a partire da un punto di osservazione diretto di impegno sul campo, che Cassese ha messo a fuoco alcune proposte: “Da una parte dobbiamo garantire agli agricoltori una reale riduzione della burocrazia e un adeguato sostegno al reddito, dall’altra fornire al consumatore, attraverso regole comuni vincolanti, un prodotto tracciabile e sano, anche dal punto di vista dell’uso dei pesticidi”. “Dovremmo considerare come criterio per assegnare i pagamenti diretti, non solo la superficie dei terreni, ma anche la forza lavoro impiegata dall’azienda” ha affermato Cassese rivolgendosi alla platea. 
 “L’indicazione del paese di origine in etichetta per noi continua a rappresentare uno degli obiettivi fondamentali da perseguire” ha aggiunto il deputato. 
“Inoltre siamo convinti che legare maggiormente un territorio ad un prodotto agroalimentare, favorisca la promozione di attività connesse come l’agriturismo o il turismo più in generale. Un obiettivo questo – ha precisato – non diverso da quello degli altri paesi dell’Unione.”
“In questa due giorni densa di stimoli e di proposte, sono emersi, seppur nelle differenze, tanti punti di condivisione ed un possibile terreno comune di impegno per il rilancio del comparto” ha commentato il deputato a conclusione dei lavori, aggiungendo che “la sfida adesso è tradurre le buone intenzioni espresse in questa sede in concreto miglioramento della qualità della vita dei nostri agricoltori.”

Published in Politica
Venerdì, 23 Novembre 2018 16:16

Tavola Rotonda “Ti Amo… Da Morire”

Giorno 26 novembre 2018 nella sala Convegni dell’Ospedale SS. Crocifisso di Taranto in via SS. Annunziata, avrà luogo la Tavola Rotonda “TI AMO… DA MORIRE: in rete contro la violenza per Pensare, Prevenire, Agire”.


La giornata è dedicata al fenomeno del Femminicidio, vedrà dibattere sul tema le Procure, la Prefettura, il Tribunale Ordinario e dei Minori, le Forze dell’Ordine, i Centri Antiviolenza.
Nella giornata verranno presentati i lavori artistici e la rappresentazione teatrale degli alunni dei Licei Calò e Aristosseno della nostra città.
Presso le suddette scuole viene infatti realizzato il progetto “Ti Amo… da Morire”, curato dal Servizio di Psicologia Clinica e di Psicoterapia del Dipartimento di Salute Mentale. Un percorso di educazione all’affettività rivolto agli adolescenti e finalizzato a sensibilizzare, attraverso la formazione, relazioni affettive sane. Saranno proprio i ragazzi coinvolti nel progetto a tradurre, attraverso i loro lavori, i contenuti emotivi recepiti durante il percorso formativo.
Nell’occasione il Management della Direzione Generale della ASL di Taranto presenterà le sinergiche azioni tra il Dipartimento di Salute Mentale e la Direzione Socio-Sanitaria che insieme hanno realizzato il Centro Specialistico di diagnosi e cura del trauma interpersonale, un servizio indicato nelle Linee Guida della Regione Puglia, un esempio di quelle buone pratiche in grado di intercettare il fenomeno della violenza e fornire risposte terapeutiche all’utenza.
I lavori avranno inizio alle ore 9:00 e termineranno alle 13:00.
A far data dal 23 novembre 2018 sarà possibile visitare l’esposizione artistica degli alunni del Liceo Artistico Calò di Taranto, allestita al I° piano dell’Ospedale SS. Crocifisso.

Published in Cronaca

Dopo le tre rappresentazioni al Teatro delle Muse di Roma, arriva a Grottaglie la tournée della compagnia teatrale “Teatrando” che sta portando in scena la commedia “Il berretto a sonagli” di Luigi Pirandello, 

A Grottaglie la rappresentazione de “Il Berretto a Sonagli” della compagnia Teatrando si terrà, con inizio alle ore 21.00, sabato 24 novembre presso il Teatro “Monticello”, in via Karl Marx n. 1; info e biglietti 346.5114315.

La regia e la direzione artistica sono affidate a Paolo Marchese, che vestirà anche i panni del protagonista, lo scrivano Ciampa, mentre i costumi sono di Anna Manigrasso e l’organizzazione di Patrizia Giannotte.
Con lui sul palco ci saranno Raffaella Caso (Beatrice), Mario Salinas (suo fratello il signorino Fifì), Daniela Ettorre (Donna Assunta madre di Beatrice), Anna Manigrasso (la serva Fana vecchia balia di Beatrice), Mario Brittannico (il Delegato Spanò), Daniela Ettorre (la Saracena), e Caterina Petrarulo (Nina, la giovane e bellissima moglie di Ciampa).

Paolo Marchese alterna da trenta anni l’attività di attore a quella di doppiatore nella quale ha “dato voce e anima” a decine di importanti attori, come John Travolta, Forest Whitaker e Richard Dreyfuss, nonché a personaggi di centinaia di film di animazione, anche della Walt Disney-Pixar come “Ratatouille”, e di serie come i Simpson.
«Ciampa – ha detto Paolo Marchese – incarna perfettamente molti caratteri fondamentali dell’eroe pirandelliano: schiacciato da una condizione di vita umile, consapevole di essere in una condizione di evidente inferiorità sociale, è lacerato tra l’amore per la moglie e il senso dell’onore, tra il sapere e il dissimulare, tra l’essere e il fingere».

L’esilarante “Il berretto a Sonagli” di Luigi Pirandello presenta l’eterno dissidio tra l’essere e l’apparire nella moderna società, una delle principali tematiche pirandelliane.
Ad oltre 100 anni dalla prima rappresentazione, questa commedia è ancora particolarmente attuale nell’epoca dei social, dove va in scena una vita apparente che, , tra “like” e “follower”, spesso conta più della vera essenza di una esistenza.
Ambientata nel Novecento in Sicilia, ne “Il berretto a sonagli” il protagonista Ciampa è disposto a tutto pur di salvare la faccia, perché nella sua società è fondamentale l'importanza del giudizio altrui: è persino disposto ad accettare il tradimento della moglie con il suo datore di lavoro, pur di uniformarsi al sistema sociale.
E per “salvare le apparenze”, anche se tutti conoscono l’accaduto, Ciampa astutamente costringe Beatrice, la moglie del suo padrone che l’ha fatto “becco”, a dichiararsi folle: l'unica che, per orgoglio, vorrebbe urlare la verità a tutto il paese, verrà considerata da tutti pazza, salvando così l’onore del cornuto…
D’altronde come Ciampa dice a Beatrice per convincerla: ” Basta che Lei si metta a gridare in faccia a tutti la verità. Nessuno ci crede, e tutti la prendono per pazza!”

Published in Spettacolo

Per la "Giornata internazionale contro la violenza sulle donne" il 25 novembre, la Compagnia del Teatro Jonico Salentino ripropone la seconda edizione di “Per non farla Franca”, un evento nato da un progetto di Roberta Bria in memoria di Franca Rame, donna di grande impegno artistico, politico e sociale.

Oggi più che mai c’è il bisogno di risvegliare le menti e tenere alta l’attenzione sul tema della violenza di genere, sensibilizzando l’opinione pubblica e spingere per avviare un cambiamento. Anche quest’anno vogliamo regalare alla città di Grottaglie, con una libera proiezione in Piazza Principe di Piemonte, una delle più importanti opere teatrali dedicate “alla donna” di Eduardo De Filippo: “Filumena Marturano”. Un capolavoro di scrittura e di messa in opera, con la magistrale interpretazione di Regina Bianchi, una delle più grandi interpreti di Filumena, dopo l’originaria Titina De Filippo, sorella di Eduardo e destinataria dell’opera. Il video, orgogliosamente concessoci dalle Teche Rai, risale alle riprese del 1962.

Ancora una volta Eduardo mette in scena la crisi della famiglia patriarcale borghese quella che è nei desideri di don Mimì, mentre Filumena sa bene che di quella famiglia rimane ben poco e che, se la si vuol far sopravvivere, bisogna rinsaldarne l'unità economica. Forse, col tempo, si formerà una famiglia, non più quella ormai persa, ma quella ricostruita, basata sul reciproco rispetto dei coniugi e anche quello verso i figli.

Come Compagnia siamo convinti che la violenza sfocia dove non c’è educazione e rispetto, dove manca la cultura; facciamo un torto agli uomini educandoli a non mostrare debolezze. Più li spingiamo a credere di dover essere dei duri, più li rendiamo fragili. La violenza va combattuta sempre, senza nessun tipo di fazione, partito o colore.

Vi aspettiamo domenica 25 novembre a Grottaglie in Piazza Principe di Piemonte dalle 18:00 alle 23:30. In caso di pioggia l’evento sarà rinviato probabilmente al 1 dicembre.

 

Published in Cronaca

Questa mattina, in occasione della “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne” del 25 novembre prossimo, la Questura, ha organizzato presso l’Aula Magna del Liceo delle Scienze Umane “Vittorino da Feltre”, una tavola rotonda sul tema “Le donne della Polizia si raccontano”.


All’incontro hanno preso parte le maggiori autorità civili, militari e religiose della provincia Jonica, nonché una rappresentanza di studenti dell’istituto Comprensivo Statale “De Amicis – Manzoni” di Massafra.
Dopo il saluto del sig. Questore, dr. Stanislao Schimera, le donne in divisa si sono avvicendate per raccontare le loro esperienze in polizia, spiegando alla platea di giovani studenti il significato di indossare una divisa sia nel mondo del lavoro sia nella famiglia.
Sovrintendente Daniela Scudella, in forza alla Squadra Volante.
Ha chiuso la tavola rotonda il Dirigente Scolastico del Liceo, la prof.ssa Alessandra Larizza che da sempre accompagna e collabora con la Questura in innumerevoli iniziative.

Le iniziative continuano. Domani mattina nell’ormai consolidata campagna d’informazione del progetto “Questo non è amore”, in Piazza Maria Immacolata, stazionerà il nostro Camper con la presenza di personale specializzato, che sarà disponibile a ascoltare, dare informazioni ed eventualmente raccogliere le denunce di chiunque ne senta la necessità.

 

Published in Cronaca

Era il 1999 quando l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ufficializzò il 25 novembre come “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne” in ricordo dell’uccisione, avvenuta nel 1960, delle tre sorelle Mirabel da parte dell’allora regime dittatoriale della Repubblica Domenicana.

La data era stata scelta da un gruppo di donne attiviste, riunitesi nell'Incontro Femminista Latinoamericano e dei Caraibi, tenutosi a Bogotà nel 1981.

Le donne che commemorano, difendono e valorizzano altre donne, rendono non solo giustizia al loro sacrificio, ma generano quella riflessione utile a scardinare una cultura maschilista e fortemente ostile alla donna, alle sue qualità e peculiarità. Quando le donne si uniscono sono capaci di grandi cose e non per prevalere sul mondo maschile ma per far valere il proprio punto di vista, che non esclude, ma completa l’altro. Le differenze di genere esistono e occorre parlarne perché la scia di sangue a discapito delle donne ha origini lontane che continuano a insidiare ogni ambito: persistono nel mondo del lavoro, nel linguaggio, nella politica, nella gestione della vita familiare quotidiana. Abbiamo il dovere di spezzare queste radici e seminare una nuova cultura, soprattutto nelle nuove generazioni educandole all’empatia e alle emozioni, partendo dall’importanza del linguaggio e della comunicazione.

Proprio per sensibilizzare e suscitare momenti di riflessione e coinvolgimento, in occasione di questa giornata, l’Amministrazione comunale promuove la realizzazione di una serie di installazioni, proiezioni e dibattiti nel corso della giornata del 25 novembre e dei giorni successivi.
Si inizia domenica 25 novembre. Grottaglie lancerà il suo messaggio contro la violenza sulla donna e il femminicidio con un’installazione di scarpette rosse modellate dai maestri ceramisti. Il Comune di Grottaglie ha aderito infatti al progetto "AiCC dice NO alla violenza" (scarpe rosse in ceramica), avviato dal Comune di Oristano e che l’Associazione italiana Città delle Ceramiche ha deciso di condividere proponendo eventi e iniziative per la “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne” del 25 novembre, della “Giornata internazionale della donna” dell’8 marzo e in concomitanza all’evento di Buongiorno Ceramica, previsto per gli inizi di giugno.
L’installazione andrà ad animare due tra gli spazi urbani più importanti della città: alle 10 sarà collocata in Via Crispi, nel cuore del suggestivo Quartiere delle Ceramiche; a partire dalle 18 invece ritroveremo le scarpette rosse in piazza Principe di Piemonte in occasione della seconda edizione di “Per non farla Franca”, progetto di Roberta Bria e della Compagnia del Teatro jonico Salentino, patrocinato dall’amministrazione comunale, in memoria della figura e della battaglia artistica, sociale e politica della grande Franca Rame, che prevede la proiezione continua fino alle 23 di “Filumena Marturano”, una delle più importanti opere teatrali dedicate “alla donna” di Eduardo De Filippo con la magistrale interpretazione di Regina Bianchi.
Il programma prosegue giovedì 29 novembre nella Piazza mercato in via delle Torri. In collaborazione con le associazioni facenti parte del progetto “Piazza viva” si terrà un incontro dal titolo “Passi di donna”, un momento di riflessione promosso dall’Assessorato alle Politiche sociali e Pari opportunità cui prenderanno parte: Marianna Annicchiarico, assessora alle politiche sociali, Sabina Sabatini psicoterapeuta dell’Ass. Alzaia, Centro Antiviolenza Ambito di Grottaglie, Emanuela Monda, Referente progetto Educazione in Genere; Tiziana Magrì e Antonietta Podda, del Movimento delle culture al Femminile del Mediterraneo Donna a Sud e Angela Todaro, operatrice sociale. Gli interventi saranno arricchiti da alcuni interventi teatrali della monologhista Daniela Baldassarra. Si parlerà di linguaggi e stereotipi di genere e dell'unica via d'uscita da questa tragica situazione che stiamo vivendo, l’antidoto alla mattanza cui assistiamo quotidianamente: la cultura di genere.

Un incontro che costituisce un’opportunità per confrontarsi con chi attivamente opera ogni giorno sul nostro territorio, costruendo reti, gestendo i Cav, formando adeguatamente quanti sono in prima linea nell’accoglienza, ascolto e presa in carico delle donne vittime di violenza, insegnando nelle scuole. Il primo dei diversi eventi in programmazione nei prossimi mesi in cui si analizzeranno le cause di fenomeni così orrendi come il femminicidio, tenendo sempre alta l’attenzione su di esso.


 

Published in Sociale&Associazioni

Chiuso l’accordo tra il Ministro Centinaio (Agricoltura) e la Ministra Lezzi (Sud) per stanziare le prime risorse necessarie ad avviare le operazioni del Piano d’azione. La soddisfazione del deputato pugliese L’Abbate (M5S)

Considerata l’importanza dell’olivicoltura sul territorio pugliese sinora colpito dalla Xylella fastidiosa e nelle aree limitrofe dove maggiore è il rischio di un’ulteriore diffusione del batterio, è necessario orientare l’azione dell’Amministrazione all’attuazione di una incisiva politica di contrasto all’espansione della Xylella. Politiche da inserire però in un più ampio quadro organico di interventi, in cui siano previste azioni specifiche per il rilancio della coltura olivicola e, più in generale, dell’economia rurale dei territori interessati. Con questo obiettivo, il Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo Gian Marco Centinaio (Lega) si accinge ad emanare il relativo decreto contenente il Piano d’azione. Un piano volto a garantire alle zone colpite un primo sostegno necessario ad assicurare il rilancio economico ed occupazionale e che necessita di un primo importante finanziamento attraverso il Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) 2014-2020 che, per la prima annualità (2018), sarebbe pari a 30 milioni di euro. Una richiesta accolta dal ministro per il Sud, la salentina Barbara Lezzi (M5S), la quale è già al lavoro nel recuperare le somme richieste dal Mipaaft.

“Ringrazio per l’impegno e il lavoro che stanno portando avanti il ministro delle Politiche Agricole Centinaio, il sottosegretario Alessandra Pesce e il ministro Lezzi – commenta il deputato pugliese Giuseppe L’Abbate, componente M5S della Commissione Agricoltura alla Camera dove è in corso l’Indagine Conoscitiva sull’Emergenza Xylella in Puglia di cui è egli stesso relatore – Saranno sicuramente necessari nuovi fondi per mettere in atto tutti gli interventi utili per la ripresa economica e produttiva dell’olivicoltura pugliese e per ridare un futuro al paesaggio della nostra regione, ma ciò rappresenta un inizio incoraggiante e che fa ben sperare. Ora tocca rimboccarsi le maniche, evitare di continuare a prendere sottogamba la questione, affrontarla con la dovuta serietà per dare piena applicazione alle misure previste dalla Decisione di esecuzione n. 2015/789 della Commissione che ci ha deferiti alla Corte di Giustizia dell’Unione europea. Per questo – conclude L’Abbate (M5S) – invito il Governatore Emiliano e l’assessore Di Gioia a prestare la massima attenzione e il massimo impegno nella fase di attuazione. Servivano fondi e il Governo Conte si sta adoperando in tal senso. Ora serve una Regione Puglia che prenda di petto il problema e che non rimanga più sorda ed inerme dinanzi alle richieste e alle esigenze degli agricoltori pugliesi”.

 

Published in Cronaca

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk