Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Mercoledì, 05 Dicembre 2018
Mercoledì, 05 Dicembre 2018 23:00

MOTTOLA (TA). “Natale in collina”

Shopping, gastronomia, musica e artisti di strada da venerdì 7 dicembre

Il natale mottolese comincia con la vigilia dell’Immacolata, venerdì 7 dicembre, con una proposta enogastronomica e di intrattenimento pensata per tutti. Si parte alle 16,30 presso il Labum (ex caserma dei Carabinieri) con la proiezione di film per bambini. Dalle 19,30, poi, il centro, da Piazza XX Settembre a Largo Chiesa Madre, passando per Corso Vittorio Emanuele e via Umberto I, si veste di Natale con musica dal vivo e la partecipazione di band e artisti locali: Sfk, Frankavilla, Pueblo Borracho e Acoustic Duo.
E ancora, ad animare le vie del centro, gli artisti di strada del gruppo “Pachamama, stand gastronomici e cantine del territorio. Spazio anche a mercatini natalizi a cura dell’associazione “Santeramo Antica”. E, sempre come attrazione per i più piccoli, sculture, palloncini, zucchero filato e popcorn. In contemporanea, presso il Murderc (ex biblioteca) anche piatti natalizi tradizionali, a cura della locale Pro Loco.
Un “Natale in collina”, questo il nome dato all’intero programma natalizio, pensato dall’associazione commercianti “Nuovo Borgo”, presieduta da Massimiliano Zazzara, con un Direttivo rinnovato di recente, che ha deciso di essere operativo partendo proprio dalla programmazione delle iniziative natalizie, fissate per le giornate del 7, 15, 22 e 23 dicembre e 5 gennaio prossimo.
Un programma ricco di eventi, che, realizzato in collaborazione con l’Assessorato alle Attività Produttive del Comune di Mottola e Confcommercio, si inserisce nell’ambito del progetto “Distretto Diffuso del Commercio di Mottola, Palagianello e Palagiano” ovvero tra gli eventi di promozione del Duc, il Distretto Urbano del Commercio.
“L’Amministrazione Comunale di Mottola, che ha sostenuto il programma con la prevista quota di compartecipazione – spiega l’assessore alle Attività Produttive Francesco Agrusti - continuerà a incentivare gli investimenti in asset immateriali (formazione, promozione) per il commercio, in quanto ritenuti strumenti fondamentali per avviare un virtuoso processo di sviluppo”.
Intanto, per i illustrare i dettagli del programma natalizio, domani venerdì 5 dicembre, alle ore 10, presso la Provincia, ex sala giunta, è stata convocata una conferenza stampa. Interverranno Massimiliano Zazzara e Francesco Ragno per l’associazione “Nuovo Borgo e il sindaco di Mottola Giampiero Barulli.

Published in Cronaca

Il presidente Longo: “L’obiettivo è ridurre i consumi energetici e prevenire il dissesto idrogeologico”

Domani, giovedì 6 dicembre, dalle ore 9 alle ore 13, a Pulsano presso il Convento dei Frati Riformati, si terrà il workshop “Clima & Energia, le politiche per l’adattamento ai cambiamenti climatici e le sfide per la riduzione dei consumi energetici” dei Comuni dell’Unione delle Terre del Mare e del Sole L'incontro è organizzato dall'Unione dei Comuni “Terre del Mare e del Sole” in collaborazione con l’Associazione Borghi Autentici d'Italia, Federesco e l'Ordine degli Ingegneri di Taranto e con il Patrocinio di Regione Puglia, ANCI Nazionale ed ANCI Puglia.
I tragici avvenimenti meteorologici delle passate settimane, che hanno colpito l'Italia dal Nord al Sud, rendono ancora più evidente l’urgenza di dover agire in maniera coordinata e preventiva in relazione al cambiamento climatico ed ai suoi effetti. Dissesto idrogeologico, desertificazione, innalzamento del livello dei mari richiedono efficaci e tempestive azioni di adattamento e mitigazione. L’Unione dei Comuni Terre del Mare e del Sole ha recepito l’allarme ed aderendo al nuovo Patto dei Sindaci sta adottando, tra i primi territori sovracomunali in Italia, un Piano di Azione per l’Energia Sostenibile ed il Clima - PAESC, strumento previsto nell'ambito dell'iniziativa europea Patto dei Sindaci per il Clima e l'Energia. L'incontro sarà occasione per illustrare i risultati della raccolta dei dati climatici e di consumo energetico del territorio relativo ai sette Comuni facenti parte dell'Unione, nonché le azioni e le politiche che si stanno pianificando al fine di prevenire il dissesto idrogeologico, ridurre le emissioni di CO2 e produrre energia da fonti rinnovabili.
Ad esprimere soddisfazione per la realizzazione dell’evento è il presidente dell’Unione Alfredo Longo: “Continua il nostro lavoro per costruire un territorio più sostenibile e ad alta efficienza energetica con l’obiettivo di definire insieme gli interventi per ridurre le emissioni dovute ai consumi di energia del 40% entro il 2030 e pianificare le azioni per intervenire sulle aree di criticità che saranno enfatizzate dai cambiamenti climatici. Una sfida iniziata lo scorso anno con la sottoscrizione del PAESC e che dovrà assolutamente essere condivisa con il territorio ed in sinergia con le Istituzioni nell’ottica di una strategia ambientale dell’intero versante orientale della provincia ionica”.
Prenderanno parte al seminario il sindaco di Pulsano Francesco Lupoli, il presidente dell’Unione dei Comuni “Terre del Mare e del Sole” e sindaco di Maruggio Alfredo Longo, il presidente dell’associazione Borghi Autentici d’Italia e delegato Anci per l’energia e rifiuti Ivan Stomeo, l’assessore regionale allo Sviluppo Economico Cosimo Borraccino, i tecnici dell’associazione Borghi Autentici d’Italia Luca Di Domenico e Francesco Marinelli, il ricercatore dell’Irsa - Cnr di Bari Massimo Blonda, l’esperto di meteorologia Egidio Carita, il presidente della Federesco Claudio G. Ferrari e il presidente dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Taranto Giovanni Patronelli.

 

Published in Ambiente

In un auditorium affollato, quello della Bcc di san Marzano di Grottaglie, sere fa ha avuto luogo la presentazione del libro "Nostalgie di carta pesta" di Maria Caterina Basile, grottagliese che da anni vive nel Salento.


Relatori l’avv. Di Palma, Loredana Russo docente, Francesca Vinci  psicologa e psicoterapeuta e l’attore regista Alfredo Traversa.
All'avv. Pierluigi Di Palma, è stata affidata la conduzione della serata e un excursus del tema trattato. Poi ha passato la parola alla prof.ssa Loredana Russo, che ha citato il “carpe diem” di Orazio e il Pascoli per il “fanciullino” che é in ognuno di noi. La psicologa Vinci  invece ha fatto riferimento alla famiglia e alla società in generale. All'autrice, Maria Caterina Basile, sono state affidate le conclusioni dove  ha spiegato con molta semplicità e chiarezza l’argomento trattato nel suo libro, ricco di motivazioni sociali, con chiarezza di lessico e strutturale e con capacità di sintesi. Alcuni brani sono stati letti e interpretati con la competenza e la professionalità di sempre dall’attore-regista Alfredo Traversa.
Tutti i presenti nella sala hanno gradito l’argomento trattato e hanno acquistato il libro per poi leggerlo e approfondire le motivazioni della sua pubblicazione.
È stato un piacere partecipare alla presentazione di questo libro, in quanto l’autrice è una giovane scrittrice della nostra città, mi riferisco a Maria Caterina Basile, che ha già all'attivo liriche apparse su diverse antologie oltre alla primo libro tutto suo  “ Vita Di Paese” pubblicato nel 2017.
L’autrice ha evidenziato l’importanza della famiglia, il ruolo dei genitori e la presenza dei nonni e dei parenti tutti. Altro aspetto del libro; la descrizione del proprio territorio, le bellezze che la natura offre , sia nella vegetazione di alberi che fioriscono che  nella musicalità degli uccelli che con la loro leggerezza, volando da un ramo all’altro, creano musica e poesia.
Alla giovane scrittrice Maria Caterina Basile, nostra concittadina, auguro una brillante carriera nella professione che ha intrapreso, anche perché la lettura che lei fa del nostro territorio oltre ad essere condivisibile in toto, motiva ed emoziona perché il nostro territorio non solo va conosciuto, ma anche valorizzato.

Published in Cultura

In Italia piace il fondente e cresce anche la produzione del nettare che più gli si abbina: circa 95 mila litri di Docg equivalenti a circa 127 mila bottiglie con un incremento del 33.45% rispetto all’anno precedente

La prima Docg riconosciuta in Puglia (2011) e l’unica delle quattro dedicata esclusivamente a un rosso dolce. Amata dalle donne

Il Natale è dietro l’angolo e cresce in Italia il consumo di cioccolato, soprattutto fondente. Il Bel Paese si differenzia dagli altri per la sua preferenza: il fondente pesa come il latte (50%). E qual è quindi il vino giusto da abbinare?

Perfetto in questa occasione, e non solo, è la prima Docg riconosciuta in Puglia (2011) e l’unica delle quattro Docg dedicata esclusivamente a un vino rosso dolce: il Primitivo Dolce Naturale che, nonostante il successo dei suoi ‘fratelli secchi’ Primitivo di Manduria doc e Primitivo di Manduria doc riserva, vanta di un posto speciale tra i vini italiani. Raggiunge il clou proprio con il cioccolato fondente, in particolare con quello ad alte percentuali di cacao perché l’equilibrio tra amaro e il sapore dolce e distintivo del Primitivo, formano una coppia inseparabile, senza che né uno né l’altro cedano.
Ottimo alleato anche per gustare al meglio i dolci di pasticceria secca ed è anche un ottimo vino da meditazione per i suoi piacevoli 16 °.

Il suo successo è dimostrato anche dalla produzione in crescita. Per il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria, nel 2017 sono stati imbottigliati circa 95 mila litri di Docg equivalenti a circa 127 mila bottiglie con un incremento del 33.45% rispetto all’anno precedente
Un trionfo per questa chicca pugliese che piace soprattutto alle donne per il suo sorso caldo e avvolgente e perché amano la piacevolezza di regalarsi delle emozioni uniche ed indimenticabili. Gli aromi dell’uva, legati agli zuccheri, lo rendono particolarmente gradevole e tipicamente femminile.

La composizione dei vini Primitivo di Manduria dolce naturale Docg è Primitivo 100% ed è un vino vinificato dopo appassimento su pianta o su graticci. Con la sua struttura colossale ha fascino e stoffa e una dolcezza intrigante. La sua produzione è consentita nelle province di Taranto e Brindisi.

Il Primitivo di Manduria Docg è un vino tutelato come anche il Primitivo di Manduria Doc e Riserva. Il Consorzio di Tutela ha infatti ottenuto dal Ministro delle Politiche Agricole e Forestali l’incarico di coordinare le funzioni di tutela, promozione, valorizzazione, vigilanza, informazione del consumatore e cura generale degli interessi: ecco il riconoscimento “Erga Omnes”. Attraverso questo strumento tre agenti vigilatori in qualità di pubblici ufficiali ed in collaborazione con l’Ispettorato Centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF), effettuano costantemente controlli sui vini posti in commercializzazione per tutelare il consumatore ed i produttori e per garantire che vengano commercializzati solo vini che rispettino i dettami del disciplinare di produzione
Insomma qualità e sicurezza per chi sceglie un Primitivo di Manduria.

Published in Taranto&provincia

Il 55% delle vittime di infortuni mortali nei luoghi di lavoro è costituito da lavoratori in nero, quindi irregolari: il dato, su base nazionale, è stato rappresentato nel convegno sul tema “Le attività di prevenzione e la programmazione dei controlli in edilizia”, tenutosi alla facoltà di Giurisprudenza del polo universitario ionico organizzato dallo Spesal Asl-Taranto insieme alla Regione Puglia.


“La fatalità – ha aggiunto il dott. Scarnera Cosimo, Direttore SPESAL ASL Ta – non esiste. Gli infortuni sui luoghi di lavoro sono conseguenza del mancato rispetto delle norme che tutelano la salute e la sicurezza di operai e maestranze”. Le parole d’ordine per fronteggiare questo drammatico fenomeno ancora una volta sono la formazione,l’ informazione e la prevenzione. Gli esiti degli studi e delle ricerche proposti all’attenzione dei partecipanti confermano infatti che a provocare gli infortuni sono molteplici fattori tra cui, appunto, la scarsa conoscenza delle norme e la mancata o non corretta applicazione delle procedure propedeutiche a garantire l’incolumità degli addetti.
Basti pensare – altro dato emerso durante il simposio – che la causa del 58% degli infortuni mortali nel settore edile è conseguenza della caduta dall’alto; si tratta dunque di lavoratori che operano sui ponteggi o comunque su strutture impiegate per eseguire lavorazioni a diversi metri di altezza ma che, in molti casi, non risultano protetti o agganciati ai dispositivi di sicurezza.
Sul versante delle malattie professionali, il 56% dei lavoratori edili che si ammala lamenta disturbi riconducibili alla sordità e a problemi dell’udito, mentre il 29% è affetto da malattie dell’apparato muscolo-scheletrico. Statistiche, quelle elaborate dall’Inail, che fanno riflettere se solo si considera il progressivo invecchiamento della popolazione lavorativa del comparto edile.
Di qui la necessità di intervenire per tempo attraverso una lettura ed analisi condivisa dei dati a disposizione e lo scambio continuo di informazioni tra enti e organismi che a vario titolo si occupano di questi temi. Non a caso, oltre ai rappresentanti di Asl Taranto e Regione Puglia, hanno partecipato al convegno in qualità di relatori anche dirigenti e funzionari dell’Inail, dell’Ispettorato territoriale del Lavoro, del Formedil Cpt Taranto, della Cassa Edile, della Asl di Lecce, dell’Ance di Taranto e degli ordini dei Medici e degli Ingegneri della provincia di Taranto.
L’obiettivo, condiviso, è di avviare Piani Mirati di Prevenzione promuovendo la cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Published in Cronaca

L’incontro con il noto economista è organizzato dalla BCC San Marzano in collaborazione con il Libro Possibile presso la Sala Conferenze del Dipartimento Jonico dell’Università in Via Duomo 259.

Venerdì 7 Dicembre ore 18.00 nella prestigiosa Sala Conferenze del Dipartimento Jonico dell'Università degli Studi di Bari a Taranto, la BCC San Marzano ospita l’incontro con l'autore Carlo Cottarelli in collaborazione con Il Libro Possibile, nell'ambito delle iniziative a sostegno dell'arte e della cultura.

Il celebre economista, partendo dal suo ultimo libro “I sette peccati capitali dell’economia italiana”, propone una lucida disamina della situazione economica del nostro paese. Evasione fiscale, corruzione, eccesso di burocrazia, lentezza della giustizia, crollo demografico, divario tra nord e sud, difficoltà a convivere con l’euro, sono questi i temi dell’incontro in cui l’ex commissario alla spending rewiew fornisce alcune chiavi di lettura per individuare alcuni segnali di ripresa. Un lavoro in linea con quanto svolto dall’Osservatorio sui conti pubblici italiani dell’Università Cattolica di Milano, diretto dallo stesso Cottarelli e nato per far fronte alla carenza informativa che c’è in Italia sui temi della spesa e della finanza pubblica.

"L’economia italiana è cresciuta poco negli ultimi vent’anni - spiega Cottarelli - Ha accelerato un po’ nel 2017, ma hanno accelerato anche tutti gli altri paesi. Se fosse una corsa ciclistica, sarebbe come rallegrarsi di andare più veloci senza accorgersi di avere iniziato un tratto in discesa. In realtà, anche in discesa il distacco dal gruppo sta aumentando".
Perché l’economia italiana non riesce a recuperare? Secondo l’autore esistono alcuni ostacoli molto ingombranti. Quali sono le loro cause? Ma, soprattutto, ci sono segnali di miglioramento e speranza per il futuro?
Dopo un’esperienza decennale da dirigente del Fondo monetario internazionale, Cottarelli torna in Italia e risponde a queste domande con un linguaggio semplice ma rigoroso. Dimostra che se i segnali positivi sono ancora parziali e moltissimo resta da fare, la precarietà che impedisce la nostra ripresa non è legata a un destino che siamo costretti a subire.
L'evento è organizzato in collaborazione con il Libro Possibile e con il patrocinio dell'Università degli Studi di Bari – Dipartimento Jonico in "Sistemi Giuridici ed Economici del Mediterraneo: Società, Ambiente, Culture".

 

Taranto (Taranto) – Università degli Studi di Bari - Via Duomo 259 - ore 18:30 - Ingresso libero con possibilità di riservare il posto a sedere registrandosi sul sito bccsanmarzano.it - Info. 3481532197

Published in Cultura

Dopo la partenza col botto, la stagione artistica 2018-2019 dello storico teatro Orfeo di Taranto si prepara al secondo spettacolo in calendario, quello dell'11 dicembre, con un attesissimo Luca Argentero in “È questa la vita che sognavo da bambino?” di Stefano Francioni Produzioni con la regia di  Edoardo Leo e testo di Gianni Corsi

Argentero racconterà le storie di grandi personaggi dalle vite straordinarie, che hanno inciso profondamente nella società, nella storia e nella loro disciplina, descritti sia dal punto di vista umano che sociale, con una particolare attenzione al racconto dei tempi in cui hanno vissuto. Luisin Malabrocca, Walter Bonatti e Alberto Tomba, tre sportivi italiani che hanno fatto sognare, tifare, ridere e commuovere varie generazioni di italiani.

Luisin Malabrocca, “l’inventore” della Maglia Nera, il ciclista che nel primo Giro d’Italia dopo la guerra si accorse per caso che arrivare ultimo, in una Italia devastata come quella del ’46, faceva simpatia alla gente: riceveva salami, formaggi e olio come regali di solidarietà. Automaticamente attirò anche l’attenzione di alcuni sponsor, fino a farlo guadagnare di più l’arrivare ultimo che tentare la vittoria. In poco tempo è arrivata anche la popolarità. In lui le persone hanno riconosciuto l’anti-eroe che è nel cuore di ogni italiano. Ma insieme alla popolarità, sono arrivati nuovi sfidanti, in una incredibile corsa a chi arriva ultimo.

Walter Bonatti, l’alpinista che dopo aver superato incredibili sfide con la roccia, il clima e la montagna, arrivato a oltre ottomila metri d’altezza, quasi sulla cima di una delle montagne più difficili da scalare del mondo, il K2, scoprì a sue spese che la minaccia più grande per l’uomo è l’uomo stesso.

Eppure, la grande delusione del K2 lo ha spinto ancora più in là, a mettersi alla prova in nuove sfide in solitaria, nuove scalate impossibili e, infine, a viaggiare in tutto il mondo. Tutto ciò per trovare la cosa più importante della vita: sé stesso.

Alberto Tomba, il campione olimpico che ha fermato il Festival di San Remo con le sue vittorie. L’insolito sciatore bolognese che con la sua leggerezza nella vita e l'aggressività sulla pista è arrivato a essere conosciuto in tutto il mondo come “Tomba la bomba”. Uno dei più grandi campioni della storia dello sci, ha radunato intorno alle sue gare tutta la nazione, incarnando la rinascita italiana, forse illusoria ma sicuramente spensierata, degli anni’80.

Tre storie completamente diverse l’una dall’altra, tre personaggi accomunati da una sola caratteristica: essere diventati, ognuno a modo proprio, degli eroi.

Si confermano media partner della stagione teatrale dell'Orfeo: Se Dico Taranto, TarantoNotte e TarantoDay.

La stagione teatrale del Cinema Teatro Orfeo è patrocinata dal Comune di Taranto.

Si ringraziano i main sponsor: Nuovarredo e Pausa Caffè.
Partner ufficiali: La Spiaggetta Club, Maico, RiverTyre, Claudio Gulli Ascensori, Copyright.

 

Info ticket

€ 35 - platea e prima galleria
€ 30 - seconda galleria e platea laterale
€ 25 - terza galleria

I ticket possono essere acquistati presso il botteghino del Cinema Teatro Orfeo in via Pitagora, 78 (Taranto) aperto tutti i giorni dalle ore 18,00; presso il Box Office in via Nitti, angolo via Oberdan e presso il bar Pausa Caffè in viale Trentino 5b-7.
In alternativa, è possibile chiamare i numeri 099 4533590 – 329 0779521

Published in Spettacolo

Cibo, vino e fotografia. I sapori e i prodotti del territorio incontrano l'arte dell'immagine in "Visioni di Gusto". La manifestazione, promossa dalla Condotta Slow Food Grottaglie Vigne e Ceramiche, si svolgerà il 9 dicembre, a far tempo dalle ore 19, nell'antico convento dei Cappuccini di Grottaglie (via dei Cappuccini).


In apertura dell’evento, avrà luogo la conferenza stampa di presentazione, con l’introduzione da parte del fiduciario Franco Peluso e con gli interventi del presidente di Slow Food Puglia, Marcello Longo, del sindaco di Grottaglie Ciro D’Alò e dell’assessore comunale alla cultura Betty Dubla. Saranno presenti i componenti del Comitato di Condotta, i referenti delle aziende coinvolte che hanno partecipato alla realizzazione del progetto e i soci che hanno aderito all’iniziativa.
"Visioni di Gusto" nasce dal connubio tra le fotografie realizzate, per l'occasione, da sei fotografi del territorio e la degustazione di prodotti di eccellenza, secondo la filosofia Slow Food, che promuove il "Buono, Pulito e Giusto", le produzioni locali ed il consumo consapevole degli alimenti.
"Il progetto, portato avanti dalla condotta Slow Food Grottaglie Vigne e Ceramiche, nasce da un'idea di Emanuele Rombone, membro del Comitato - dichiara il fiduciario della Condotta Franco Peluso -. E' un modo per suggellare, con questo binomio, l'avvio ufficiale delle festività natalizie, mettendo insieme i prodotti d'eccellenza, le aziende e le mani di un sapiente chef con l'arte fotografica". Durante la serata, inoltre, chi parteciperà alla manifestazione riceverà un dono, collegato ai temi della serata, e sarà annunciato un progetto di beneficenza. "Stiamo lavorando a questa iniziativa di solidarietà, nell'ambito dell'educazione alimentare e della valorizzazione del territorio", anticipa il fiduciario Peluso.
"Vivremo una serata che ci proietterà nel 2019 - dichiara Peluso - grazie a 18 nostri soci che hanno contribuito alla realizzazione della serata; ma se loro saranno i protagonisti dell'iniziativa, noi saremo pronti a raccontare questa nuova avventura che vede crescere il gruppo dei Soci Slow Food Grottaglie con tante nuove idee e progetti. Sarà illustrata l'iniziativa che ha visto coinvolti, da protagonisti, sei fotografi del nostro territorio. Il 2018 è l’anno del 'Cibo Italiano', voluto per esaltare il patrimonio enogastronomico italiano e la cucina di qualità, quali strumenti di scoperta di una parte fondamentale della nostra ricchezza culturale, che si caratterizza per la peculiarità di sapori e produzioni d’eccellenza; ed è proprio in questa direzione che stiamo lavorando".
Nella parte dedicata alla degustazione, il nuovo "Pancapocollo" sarà una delle tante star dell’evento del 9 dicembre al convento dei Cappuccini. Insieme, ci saranno lo chef Salvatore Carlucci, le aziende Emanuele Lenti-Pregiata Forneria Lenti, Salumificio Santoro, Tenute Motolese e Vetrère, con Casa Marilla, Ristorante Pizzeria Casa Lacorte, Caseificio Contento, Bernardi Cioccolato, La Luna nel Pozzo, Gelatika, Choose, Birrificio Daniel's e inMasseria. Sarà una serata all'insegna dell'arte dei sapori che sarà raccontata insieme a fotografi Antonio Zanata, Elisabetta D’Amicis, Fernando Santopietro, Francesco Orlando, Raffaele Vestito e Roberta Trani.
L'evento si caratterizza per la collaborazione con le associazioni Intersezioni “Vino è Musica” e "Orecchiette nelle ‘nchiosce" e dell'agenzia di comunicazione Indde.
Informazioni e prenotazioni:
La Ricerca del Particolare, via Parini 44 Grottaglie e 3t Grafica&Comunicazione, via Madonna di Pompei 47/a, Grottaglie.

Published in Cronaca

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk