Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Lunedì, 26 Febbraio 2018

“Mulieribus”, la collettiva d’arte organizzata in occasione della Giornata internazionale della donna, compie il suo primo lustro. Quest’anno verrà inaugurata il 3 marzo alle ore 18:00 nell’atelier della “Bottega Mastro”, in via Messapia n°42 a Grottaglie. Ideata dal professor Oronzo Mastro la collettiva, dedicata al mondo femminile, ritrae sul manifesto della sua quinta edizione l’opera “La Carità” (1878) di Adolphe Bouguereau.

“Come ogni anno – ha dichiarato Mastro –, anche questa quinta edizione di Mulieribus è un omaggio all’universo femminile, con le sue problematiche, le sue conquiste, il suo fascino, il suo fondamentale ruolo nell'ambito famigliare e in quello del mondo del lavoro. Ma vuole essere anche un momento di riflessione per ricordare tutte quelle donne uccise per mano di un uomo. Una mattanza di donne che non tende a fermarsi, anzi si arricchisce giorno dopo giorno di nuove efferate atrocità. L’Italia è una nazione che dal punto di vista legislativo si è evoluto, ma purtroppo non riesce a colmare un gap culturale, impedendo alla nostra nazione di potersi definire un Paese civile”.

“Quest’anno – spiega il professore - abbiamo voluto attribuire al manifesto un aspetto più sereno, quale messaggio di buon auspicio, per una società che ami e rispetti la donna come essere umano, libero di amare chi merita il suo amore e non schiava di uomini che hanno poco di umano. Per questo abbiamo scelto di utilizzare un immagine materna come quella rappresentata nel dipinto di Adolphe Bouguereau ‘La Carità’ ”.

La quinta edizione della collettiva “Mulieribus”, quest’anno si arricchisce con un numero maggiore di partecipanti, provenienti da quasi tutte le regioni d’Italia.

Saranno infatti cinquantadue gli artisti provenienti da tutta Italia, che esporranno i loro lavori, suddivisi fra opere pittoriche, fotografiche, scultoree e ceramiche: Claudio Ardizio, Paolo Borile, Tanja Bassi, Cinzia Brena, Alfredo Caldiron, Maria G. Campagnolo, Eugenio Cerrato, Claudia Chindemi, Giannina Cobatto, Elisa Comotti, GP Colombo, Federica De Icco, Vincenzo De Filippis, Vittorio Di Leva, Tommy Ducale, Giuseppe Formuso, Elena Fornaro, Elda Gavelli, Annamaria Gerlone, Vito De Gregorio, Rita Intermite, Nono Landolina, Anna Laliscia, Vito Leone, Giovanni Lenti, Luigi Lombardo, Stefania Maggiulli Alfieri, Antonio Mannara, Cristina Mantisi, Rosy Mantovani, Giuseppe Marasciulli, Marcello Mastro, Oronzo Mastro, Pionono Mazza, Mariangela Mazzeo Stefania Miele, Enrico Meo, Flavia Neglia, Gennaro Orazio, Tiziana Parabita, Alessandra Poggi, M. Rosaria Quaranta, Tina Quaranta, Gabriella Rodia, Fausta Roussier Fusco, Renata Saltarin, Eduardo Spagnulo, Giovanni Spagnulo, Pespi Stefani, Giovanni Vescio, Katerina Veshtak e Valerio Zito.

Durante la serata di inaugurazione, a descrivere le opere in mostra nell’atelier, sarà la professoressa Vincenza Musardo Talò, storico e critico d’arte.

Oltre ad ospitare le opere di artisti conosciuti, la collettiva sarà anche un'occasione per scoprire nuovi talenti artistici.

Sabato 17 marzo, alle ore 18:00, poi, gli attori del laboratorio teatrale “Teatrando”, Raffaella Caso e Paolo Marchese, offriranno le loro voci nella lettura di racconti che narrano la vita del grande Picasso.

L’ultima serata della mostra, domenica 18 marzo, sempre alle ore 18:00, associazioni, società e singoli cittadini, uniti dall’amore per l’arte e dalla sensibilità nei confronti dell’argomento centrale della mostra, consegneranno ad alcuni artisti che espongono le loro opere, una targa di gradimento.

Si potrà visitare la mostra “Mulieribus – quinta edizione”, da sabato 3 marzo a domenica 18 marzo dalle ore 18:00 alle ore 21:00.

L’ingresso alla mostra è gratuito.

Sponsor dell’evento: Giuseppe Quaranta – forniture per ceramisti.

Published in Cultura
Lunedì, 26 Febbraio 2018 19:07

L’haloterapia di Otosalus piace ai tarantini

L’haloterapia piace ai tarantini: questo è uno dei primi dati dell’openday di Otosalus, una manifestazione di prevenzione sanitaria tenutasi per tre giorni, nella scorsa settimana, presso la sede dell’azienda, in via Carlo Bergamini n. 2/c a Taranto.

Decine e decine di cittadini di tutte le età, infatti, hanno raccolto l’invito della Otosalus presentandosi presso l’azienda per sottoporsi, grazie alla disponibilità di medici specialisti otorino e degli audiometristi, a un check up gratuito dell’udito.

Grande interesse ha riscosso la novità presentata in questo openday: la tenda per l’haloterapia di Otosalus, una struttura per l’aerosol salino “a secco”, un trattamento indicato per il trattamento di malattie otorino croniche e infezioni dell’orecchio ricorrenti.

L’haloterapia, dal greco halos=sale, è un trattamento naturale basato sulla somministrazione per via inalatoria di cloruro di sodio micronizzato. Le microparticelle di sale vengono prodotte da una speciale apparecchiatura elettromedicale, il micronizzatore salino, ed immesse all’interno di una camera appositamente realizzata.

Presso Otosalus, in particolare, c’è una tenda da campeggio trasparente che diviene così una vera e propria “grotta di sale”, nella quale viene riprodotto il microclima presente in una miniera di sale.

Pierfilippo Marcoleoni, responsabile di Otosalus, ha spiegato che «abbiamo voluto organizzare questo openday per dare la possibilità a tanti tarantini di effettuare un controllo gratuito dell’udito, spiegando loro quanto sia importante effettuare controlli periodici, non porsi il problema solo quando i sintomi di una patologia sono ormai evidenti. Questo è ancora più importante con le malattie dell’apparato uditivo, laddove spesso i pazienti si rivolgono allo specialista solo quando avvertono i disagi di ipoacusie “importanti” o i sintomi di altre patologie ormai conclamate».

«In questi tre giorni qui a Otosalus – ha poi detto Pierfilippo Marcoleoni – sono state realizzate tantissime audiometrie a persone che non si erano mai sottoposte a questo esame, rilevando in alcuni casi ipoacusie in stato iniziale e anche abbassamenti dell’udito importanti. Abbiamo invitato questi cittadini a non trascurare gli esiti di questo esame informandone il medico di famiglia, per poi farsi visitare quanto prima nel reparto di Otorinolaringoiatria dell’Ospedale “Moscati” di Taranto, il luogo deputato ad effettuare una diagnosi clinica completa. Soprattutto nei pazienti anziani è importante intervenire mediante protesi acustiche il cui uso contribuisce anche a limitare fenomeni di demenza senile».

L’haloterapia è idonea non solo per le patologie dell’apparato uditivo: è indicata anche nel trattamento di asma, malattie polmonari ostruttive, bronchiti, frequenti infezioni virali, tosse e raffreddore, laringiti, faringiti e tonsilliti e raffreddori allergici, nonché nella disintossicazione dal fumo di sigaretta e da metalli pesanti per chi spesso si sottopone a cure dentali.

È benefica anche in caso di eczema, dermatite, psoriasi, disintossicazione, ed è un rimedio contro stress, instabilità nervosa, insonnia e ansia.

Published in Salute&Benessere

Maria Francavilla, candidata di Forza Italia al Senato nel Collegio uninominale di Taranto, interviene sulla politiche a sostegno del commercio.

Secondo la candidata di Forza Italia al Senato nel collegio di Taranto «la vitalità del commercio è basilare per la nostra economia. Le saracinesche aperte sono un segnale di benessere e di futuro. Al contrario, quando le saracinesche si chiudono e per sempre, un pezzo della nostra vita muore e le città si impoveriscono».

«Prendete, per esempio, il caso di una via di Taranto – denuncia Maria Francavilla – cara a tutti gli abitanti della nostra provincia, Via Principe Amedeo. Dove un tempo brillavano luci e si faceva economia, una landa desolata, vetrine rotte e saracinesche abbassate. Quasi il segno di questi vent’anni di malgoverno delle sinistre che non hanno saputo difendere il commercio dalle insidie della crisi ma anche dalle concorrenze sleali come quella dei commercianti cinesi che spesso hanno invaso senza regole e senza leggi il nostro territorio».

La candidata di Forza Italia al Senato nel collegio di Taranto lancia un forte messaggio di speranza: «nonostante tutto il nostro commercio mostra una grande abnegazione e forza di volontà nel vincere le sfide. Spesso soli e senza sostegni reali hanno saputo diversificare progetti e iniziative andando ad intercettare i nuovi gusti e tendenze di un pubblico sempre più attento a spendere bene i propri soldi».

«Oggi a livello legislativo bisogna sostenere il settore – ribadisce Maria Francavilla – puntando su due aspetti prioritari: un sistema fiscale meno oppressivo e più equo e la sicurezza delle nostre strade e piazze. Il centrodestra punta su questi elementi assolutamente identificativi del nostro programma. Meno burocrazia e più sostegni reali in un concetto diverso anche del modo di concepire il rapporto con le città».

Su questo aspetto la candidata al Senato di Forza Italia invita poi a una riflessione: «oggi infatti il più bel centro commerciale resta il centro storico delle nostre città, piccole e grandi. In una visione finalmente innovata, in un contesto di arredi urbani di qualità, in una dinamica complessiva di momenti artistici e ludici, le botteghe piccole e grandi troverebbero più dignità e appeal facendo economia reale e, conseguentemente, creando occupazione stabile».

«In questo senso – conclude Maria Francavilla – il mio impegno sarà sostenere in Senato tutte quelle misure idonee a facilitare la vita del commercio che resta prioritario in una visione finalmente non più monoculturale del nostro sviluppo».

Published in Politica

Il Comune di Taranto ha aderito al bando ministeriale per l'attuazione di attività progettuali nell'ambito delle politiche di "Promozione di interventi di inclusione sociale ed economica di cittadini dei Paesi terzi sviluppati in Italia e in altri Stati membri" emanato dal Dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione.

L'Autorità Responsabile del Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione (FAMI) 2014-2020 del Dipartimento per le libertà civili e immigrazione del Ministero dell'Interno ha adottato un avviso pubblico per la presentazione di progetti finanziati a valere sul FAMI 2014-2020.
Il Comune di Taranto, pertanto, con il predetto atto deliberativo ha aderito al sistema FAMI attraverso la presentazione entro la scadenza utile del 21 marzo 2018 di un progetto specifico in base agli interventi condivisi.
"Pertanto - prosegue l'assessore Scarpati - si è provveduto ad avviso pubblico attraverso il quale i soggetti terzi, in possesso dei requisiti previsti dalla normativa, saranno invitati a presentare la propria candidatura per la coprogettazione e successiva organizzazione, gestione e implementazione dei servizi, interventi e attività previsti dal progetto medesimo, qualora finanziato.
Il relativo avviso pubblico sarà disponibile da domani sulla homepage del sito istituzionale dell'ente alla sezione direzione servizi sociali.

Published in Sociale&Associazioni

Esaminati dal CdA i risultati d’esercizio 2017 della banca.

San Marzano di San Giuseppe – Bilancio positivo per la BCC San Marzano, che ha chiuso il 2017 con un utile netto di 2,6 milioni di euro, un incremento della raccolta e degli impieghi e un ulteriore miglioramento della qualità del credito. I risultati d’esercizio sono stati esaminati dal consiglio di amministrazione della banca con numeri che confermano l’importante trend di crescita dell’istituto di credito pugliese, riconosciuto anche nel 2017 da Altroconsumo tra le prime 29 banche in Italia per affidabilità. 

Insieme all’utile, per cui all’assemblea dei soci sarà proposta la distribuzione di un dividendo del 2,5% sul capitale versato, si rafforza il patrimonio netto, che sale a 52,180 milioni di euro (+ 5,53 % rispetto all’esercizio precedente). Significativa è anche la solidità patrimoniale, come dimostra il CET1 – l’indicatore per eccellenza dello stato di salute della banca - che al 31/12 si attesta al 21,85%, tra i migliori del settore bancario italiano.
Risultati apprezzabili si registrano anche sul fronte dell’operatività. La raccolta complessiva si attesta a 543,264 milioni di euro in aumento del 4,48% rispetto all’esercizio precedente. Sul fronte degli impieghi si consolida l’azione mirata al sostegno delle famiglie e delle imprese del territorio, grazie all’apporto dei finanziamenti concessi, in crescita del 9,55% rispetto al 2016 raggiungendo quota 233,534 milioni di euro. L’ulteriore miglioramento della qualità del credito è evidente nella copertura delle sofferenze che si attesta al 69,27%, tra i valori più elevati nel sistema bancario nazionale. Positiva è la progressiva riduzione dei costi operativi che scendono di circa l’1% rispetto al 2016, frutto di un efficace processo di efficientamento e razionalizzazione complessiva della struttura.
“Sono numeri eccezionali – ha commentato il Presidente Francesco Cavallo – in quanto vanno inseriti nel contesto economico e finanziario estremamente complesso che continua a vivere il sistema Italia, ed in particolare la nostra provincia. Come BCC ci stiamo preparando ad una profonda trasformazione di cui vogliamo essere protagonisti, valorizzando il patrimonio di conoscenza della realtà locale e la natura banca di prossimità nel segno della sana e prudente gestione che ci ha sempre contraddistinto. Puntiamo sempre più su servizi innovativi e consulenza”. La BCC San Marzano continua dunque ad essere un punto di riferimento
nel Mezzogiorno con 10 filiali, un centro direzionale all’avanguardia, 107 dipendenti, 2554 soci e circa 25.000 clienti. Soddisfazione è stata espressa anche dal Direttore Generale Emanuele di Palma secondo cui “Le riforme in atto spingono tutti a ripensare il modello di business con un forte orientamento all’innovazione. Oggi dobbiamo prendere coscienza che molti schemi sono superati e dobbiamo intervenire per cambiarli, dando anche alle banche di piccole dimensioni la possibilità di affrontare il mercato ad armi pari con i grandi gruppi. Per questo proseguiremo con gli investimenti in Innovazione e Fintech, uno dei principali ambiti di crescita e sviluppo del nostro istituto di credito, operando secondo i principi ispiratori del Credito Cooperativo con la garanzia di far parte di un gruppo industriale solido, efficiente ed innovativo. L’obiettivo è quello di sviluppare una banca sempre più tecnologica e vicina alle esigenze dei nostri clienti, con una struttura in grado di competere a livello nazionale”.

 

Published in Cronaca

Le foto dei 18 comuni coinvolti nell’areale di produzione e dovranno essere postate sulla pagina Facebook del Consorzio di Tutela entro venerdì 30 marzo

Le prime due che otterranno più “mi piace” saranno stampate per poi essere esposte nello stand durante il Vinitaly 2018

Il Primitivo di Manduria visto da noi, uno scatto per raccontare il prodotto principe della Puglia, famoso in tutto il mondo e coglierne l’essenza, descrivendo in immagini il legame tra la doc e il territorio. Questa è l’iniziativa lanciata dal Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria per promuovere l’areale di produzione in occasione del Vinitaly 2018

Diciotto i comuni coinvolti: Avetrana, Carosino, Erchie, Faggiano, Fragagnano, Leporano, Lizzano, Manduria, Maruggio, Monteparano, Oria, Pulsano, Roccaforzata, San Giorgio Ionico, San Marzano di San Giuseppe, Sava, Torre Santa Susanna, Torricella. E potranno essere proprio loro i protagonisti della grande kermesse enologica che si tiene a Verona dal 15 al 18 aprile.

Come? Postando le foto - entro venerdì 30 marzo - che ritraggono i luoghi più suggestivi delle località sulla pagina Facebook del Consorzio di Tutela con l’hashtag #IlPrimitivodiManduriavistodanoi. 

Ogni scatto in alta risoluzione deve indicare anche il luogo di provenienza. I primi due che otterranno più “mi piace” sulla pagina Facebook saranno stampati per poi essere esposti presso lo stand del Consorzio durante il Vinitaly (Padiglione 11, isola B2) e verranno utilizzati nei manifesti, nei programmi e nei materiali di comunicazione internazionale con i dovuti crediti.

Campi coltivati, vigneti, vicoli, monumenti, tramonti, feste patronali ma anche scene di vita agreste e marittima, insomma tutto ciò che forma lo splendido mosaico della grande doc pugliese.

Published in Cronaca

Continuano senza sosta le iniziative poste in essere dal Circolo Arci di Grottaglie, in conformità agli obiettivi sanciti dallo statuto nazionale dell’associazione.

Ogni progetto ha come scopo quello di favorire cultura e solidarietà a livello locale attraverso percorsi di riflessione con i cittadini e le altre associazioni del territorio su temi di rilevanza sociale.
A tal proposito, dopo la Campagna nazionale “Mai più fascismi” avviata il 20 febbraio scorso nella sede di via Campitelli al fine di ribadire il nostro dissenso contro ogni forma di violenza, discriminazione e razzismo e la petizione di promozione a favore della economia circolare denominata “Cambiamo l’aria!”, intendiamo concentrare la nostra attenzione sulla violenza di genere.
Il prossimo appuntamento, si terrà 2 marzo, dalle ore 18.00 alle ore 20.00, presso il Castello Episcopio – nel centro storico di Grottaglie – e sarà intitolato “La violenza di genere e rieducazione del maltrattante”.

Gli uomini picchiano le donne, spesso le pestano a sangue, alle volte le uccidono. Ogni tanto c’è un caso che sembra più disumano e per questo più esemplare: uno che tenta di bruciare viva la fidanzata che l’ha lasciato, un altro che ammazza insieme alla compagna i figli piccoli. A ondate sui giornali, in tv e sul web si riparla di allarme-femminicidio; per il resto del tempo il conto delle morti continua regolare. Per combattere tale fenomeno, nell’ultimo periodo sono state organizzate un numero indefinito di manifestazioni, campagne di sensibilizzazione, è stata promulgata una legge ad hoc sull’omicidio delle donne ed attuato il rafforzamento delle misure detentive e di quelle cautelari da parte della magistratura. Nonostante ciò, le politiche nazionali e locali hanno dimunuito le risorse economiche a favore delle case rifugio e dei centri anti-violenza. Un ulteriore dato emerso é che le case di accoglienza a favore delle donne sono sparse in tutta Italia. Invece, i centri di ascolto per uomini maltrattanti sono concentrati soprattutto nel nord del Paese. Mentre il lavoro di tutela e di sostegno per le vittime di violenza può essere considerato una conquista, l’intervento con gli uomini maltrattanti nelle relazioni d’intimità ha ricevuto, in paragone, molta meno attenzione da parte degli organismi pubblici, del terzo settore e dagli ambienti accademici. A tal proposito, siamo convinti che solo un processo di rieducazione e di riabilitazione dell’uomo violento che ne cambi convinzioni, schemi relazionali e mentalità possa contribuire alla prevenzione e/o diminuzione di eventi nefasti. In realtà, non si deve, assolutamente, pensare che un uomo violento, se recuperato, sia in qualche modo un uomo giustificato, ma certamente una donna in meno si sentirebbe in pericolo di vita insieme ai suoi figli e si avrebbe maggiore sicurezza della collettività. Saranno questi gli argomenti di cui discutere nel corso dell’iniziativa - curata interamente dall’ARCI – con il prezioso contributo dell’avv. Caterina Campanelli, specializzata nella materia del diritto penale e di famiglia, della dott.ssa Mara Fina, educatrice del centro-antiviolenza “Alzaia” e della dott.ssa Anna Coppola De Vanna, responsabile del servizio centro ascolto maltrattanti “Dalla parte del lupo”.
Nel corso della serata sarà allestita una collettiva fotografica dedicata alla Donna, esporranno Elisabetta D'Amicis, Luca D'Andria, Nino Maggi, Roberta Trani e Vito Leone.

Published in Sociale&Associazioni

Rispondono le associazioni, risponde il territorio “Burian…noi non ti temiamo”. Risponde tutto il sistema di volontariato che in queste ore di allerta meteo si stanno rafforzando intorno all’assessore e stanno intensificando le attività.

“Insieme possiamo affrontare ogni sfida e per la neve siamo già pronti- dice l’assessore delegata al Centro operativo comunale, Francesca Viggiano- la task force è sempre attiva e tutto il volontariato si è unito a noi per portare sostegno e soccorso a chi ne potrebbe avere bisogno o semplicemente per aiutarci a monitorare il territorio”. Dopo la conferenza stampa tenuta ieri nella sala operativa della Polizia Locale di Taranto con il Presidente dell’Amiu, Luca Tagliente, sulle misure già adottate per questa previsione di freddo e sulle norme di auto protezione, l’assessore ha ricevuto numerosi messaggi e attestazioni di cittadini e associazioni di volontariato che hanno offerto la propria disponibilità ad intervenire per soccorsi o aiuti nel caso in cui anche il nostro territorio dovesse essere interessato da nevicate o dall’ulteriore abbassamento delle temperature per l’ondata di freddo di origine siberiana.

“Tutte le associazioni del territorio si sono allertate per far fronte all'emergenza ed hanno raddoppiato gli sforzi per contrastare le possibili criticità ed andare in soccorso alle categorie più deboli, ai senza tetto e alle persone in difficoltà. L’Abfo ha anche messo a disposizione un numero telefonico sempre attivo 3930610061 al quale rivolgersi per le emergenze. I senzatetto e quanti non dispongono di una fissa dimora potranno portarsi al centro diurno Abfo o al centro di accoglienza della Caritas Diocesana dove troveranno ambienti caldi e confortevoli e spazi aggregativi in cui passare le ore più fredde della giornata”

Proprio questa mattina l’assessore ha ricevuto la disponibilità anche dall’associazione “Amici del Soccorso Sandro Biagiotti” con sede a Lama. Con un pick up e quattro operatori di radio ricetrasmittente, questi volontari sono già attivi e operativi sul territorio. “Sto apprezzando molto- conclude l’assessore- e ringrazio quanti si stanno adoperando in favore delle categorie più deboli per rafforzare questa barriera solidaristica e umanitaria contro l’emergenza freddo”.

Published in Cronaca

“Gianpà, perché?” è il titolo dell’incontro culturale e politico di domani sera alle ore 19.00 presso il Teatro Comunale di Crispiano, dove il grande giornalista-meridionalista autore del bestseller “Terroni”, intervisterà l’imprenditore agricolo candidato nel Movimento 5 Stelle per il collegio uninominale in queste elezioni politiche.

Crispiano – Un incontro tra giornalismo e politica. Martedì 27 febbraio alle ore 19.00, il giornalista e scrittore Pino Aprile metterà alla prova Gianpaolo Cassese, il neo candidato del Movimento 5 Stelle per i 18 Comuni del Collegio 11 con un incontro al Teatro comunale di Crispiano. Sul palcoscenico solo due sedute. Due microfoni, per due appassionati interlocutori. Il titolo, scelto da Aprile già da sé la dice lunga: “Gianpà perché?”. Una serie di domande tematiche, in tono confidenziale ma anche provocatorio. Il legame fiduciario tra i due – un combattivo giornalista da un lato e un appassionato imprenditore agricolo dall’altro - entrambi pugliesi doc, permetterà di affondare argomenti in profondità, con un linguaggio alla portata di tutti, senza però mancare di obiettività.

L’incontro sarà una presentazione sotto forma di dibattito. Perché candidarsi? Quale è il legame e la fiducia nei confronti del Movimento? Cosa si propone per le problematiche tarantine e l’acciaio? L’inquinamento, l’agricoltura, le discariche. Come e perché affrontare queste realtà? La valorizzazione della memoria della terra jonica, dei suoi valori locali in termini di civiltà rupestre, gastronomia e delle sue arti storiche tra cui quelle del comparto ceramico. Infine i pro e i contro di una possibile presenza in Parlamento, in quelli che saranno i tempi del dopo-voto.

Giornalista e scrittore, Pino Aprile, pugliese residente ai Castelli Romani, è stato vicedirettore di Oggi e direttore di Gente. Per la Tv ha lavorato con Sergio Zavoli all'inchiesta a puntate "Viaggio nel Sud" e al settimanale del Tg1, Tv7. È autore di saggi accolti con successo e tradotti in diversi paesi. “Terroni", uscito nel 2010 e diventato un vero e proprio caso editoriale, e i successivi "Giù al Sud", "Mai più terroni”," Il Sud puzza" e "Terroni ‘ dernescional" hanno fatto di Aprile il giornalista "meridionalista" più seguito in Italia e gli sono valsi molti premi, tra cui il Premio Carlo Levi nel 2010, il Rhegium Julii nello stesso anno e il Premio Caccuri nel 2012. Il suo ultimo libro è “Carnefici” uscito nel 2017 per “Pickwick”.

L’ingresso è libero.

Published in Politica

Nella sera di sabato 24 febbraio, presso il Teatro Monticello di Grottaglie, ha avuto luogo il primo appuntamento della rassegna concertistica dell’I.C. “F.G. Pignatelli” di Grottaglie in occasione del 30° anniversario dell’Indirizzo Musicale, rassegna a cui prenderanno parte docenti, ex docenti, alunni ed ex alunni e fortemente sostenuta dal Dirigente Scolastico, prof.ssa Marisa Basile, e patrocinata con grande entusiasmo dall'Assessore alla Cultura e Pubblica Istruzione, prof.ssa Elisabetta Dubla, - Amministrazione di Grottaglie, dalla Provincia di Taranto, dalla Regione Puglia – Assessorato all'Industria Turistica e Culturale, da Puglia Events, Puglia Promozione, NuovoImaie – I diritti degli artisti.
La serata ha festeggiato due importanti traguardi: i “30 anni di Musica” dalla nascita dei corsi ad Indirizzo Musicale della Scuola Secondaria Pignatelli e la pubblicazione del CD “MINIATURE” per ArmoniEnsemble Piano Trio dei Maestri Palma di Gaetano – flauto, Giordano Muolo – clarinetto, docenti presso l’I.C. Pignatelli, e Danilo Panico – pianoforte, docente presso l'I.C. Giovanni XXIII di Sava. Il CD è frutto di 13 anni di studio, lavoro di gruppo, passione e dedizione per la didattica strumentale e l'attività concertistica in Italia e all'Estero, in ambito solistico, cameristico e orchestrale, e che, necessariamente, doveva essere presentato a Grottaglie, in quanto è stata la Città in cui tutto ha avuto inizio: l’Associazione ArmoniE e, ancor prima, il gruppo da camera ArmoniEnsemble sono nati, infatti, fra “le cattedre” dell'I.C. “Pignatelli” nel lontano anno scolastico 2004/2005.
In una sala gremita di gente, eterogenea per età ed interessi, ma unita dall’amore per la musica, il cui linguaggio universale non conosce confini né geografici né generazionali, Piersilvio Balta, ex alunno del prof. Giordano Muolo, ora maturando del Liceo Musicale Archita di Taranto, ha dato inizio al concerto, con l’esecuzione del brano “Hommage à R. Strauss” di Béla Kovàcs, evidenziando, in ogni nota della sua meravigliosa performance, il suo amore per la musica, nato proprio tra i banchi dell’I.C. Pignatelli, come è stato evidenziato dallaprof.ssa Gabriella Pastore, docente di violino presso lo stesso Istituto, ma per l’occasione in veste di piacevole presentatrice e guida all’ascolto, ruolo rivestito con professionalità e simpatia, affiancata, talvolta, dalla stessa prof.ssa di Gaetano, formando insieme un eccezionale duo.
Dopo i saluti del Dirigente Scolastico, prof.ssa Marisa Basile, dell’Assessore alla Cultura e alla Pubblica Istruzione, prof.ssa Elisabetta Dubla, e della prof.ssa Loredana Chiore dell’Ufficio Valorizzazione della cultura artistica e musicale, la parola, o meglio le note, sono passate ai tre grandi e straordinari Maestri, che hanno presentato in modo impeccabile e brillante, un’antologia musicale di storie, tradizioni, opere “in miniatura” appartenenti ad un periodo che va dalla seconda metà dell’Ottocento fino ai giorni nostri, da G. Bizet a C. Saint-Saens, da M. Arnold a M Webster, garantendo ai presenti un vero connubio di emozioni.
Il programma, ricco e variegato, è stato “impreziosito” da un momento in cui più arti, musica, mimo, danza, recitazione, arte grafica, si sono unite per dare vita ad uno spettacolo nello spettacolo, durante l’esibizione della storia in musica della compositrice Teresa Procaccini, su testo di Nico Parziale, interpretata musicalmente dal Trio e messa in scena dagli alunni del Laboratorio Teatrale dell'I.C. Pignatelli, guidati dai docenti del Dipartimento di Lettere, con costumi e scenografie a cura del Dipartimento di Arte.
L’evento, primo di una serie di concerti che testimoniano la peculiarità dell’I. C. Pignatelli, unico sul territorio ad avere, ormai da ben 30 anni, corsi ad indirizzo musicale, si è concluso tra gli applausi del pubblico, entusiasta della piacevole, emozionante e sorprendente serata e curioso ed impaziente di essere presente al prossimo appuntamento “That’s All … Elvis!”, che si svolgerà giovedì 15 marzo alle ore 19.00 presso il Teatro Monticello di Grottaglie.

Published in Scuola&Istruzione
Pagina 1 di 2

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk