Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Lunedì, 26 Marzo 2018

Saranno presentati, mercoledì 28 marzo alle 15:00, nell’antico convento dei Cappuccini a Grottaglie, le attività previste sul territorio dal Distretto Urbano del Commercio.
Si parte dal progetto presentato dal Comune di Grottaglie, Confcommercio e Confesercenti, e finanziato dalla Regione Puglia con un contributo di 55.000 euro. Primo progetto presentato nella Provincia di Taranto, il DUC locale si occuperà della formazione e informazione diretta delle imprese quali corsi sull’accoglienza della clientela, promozione, inglese commerciale, commercio online, oltre alla realizzazione di una piattaforma per la gestione delle informazioni.
Le attività commerciali sono una delle leve più importanti del nostro tessuto economico, che possono tradursi in sviluppo e ricaduta occupazionale sul territorio. Il DUC è partner essenziale per mettere in campo una visione pianificata e organizzata a lungo termine affianco alle attività già attivate nel Comune di Grottaglie.
Un incontro questo fortemente voluto dall’assessore regionale Michele Mazzarano che sappiamo saprà sicuramente chiarire la propria posizione rispetto alle vicende che lo hanno visto coinvolto la settimana scorsa e al quale auguriamo una veloce ripresa delle tante attività che lo hanno visto impegnato in questi mesi, anche sul nostro territorio come ZES e Aeroporto.
Durante l’incontro relazioneranno: Giovanni Colonna, presidente provinciale di Confguide, che parlerà della tutela a valorizzazione dei centri commerciali naturali; Francesco Chiloiro, referente Confcommercio Grottaglie, e Roberto Conte della Confesercenti Taranto che parlerà dei percorsi di aggregazione e dei riflessi sulle imprese. Poi ancora Aldo Manzulli presidente provinciale della categoria Information Tecnology di Confcommercio, che illustrerà la leva dell’innovazione tecnologica sui DUC. Infine, l’assessore Mario Bonfrate spiegherà il ruolo dei DUC nelle politiche di sviluppo del commercio urbano.

Published in Politica

Con l’approssimarsi della fase congressuale si va completando la struttura organizzativa di Energia per l’Italia pugliese.
In data 23 marzo 2018, con nomina del segretario regionale Valerio Ricci, si è costituito il coordinamento provinciale di Brindisi EPI.
A presiederlo è stato chiamato Rubino Laurino, nominato inoltre nell’esecutivo regionale, che sarà coadiuvato nella sua funzione provinciale da un componente dei circoli di Cisternino e Fasano.
Il coordinamento resterà in carica sino alla celebrazione dei congressi provinciali, come definito durante l’assemblea nazionale tenutasi lo scorso 20 marzo a Roma.
Energie Per l’Italia Puglia si definisce sempre più sul territorio regionale attraverso i suoi referenti, che si caratterizzano per la volontà e capacità di interpretare in modo nuovo la politica ed il dialogo con le collettività ed in prossimità delle imminenti scadenze amministrative nei quarantasette comuni pugliesi.
In perfetta sintonia con le tematiche che proprio in questi ultimi giorni sta ponendo all’attenzione degli italiani il segretario nazionale Stefano Parisi.
Un nuovo codice degli appalti per far ripartire l’economia, la riforma della giustizia che abbia tempi brevi e certezza della pena, una politica fiscale per lo sviluppo del sud con l’azzeramento delle tasse alle aziende che investono e offrono occupazione, risanamento dei conti pubblici per rendere strutturata la ripresa, una politica ambientale che tenga conto delle peculiarità dei territori.

 

 

Published in Politica

LA CENA DEI CRETINI di Francis Veber è un  classico della commedia francese, un grande successo che da oltre vent’anni diverte, affascina ed emoziona le platee di tutto il mondo. Un gruppo di ricchi borghesi parigini per divertimento, ogni settimana organizza una cena in cui ognuno di loro invita un “cretino”: il migliore vincerà la serata. Il protagonista Pierre, editore, è bloccato a casa dal colpo della strega e decide di anticipare la conoscenza di Francois Pignon, invitandolo da lui con la scusa di parlare del suo hobby, cioè costruire monumenti famosi con i fiammiferi, con l’eventualità di pubblicarne un libro. Da qui si succederanno una serie di situazioni esilaranti ad opera del "cretino", con scambi di persone e telefonate che contribuiscono all'intreccio della trama, fino ad invitare a casa un suo collega agente delle tasse, specializzato in evasioni fiscali.

Scene Giulia Romolini; costumi Lucrezia Farinella; luci Luca Palmieri con Simone Colombari, Maurizio D’Agostino, Loredana Piedimonte, Silvia Degrandi,  regia PISTOIATRIESTINO - Teatro Ghione / Fiore&Germano Nicola Pistoia, Paolo Triestino

Stagione Teatrale 2017/18 - Città di GROTTAGLIE - TEATRO DEI PADRI GESUITI MONTICELLO martedì 3 aprile 2018 - martedì 3 aprile 2018; porta ore 20,30 - sipario ore 21,00

PREZZO

► SINGOLI BIGLIETTI

[intero / ridotto]

- Platea 1° Settore, € 20 / € 18

- Galleria 2° Settore, € 18 / € 16

- Galleria 2° Settore (Studenti e Under 26), € 8

► VENDITA DEI BIGLIETTI E DEGLI ABBONAMENTI

Il servizio di vendita di biglietti e abbonamenti sarà disponibile presso l’Ufficio Cultura del Comune di Grottaglie (via Martiri d’Ungheria - tel 099.5620251/5620326), dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 12:30 e il martedì e il giovedì anche dalle 15:30 alle 17:30, e la sera di spettacolo dalle ore 19:30 presso il Teatro Monticello.

► INFO

Teatro Monticello

Via Karl Marx, 1

Ufficio Cultura del Comune

Via Martiri d’Ungheria

tel. 099.5620251 – 099.5620326

Published in Spettacolo

Bravi ai pentastellari. Al primo impegno rinnegano già tutto che in questi anni hanno detto. Votano Berlusconi. Lo sapevamo ma ora non è questo che mi interessa. 

Mi piace il nuovo presidente del Senato della Repubblica. Ottima scelta. Donna coraggiosa. Maria Elisabetta Alberti Casellati Donna con la tradizione dei valori nella sua formazione culturale.
Già dal suo primo discorso di insediamento ha dato precise indicazioni.

Donna colta. Finalmente una persona culturalmente robusta che sa ponderare ogni parola, chiosare ogni definizione e insistere sul patrimonio culturale di una nazione.

Il fatto di tirare nelle sfide storiche gli ideali del Risorgimento mi sembra una sicurezza che va oltre gli stereotipi di un ripetere le falsi condivisioni di significati anti nazifascisti.

Un magistrato serio che ha puntato nella sua attività politica alla cultura della tradizione e non al solito giochetto del relativismo. Già in fatto problemi di coppia si è espressa in passato con forti principi.

Non molto tempo fa aveva affermato: "La famiglia non è un concetto estensibile. Lo Stato non può equiparare matrimonio e unioni civili, né far crescere un minore in una coppia che non sia famiglia. Le diversità vanno tutelate ma non possono diventare identità, se identità non sono".
Perfetto. Finalmente un discorso chiaro.
È naturale che le sinistre sono disperate a dover dialogare di temi forti.
Così cominciano a capire cosa possa significare l'identità come persona e come valore imprescindibile.
Alla Camera? Alcun commento. Inizia male con una frase fatta: contro il nazifascismo. Al senato non c'era?

Published in Politica

Arrivano 5 milioni di euro per migliorare la qualità urbana e la vivibilità dell’Isola Madre.

Il Comune di Taranto ha ottenuto il finanziamento di un articolato programma di rigenerazione urbana previsto nell’ambito del POR FESR -FSE 2014/2020 in attuazione dell’ Obiettivo tematico XII “Sviluppo Urbano Sostenibile”.

Si tratta di risorse destinate al perseguimento di un “durevole miglioramento della vivibilità e della sostenibilità dell’area, agendo sulla fascia di popolazione più svantaggiata e marginale sotto il profilo socio-economico e con maggiori problemi di collegamento ai centri
di erogazione dei servizi”.

La strategia presentata dal Comune ha ottenuto il massimo finanziamento e l’introduzione di alcuni elementi innovativi hanno garantito il successo.

Gli obiettivi tematici da osservare erano quattro: "energia sostenibile e qualità della vita”, “adattamento al cambiamento climatico, prevenzione e gestione dei rischi”, “tutela dell’ambiente e valorizzazione
delle risorse culturali e ambientali” e “inclusione sociale e lotta alla povertà”.

Il Comune li ha declinati avendo sempre presenti le peculiarità dell’Isola Madre, che è anche centro nevralgico e punto di partenza di tutta la programmazione urbanistica dell’Amministrazione Melucci.
Con queste risorse si punta a modificare radicalmente il waterfront sul Mar Piccolo, attraverso interventi di mobilità sostenibile (come piste ciclopedonali) che ne consentano il recupero dal punto di vista paesaggistico, e la realizzazione di infrastrutture ambientali consistenti in una cintura di verde urbano. Questi due interventi, inoltre, avranno il compito di mitigare il carico ambientale che il quartiere subisce.

Il finanziamento, inoltre, consentirà la realizzazione di fondamentali opere di urbanizzazione primaria, come una rete per la captazione, il convogliamento e lo stoccaggio delle acque
meteoriche, da convogliare nel sistema di irrigazione del verde urbano.

Più della metà delle risorse, infine, sarà destinata al recupero e al riuso di un immobile di proprietà pubblica con finalità di aggregazione e integrazione sociale.
Un contenitore che miri alla riqualificazione socio culturale degli abitanti dell’isola e non solo, che prepari la popolazione al cambiamento radicale che la nostra isola avrà nel prossimo futuro. L’ambizione di questa iniziativa è preparare la città a quella diversificazione economica tanto attesa e che metta i cittadini nelle condizioni di essere parte integrante e attiva di questo processo.

Non si vuole “ristrutturare” solo le mura dei palazzi ma anche la spirito della città.

«Centrato questo obiettivo – le parole dell’assessore ai Fondi Strategici, Società Partecipate ed Innovazione Massimiliano Motolese – andiamo spediti verso la concreta realizzazione di un sogno: trasformare l’Isola Madre nel simbolo della rinascita cittadina. Abbiamo prospettive a breve, medio e lungo termine per questa parte importante della città e non vogliamo lasciare nulla di intentato. Per questo inseguiamo ogni opportunità di finanziamento che viene posta a nostra disposizione».

“Investire su un futuro sostenibile - aggiunge l’assessore all’urbanistica Sergio Scarcia - che partisse dalla identità e bellezza della nostra comunità (le "anime" e le "pietre"), è la bussola che si intende seguire. È così che vanno interpretate le premialita' sul recupero edilizio e funzionale: dalla "Masseria Solito" ai "Baraccamenti Cattolica" fino agli interventi di "messa in sicurezza" degli immobili nella Città Vecchia con il Contratto Istituzionale di Sviluppo, fino alla definizione del PUMS (Piano Urbano della Mobilità Sostenibile), già affrontato nelle parti strategiche, che sarà adottato nei termini di legge nel prossimo mese. Viene, in sostanza, a delinearsi il profilo di questa Amministrazione che punta notevolmente ad affermare i principi dell'inclusione sociale, della tutela e valorizzazione delle risorse culturali ed ambientali, dell'affermazione del benessere equo sostenibile (BES) per il miglioramento della qualità della vita della città di Taranto e del suo territorio”

L’amministrazione coglie l’occasione per ringraziare la struttura regionale che ha lavorato al bando e l’assessore Alfonso Pisicchio che ancora una volta si dimostra attento alle proposte del territorio tarantino.

Published in Cronaca

Mercoledì 28 marzo sarà ospite della rassegna letteraria Beer & Book la giovane scrittrice Bianca Rita Cataldi. L'appuntamento è al Tabir, a Taranto, alle 19.

Già finalista al Campiello Giovani 2009, la Cataldi è al debutto per HarperCollins Italia con “I fiori non hanno paura del temporale”, romanzo d’iniziazione che ha al centro il legame tra due sorelle, ambientato a Bologna a fine anni '90, e che si inserisce nel filone “retromania” (le musicassette e una macchina da scrivere Olivetti sono elementi centrali del racconto). Bianca Rita Cataldi è una narratrice sorprendente e ha regalato ai lettori un meraviglioso romanzo sul potere delle parole. La rassegna è a cura di Volta la carta. Dialogherà con la scrittrice il giornalista Vincenzo Parabita. L'ingresso è libero. Per info: 335.7547169 – 380.4385348

IL LIBRO
Bologna 1997. La stanza è in penombra e i libri e le musicassette sono sparsi dappertutto. Distesa sul letto, la camicia a quadri e i Nirvana sparati nelle orecchie dal walkman, Corinna muove i piedi a tempo e non stacca il naso dalla pagina. Ha sedici anni, i capelli rossi come fili di rame e un viso ricoperto di lentiggini su cui spiccano due occhi d’acciaio. È la figlia del primo grande amore di sua madre che se ne è andato poco prima del parto. Serena, detta Poochie, ha sette anni, i capelli scuri stretti in due codini fermati da elastici a forma di arcobaleno ed è la sua sorellastra. Il suo desiderio più grande è farsi considerare da quella sorella maggiore così misteriosa, sempre rintanata dietro le pagine di un libro e con le cuffie calcate sulla testa. Vivono in una grande e caotica tribù allargata in cui vige il matriarcato e dove per ogni decisione ci si rivolge al consesso delle antenate riunite nella cappella di famiglia al cimitero. Una famiglia fatta di donne dal sangue cocciuto e in cui nessuna tristezza può resistere di fronte al sapore magico di un tiramisù al pistacchio. Eppure l’equilibrio familiare comincia a vacillare quando Corinna riceve una strana scatola da scarpe chiusa malamente con del nastro adesivo. Dentro ci sono degli oggetti apparentemente scollegati tra loro, ma che sono l’ultimo regalo del suo vero padre, scomparso improvvisamente in un incidente. Corinna non ha dubbi: quegli oggetti hanno un significato e lei deve scoprirlo. Decide così di partire, insieme a Serena, per una caccia al tesoro per le vie di Bologna. La scatola in borsa e un sogno tra i capelli ribelli: trovare il segreto delle sue radici e, inevitabilmente, la propria strada nel mondo.
Il legame di due sorelle che si prendono per mano e vanno alla scoperta della vita, una storia di madri e di figlie e di come perdersi a volte può farci rinascere più forti. Come un fiore che sembra appassire sotto un temporale ma che al primo raggio di sole rinasce più colorato e luminoso di prima.

L'AUTRICE
Bianca Rita Cataldi è nata nel 1992 a Bari, dove ha conseguito la laurea magistrale in Filologia Moderna e si è diplomata in pianoforte in conservatorio. È editor, correttrice di bozze e traduttrice. Finalista al Premio Campiello Giovani 2009, ha esordito nel 2011 con il romanzo Il fiume scorre in te, edito senza contributo da Booksprint Edizioni. Il suo secondo romanzo, Waiting room, si è classificato finalista del Premio Villa Torlonia 2012 ed è stato pubblicato da Butterfly Edizioni, conquistando il primo posto del Premio Letterario Internazionale Maria Messina. Da agosto 2015 è in tutte le librerie Isolde non c’è più (Les Flâneurs Edizioni), menzione speciale al Golden Book Awards 2016. Ha contribuito alla fondazione del portale logokrisia.com. Da febbraio 2018 è in libreria il romanzo I fiori non hanno paura del temporale (HarperCollins Italia). Attualmente vive a Dublino, dove sta conseguendo il dottorato di ricerca presso la School of Languages, Cultures and Linguistics dello University College Dublin ed è tutor di lingua italiana presso la stessa università.

Published in Cultura

La notizia che vede la città di Grottaglie vincitrice del bando di Rigenerazione urbana sostenibile suscita in noi notevole soddisfazione ed è soprattutto motivo di orgoglio poiché è uno dei finanziamenti più importanti della storia della nostra Città grazie al quale si darà atto alla riqualificazione del tessuto urbano e sociale.

Abbiamo avuto l’opportunità di avviare un percorso di riqualificazione che difficilmente si sarebbe potuto ottenere con le sole risorse comunali . È dunque un risultato epocale che premia il lunghissimo lavoro svolto da questa amministrazione che ha visto la partecipazione e collaborazione di cittadini, associazioni, professionisti ma anche amministratori e tecnici comunali legati tutti dal desiderio di cambiamento ma soprattutto di tutela del proprio patrimonio urbano.

La nostra partecipazione al progetto, attraverso l’apporto di idee, insieme alla partecipazione dei cittadini che durante le assemblee di quartiere svolte in questi anni, hanno contribuito al raggiungimento del risultato, esalta l’idea di sviluppo della città, che abbiamo condiviso con la coalizione di cui facciamo parte.

Il risultato finale è il frutto della moltitudine di idee, innovazione, partecipazione e voglia di cambiamento che ha unito le diverse realtà del territorio che bene hanno accolto l’idea di unirsi per il raggiungimento di un unico obiettivo ovvero quello di recuperare un territorio che fino ad ora non è stato valorizzato per quello che realmente può offrire ai suoi cittadini e non solo.

Pertanto un grazie va a che ha dato il proprio contributo, associazioni e ai cittadini, all’assessore Blasi che ha supervisionato questo progetto, ed anche a chi ci ha supportato sulle questioni tecniche.
Questo a dimostrazione del fatto che un risultato straordinario come questo ancora una volta esalta il lungo e meticoloso lavoro di squadra che ha visto protagonista anche l’intero Consiglio Comunale .

Published in Politica

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk