Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Lunedì, 11 Giugno 2018
Lunedì, 11 Giugno 2018 21:11

Emergenza personale di comparto nella Asl

Arrivano 50 infermieri assunti per far fronte ad esigenze di carattere temporaneo ed eccezionale

La Direzione generale della Asl autorizza l’affidamento di 50 incarichi per un periodo di sei mesi da conferire ad altrettanti infermieri. Questa ventata di ossigeno portata dalla delibera 1300 del 6 giugno si è resa necessaria per far fronte al prevedibile annuale aumento delle presenze turistiche, alla carenza cronica di personale di comparto e alla necessità di garantire le ferie al personale dipendente.

Non a caso proprio in questi giorni Floriano Polimeno della Fp Cgil ha lanciato l’ennesimo allarme sulle pagine della Gazzetta del Mezzogiorno. Polimeno ha denunciato il collasso del nosocomio di Gallipoli e le difficoltà di copertura dei turni all’ospedale di Scorrano. Qui – ha riferito il sindacalista – il carico di lavoro al reparto di Medicina è eccessivo. 36 infermieri e 12 OSS devono far fronte ai 37 posti letto del 4° piano e ai 17 posti letto del 3° piano, con enormi difficoltà logistiche e di collegamento. Oltre all’assistenza diretta e ai numerosi trasporti secondari e altre mansioni.

La decisione della direzione aziendale annulla di fatto tutte le precedenti delibere relative agli incarichi non ancora assegnati.

Quanto ai costi, la Regione Puglia, in base a un decreto che decorre dal gennaio 2011, di fronte ad esigenze di carattere eccezionale e temporaneo può spendere fino al 50% delle spese sostenute nel 2009 per le stesse finalità. Inoltre, l’assunzione dei 50 infermieri si giustifica anche con la necessità di garantire i LEA, i livelli essenziali di assistenza.

A conti fatti la spesa complessiva mensile ammonta a circa 179mila euro. Che per un periodo di 6 mesi e per 50 stipendi, tocca la cifra di un milione e 74mila euro lordi.

Published in Sanità
Lunedì, 11 Giugno 2018 21:05

Angela Locapo su Medimex

Medimex bilancio positivo per la città.

Soddisfazione esprime il presidente dell’associazione B&B Taranto Terra di Sparta, Angelo Locapo, per il grande evento Medimex che ha coinvolto tutta la città. “Per la prima volta a Taranto, quello che possiamo definire un grande evento, il Medimex, ha visto la partecipazione di circa 60mila persone provenienti da ogni dove. Taranto per tre giorni capitale della musica ha mostrato il volto migliore e per quanti temevano una invasione vandalica bisogna dire che sono stati decisamente smentiti. Il pubblico, il numeroso pubblico, fatto prevalentemente da giovani, è stato un mare calmo. La città ha risposto bene a livello organizzativo, qualche difficoltà per le limitazioni al traffico, lamentale sollevate dai soliti disfattisti, ma per una città che aspira a diventare turistica è poca cosa. Un grazie va rivolto agli organizzatori, Puglia Sounds, al Comune di Taranto, alle forze dell’ordine, alla Polizia Locale ed alla Protezione Civile che, tutti indistintamente, hanno contribuito alla buona e serena riuscita della manifestazione che ha avuto risvolti positivi per tutta la città: bar, ristoranti, alberghi e b&b.” Locapo continua sostenendo “è con vivo piacere che abbiamo appreso della decisione di riportare nuovamente a Taranto l’evento musicale nel 2019, come annunciato dal presidente Emiliano. Crediamo che se si calendarizzano più manifestazioni di vario genere la città bimare può e deve trovare il suo riscatto. Taranto non è solo inquinamento. Nell’arco di pochi giorni Taranto alla ribalta nazionale con il Medimex, il 16 giugno il giuramento dei marescialli e degli allievi del VFP1 della Marina Militare ed il 29 giugno il giuramento degli allievi dell’Aeronautica Militare con l’esibizione delle Frecce Tricolori , entrambi i giuramenti tornano dopo ben 35 anni sulla Rotonda del Lungomare con un gran numero di presenze annunciate. Sfruttiamo ciò che abbiamo e valorizziamolo, promuovendo il territorio. Anche questo è un segnale positivo, accogliere i familiari dei giurandi e mostrare loro le bellezze della nostra città. In conclusione con una attenta programmazione ed una accurata organizzazione, senza sovrapposizioni, attrarre gente a Taranto si può. Taranto sta vivendo un momento di grande fermento, continuiamo così per dare una mano concreta all’economia e dare vita a ciò che per troppo tempo è rimasto chiuso nel cassetto”.

Published in Cronaca

Scariche Sonore, la Sud Foundation Krù inaugura la rassegna musicale crispianese.
Giovedì il gruppo rap della provincia di Taranto apre la stagione di concerti organizzata a Crispiano dall'associazione Symposium Arte. Ogni setttimana un live di un genere diverso, fino a settembre.

Torna per il quinto anno a Crispiano la partecipata rassegna musicale estiva Scariche Sonore organizzata dall'associazione Symposium Arte. Dopo il grande successo di pubblico del 2017, gli organizzatori hanno ideato ancora una volta un cartellone di tre mesi che spazia tra i generi musicali più disparati. Come sempre, i concerti avranno luogo nell'accogliente piazza San Francesco, in pieno centro cittadino. Si parte giovedì 14 giugno con il rap nostrano dei Sud Foundation Krù e si andrà avanti con il consueto appuntamento del giovedì fino al 6 settembre. Ce n'è per tutti i gusti: dal rap alla dance anni '80, dal flamenco alla world music, dall'afrobeat al reggae, dallo ska allo swing, dalla music movie al pop. Confermata la due giorni rockabilly denominata Beer-Bop-A-Lula. A metà luglio, inoltre, è in programma una sorpresa musicale che sarà svelata prossimamente. Nelle precedenti edizioni la rassegna Scariche Sonore ha ospitato un gran numero di band, tra cui artisti affermati come Erica Mou, Cesare Dell'Anna, la Municipale Balcanica e i Don Diego Trio.
I live sono tutti gratuiti e cominceranno alle 22. Per informazioni e prenotazione tavoli è possibile telefonare allo 099.4005927. Oltre ai panini, ai piatti unici, alla stuzzicheria, alle birre, ai gelati e a tanto altro che il Symposium Cafè propone, durante le serate ci sarà anche la possibilità di gustare le tipiche specialità gastronomiche crispianesi di carne alla brace della Macelleria da Orazio.

Questo il calendario completo di Scariche Sonore 2018:
14 giugno – SUD FOUNDATION KRÙ (rap)
21 giugno – JUPITER 80 (pop/dance '80)
28 giugno – SON DE VUELTA (flamenco)
5 luglio – TUKRÈ (world music tra Salento e Africa)
12 luglio – ROCCO SUGAR & WOODOO BAND (Zucchero tribute night)
15 luglio – CRISPIANO COMIX
19 luglio – ABC AFROBEAT CORPORATION (afrobeat)
26 luglio – RHOMANIFE (reggae)

2 agosto – SKANDERGROUND (ska)
9 agosto – I CONTRABBANDISTI (swing)
11 agosto – HILL VALLEY BAND (Beer Bop A Lula)
12 agosto – DEBBY LOU & THE NITE CATS (Beer Bop A Lula)
16 agosto – DIRTY HARRY'S DYNAMITE (music movie)
23 agosto – GUAPPECARTÒ (dalla Francia, world music)
30 agosto – THE WONDERS (Beatles tribute night)
6 settembre – LIBEREMENTI (pop)

SUD FOUNDATION KRÙ
Alla fine degli anni '90 a Palagiano, in provincia di Taranto, nasce il progetto musicale Sud Foundation Krù, meglio conosciuto con l’abbreviazione SFK. Un contenitore di stile, musica e pensiero, dove il rap, il reggae e il funk si alternano, venendo spesso e volentieri colorati e contaminati dalle tradizioni musicali popolari, attraverso sonorità che riportano alle radici e al folklore della propria terra. Attualmente il gruppo è formato da Cosimo Pitarra in arte “Freezer” (autore/cantante), Antonello Belmonte in arte “U’Belmond” (autore/cantante), Paolo Belmonte in arte “DonPablo” detto anche “A’ Siren” (compositore, musicista). Innumerevoli le esibizioni, i contest, i concorsi, i festival, le jam session e gli eventi con l’impronta SFK in tutti questi anni. Tra le partecipazioni più degne di nota, la finale regionale dell’Arezzo Wave Love Festival nel 2006, sempre nello stesso anno la vittoria del PMF (Palagiano Music Festival), da dove scaturì l’esibizione al Mei Fest di Faenza, in cui un loro brano (“Carte in tavola”) entrò a far parte della compilation “Hip Hop Mei 2006” stilata dal rapper Piotta. Nel 2007 si autoproduce il primo album ufficiale dal titolo “Gli Un(d)ici”, in cui è racchiusa la voglia di sperimentare musica suonata dal vivo con musica elettronica. Sempre in quell'anno viene riconosciuta come una delle migliori sei band pugliesi che accedono alle finali regionali della rassegna Primo Maggio Tutto l’Anno, dove si aggiudica il premio dell'emittente radiofonica Ciccio Riccio con la canzone “Il sole splende”. Nel 2008 vince l’Underground Skillz a Roma, contest di live che ha visto confrontarsi le migliori realtà della scena emergente nazionale hip hop. Nel 2011 si autoproduce il suo secondo album ufficiale “S.F. Kartoons”. Sempre nello stesso anno viene selezionata da Puglia Sounds per il Super Sound di Faenza (Premio sezione canzone d'autore con “Rota”). Il 2014 li vede aprire i concerti di Kaos One e Dj CRAIM, di Primo e Tormento; si esibiscono sul palco del Primo Maggio a Taranto, al Sersale Sound Beer Festival in Calabria, allo Jonio Music Festival, al Palagiano Musica Festival e al Suburbana Festival. Il 2015 porta la SFK a fare il salto di qualità entrando nella Love University Records, che produce l’album “Good Vibration” distribuito e recensito in tutta Italia. Il 2016 porta il gruppo palagianese per la seconda volta sul palco del Primo Maggio di Taranto. Nel 2017 si incrementano i live in giro per l’Italia e la band entra nella compilation di “Piantiamola Riddim” con il brano “Piantala”, che diventa l’ultima produzione sotto etichetta Love University. Infatti l'anno scorso la Sud Foundation Krù è tornata indipendente.

Published in Spettacolo
Lunedì, 11 Giugno 2018 20:55

Medimex, il grazie del sindaco Melucci

“Oggi sono con cuore grato vicino alle donne e agli uomini della nostra polizia locale, a tutte le forze dell'ordine, agli operatori delle nostre società partecipate, ai commercianti e pubblici esercenti, ai residenti delle location impegnate da Medimex, perché con la loro pazienza o il loro lavoro hanno consentito lo svolgimento di una grande manifestazione, a poche settimane dal successo già del Primo Maggio e nel non facile clima politico e normativo intorno ai grandi eventi”, così il sindaco Rinaldo Melucci.

“Sebbene taluni - prosegue il sindaco - abbiano provato a guastare la festa e la speranza di questa città screditando l'amministrazione comunale e dando ribalta alle solite frange disfattiste, siamo sicuri che la risposta di Taranto sia stata eccezionale.

Taranto sta svoltando, e la dimostrazione è che quando anche i superiori livelli istituzionali si occupano del nostro territorio ed impegnano risorse serie tutto può cambiare e anche rapidamente.

Certo, occorre una programmazione continuativa, specie nei settori che già sono a fondamento della nostra economia, non è sufficiente una stagione sotto i riflettori”.

Per questo, in data odierna il primo cittadino ha provveduto a Bari alla firma, con l'Assessore regionale Pisicchio, dell'intesa che rimodula le cospicue risorse e il cronoprogramma della rigenerazione urbana del quartiere Tamburi. I primi interventi, per un ammontare di 2.2 milioni di euro, in parte da realizzarsi col contributo di Arca Jonica, partiranno già entro il secondo semestre del 2018.

A seguire sono state affrontate alcune questioni importanti con il Dipartimento Ambiente e con il Dipartimento Mobilità della Regione Puglia, per una estate che si annuncia carica di iniziative strategiche per il rilancio produttivo e finanziario delle nostre società partecipate.

Published in Cronaca

Un porto è un porto: aperto al mare per definizione, ma soprattutto per scopo. Centinaia di anni di Storia lo stanno a dimostrare. L’apertura di un porto a uomini e civiltà lontane ha la stessa dinamica dell’apertura di un libro. Un volume lo scelgo, ne leggo poi la quarta di copertina per avere qualche indicazione su storia e autore, infine lo apro e mi faccio accogliere, perché un libro questo fa: abbraccia il lettore che fino a poco tempo prima era solo uno dei tanti estranei un po’ matti che frequentano ancora le librerie, magari indipendenti. Lo protegge dal mondo esterno, il libro, raccoglie il suo calore e lo nobilita nel segno della dignità, quel mucchio ordinato e numerato di fogli color ocra.
Immigrati e profughi sono i lettori contemporanei del mondo, del nostro mondo però. Ne hanno letto la copertina ammuffita e mortificata dal perbenismo ipocrita e dal razzismo senza senso. Ne hanno interpretato l’involucro colorato dalle nuance di un capitalismo becero, insensibile al richiamo delle coscienze più deboli.
Poi, come in un rituale fatto da gesti contemporanei e lenti, lo hanno aperto per iniziare a sfogliarlo, pagina dopo pagina, capitolo per capitolo, parola dopo parola. Ci hanno infilato occhi, cuore e dita in quel libro; hanno respirato l’aria e il vento del racconto, ci si sono immerdati le mani in quella palude di ovvietà (perché ormai è stato raccontato tutto, e il racconto del Mondo non impressiona più nessuno così tanto). (foto da "La voce dl Trentino")
E allora è lecito andare col pensiero a quello che sta accadendo da qualche giorno, alla straordinaria metafora messa su da un gruppo di razzisti che governa quel che resta dell’Italia insieme a un manipolo di ragazzotti che, pur di dare un senso alle proprie utopie, ne accetta la convivenza.
Salvini non apre i porti perché non è abituato ad aprire un libro. Perché la sua mente ha paura di aprirlo. Perché tra i fogli ingialliti dal tempo e dalla saggezza non potrà mai ritrovare quella negazione del diverso e del lontano di cui è pregna la sua proposta politica. Lui negozia le paure dei deboli e dei nuovi oppressi con l’allontanamento del diverso. Diverso da chi, da cosa, poi? La carne impastata coi muscoli, le membra rinsecchite al sole delle traversate, i piedi straziati dai mille tipi di strade dissestate, tutto questo non è forse umano? Umano come noi? Umano come lui?
Salvini non apre i porti perché ha bisogno di mantenere le proposte scellerate che hanno affascinato gli ultimi d’Italia, mentre la Sinistra si lacerava nel silenzio, quello che ne decretava la fine ingloriosa. Il silenzio che ha prodotto i personaggi di questo governo e che ha fagocitato, annientandoli, i principi base del suo esistere.
Un delitto perfetto, ecco cosa è stato l’arrivo di Salvini & Co. al governo. Con Renzi e i suoi sgherri a tirarne la volata finale, servi sciocchi di poteri forti e massoneria. Ma tranquilli, ancora un po’ e anche questi ultimi due si schiereranno dalla parte dei nuovi signori d’Italia.
Il potere è troppo invitante.
La biblioteca di Salvini e dei suoi uomini avrà sempre -tra gli scaffali- libri finti da esposizione in un centro mobili. Ne vorranno prendere uno e si tireranno via tutta la fila. Scatole di cartone vuote come le loro coscienze. Oggetti d’arredo inanimati come i loro cuori xenofobi. Parallelepipedi tristi come i loro tinelli finto svedesi.

Un porto è un porto; un libro è un libro: da aprire per definizione, ma entrambi per lo scopo più nobile: l’accoglienza di qualcuno in un mondo altro. ( *Alfredo Annicchiarico 2 classificato al premio letterario "FORTUNA" Concorso nazionale di letteratura in Lingua Italiana Associaizone Culturale  ARTEMISIA)

 

Published in Apertamente

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk