Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Venerdì, 24 Agosto 2018

Grottaglie - Il tratto stradale di via Partigiani dei Caduti, compreso tra la stazione di servizio carburanti Eni e l'ipermercato "Hong Kong", è chiuso al traffico per la presenza di due alberi di pino pericolosamente inclinati sulla sede stradale a causa della grandine e delle forti raffiche di vento verificatesi questo pomeriggio.

La viabilità è veicolata su via delle Strettole per poi proseguire su Via Oberdan. Tuttavia, per chi dovesse raggiungere Taranto si consiglia l'uscita da Paparazio per immettersi sulla SS7.

Non appena le squadre dei Vigili del Fuoco metteranno in sicurezza le aree interessate, si procederà alla riapertura al traffico della via Partigiani dei Caduti.



Published in Cronaca

Le situazioni più critiche in provincia di Taranto e nella Bat

Il maltempo non dà tregua nelle campagne pugliesi, dalla Capitanata al Salento. In particolare la provincia di Taranto, negli ultimi giorni, è stata interessata quotidianamente da violente bombe d’acqua e da grandinate che hanno praticamente distrutto intere coltivazioni di uva da tavola e oliveti, compromesso la vendemmia e messo in ginocchio centinaia di aziende in diversi comuni.

Grandinate e una violenta tromba d’aria hanno, inoltre, interessato nella giornata di ieri gli agri di Minervino Murge e Spinazzola (Bat), dove il maltempo ha letteralmente distrutto interi vigneti pronti per la vendemmia oltre che coltivazioni e fruttiferi.

Da giorni nella provincia di Taranto la CIA – Due Mari sta seguendo costantemente l’evolversi della situazione e, sin dalle ore successive ai primi temporali, ha richiesto alla Regione Puglia di attivarsi per la delimitazione delle zone colpite e per la stima dei danni, operazioni propedeutiche alla richiesta dello stato di calamità.

Anche ieri nella provincia di Barletta-Andria-Trani la CIA – Agricoltori Italiani si è attivata per fare un primo monitoraggio della situazione e una prima stima dei danni.

Su tutto il territorio i dirigenti e i tecnici della CIA – Agricoltori Italiani sono impegnati in sopralluoghi e nell’assistenza alle aziende colpite dal maltempo.

Gli uffici territoriali della CIA sono pronti a fornire la necessaria assistenza agli agricoltori per effettuare le dovute segnalazioni, che vanno inviate nel più breve tempo possibile agli enti competenti, per permettere poi agli uffici regionali di verificare tali segnalazioni, di delimitare le aree e di richiedere lo stato di calamità.

La situazione in molte zone della Puglia è davvero critica con la raccolta di uva sia da tavola che da vino ormai compromessa, con oliveti nei quali si è perso ormai l’intero raccolto e con danni alle piante arboree, alle produzioni orticole, ma anche alle strutture aziendali e alle strade.

Su tutto, poi, incombe il pericolo fitopatie che potrebbero svilupparsi a causa proprio della pioggia e delle umidità oltre che delle ferite inferte alle piante dalla grandine.

Insomma, l’ennesima calamità naturale che ha messo in ginocchio centinaia di aziende e migliaia di famiglie.

La CIA – Agricoltori Italiani di Puglia nel prendere atto della dichiarazione di ieri dell’assessore regionale Leonardo Di Gioia che ha comunicato di aver allertato gli uffici regionali perché procedano con le prime verifiche sul campo e con le ispezioni al fine di quantificare i danni provocati dal maltempo di questi giorni, proprio così come richiesto da CIA Puglia il 21 agosto scorso, chiede all’Assessore Di Gioia di porre la dovuta attenzione alle segnalazioni che pervengono da tutte le associazioni agricole e soprattutto da quelle che da giorni sono sul campo a monitorare la situazione e ad assistere gli agricoltori, relativamente anche alle procedure che saranno avviate dagli uffici regionali in ogni provincia.

Si sollecita, inoltre, la Regione Puglia, sulla base di una richiesta già inoltrata diverse settimane fa, a concedere ulteriore carburante agricolo agevolato, soprattutto alla luce dell’aumento negli ultimi giorni di operazioni colturali e trattamenti dovuti proprio al maltempo.

La CIA – Agricoltori Italiani di Puglia, infine, sollecita la modifica del decreto legislativo 102/2004, perché l'attuale normativa non consente alle imprese di ricevere un adeguato ristoro dei danni subiti. Il Governo deve prendere una volta per tutte in seria considerazione la proposta di CIA – Agricoltori Italiani di costituire un fondo assicurativo per tutelare le aziende agricole dalle calamità e dalle crisi di mercato, in parte coperto dalla fiscalità generale e in parte dai fondi del PSR.

Published in Cronaca

I consiglieri comunali di minoranza: Francesco Donatelli, Massimo Serio, Aurelio Marangella (Articolo 1 – MDP), Ciro Gianfreda (Forza Italia), Michele Santoro, Anna Cabino (COR), Antonella Russo (Grottaglie Prima di Tutto), Loreto Danese (Volare Alto), Cosimo Annicchiarico (Polietica), hanno redatto il seguente Ordine del giorno da discutere nella seduta monotematica, in cui chiedono di  di valutare la sospensione della gara europea per l’appalto del servizio di gestione dei rifiuti solidi urbani ed indifferenziati e di rimodulare e potenziare l’attuale servizio alla luce delle evidenti criticità.

Questo l’Ordine del Giorno che verrà discusso  nel Consiglio Comunale convocato in seduta monotematica il 27 agosto 2018:
premesso:
che il Consiglio comunale di Grottaglie, riunito in seduta straordinaria il 27 agosto 2018, a seguito della relazione da parte dei rappresentanti dei Gruppi di minoranza che ne hanno richiesto la convocazione, degli interventi da parte dell’amministrazione comunale e il successivo dibattito sviluppatosi nell’Assemblea consiliare;
considerato:
• lo stato di degrado e di sporcizia dell’intero abitato di Grottaglie, anche a seguito della progressiva riduzione del personale causato da pensionamenti e inidoneità al servizio generando continue lamentele da parte della popolazione per i conseguenti pericoli igienico-sanitari tanto da indurre la Giunta Comunale ad affidare ad una Ditta esterna il servizio aggiuntivo di spazzamento stradale e lavaggio strade per il periodo ricompreso dal 16/07/2018 al 31/08/2018;
• che la Giunta Comunale ha avviato una Gara europea a procedura aperta per l’appalto del servizio di gestione dei rifiuti solidi urbani ed indifferenziati i cui tempi appaiono molto lunghi per l’espletamento della suddetta procedura di gara;
preso atto:
• che è imminente la scadenza del servizio aggiuntivo di spazzamento stradale e lavaggio strade affidato ad una Ditta esterna (31/08/2018);
• che l’attuale situazione, oltre allo stato di degrado della città, ha generato uno stato di conflittualità con gli operatori del settore che sono costretti a lavorare in condizioni difficili a causa dell’esiguo numero e al contesto in cui sono obbligati ad operare tanto da aver dichiarato uno stato di agitazione e programmato lo sciopero del settore;
• che, visti i tempi lunghi per la conclusione delle procedure di gara, non ci sono le condizioni per rispettare il Piano Economico Finanziario approvato dal Consiglio comunale il 22/02/2018 dal quale sono scaturite le tariffe della TARI 2018 per i cittadini.
Per quanto sopra esposto:
il consiglio comunale invita l’amministrazione comunale:
• a valutare la sospensione dell’avviata procedura di gara europea per l’appalto del servizio di gestione dei rifiuti solidi urbani ed indifferenziati anche alla luce del redigendo Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti Urbani;
• a rimodulare l’attuale servizio alla luce delle evidenziate criticità e potenziandolo ricorrendo ad una Ditta esterna attraverso una apposita gara per il periodo restante fino alla fine dell’anno.

Published in Politica
Venerdì, 24 Agosto 2018 15:54

Erica Mou in concerto a Crispiano

Sabato la cantautrice pugliese si esibirà al Blacksmith. Il live comincerà alle 22. L'ingresso è libero. Chitarra e voce, porterà sul palco sia le canzoni dell'ultimo album sia i pezzi che l'hanno resa celebre

Continuano le serate musica inedita al Blacksmith Pub di Crispiano. Sabato 25 agosto il palco del locale di corso Umberto ospiterà il concerto di Erica Mou, che da mesi è in tour per presentare l'ultimo disco “Bandiera sulla luna”. Per la cantautrice di Bisceglie è un ritorno nella cittadina delle Cento Masserie dopo il bellissimo concerto del 2014 in piazza San Francesco. La Mou si esibirà in solo, chitarra e voce, e canterà i più bei brani della sua già prolifica carriera. Un'occasione preziosa per i suoi numerosi fan di Taranto e provincia per assistere gratuitamente al suo live. 

Il concerto avrà inizio alle 22 e si terrà all'aperto, nell'ampio giardino del Blacksmith. Per info e prenotazione tavoli è possibile telefonare ai seguenti numeri: 099.2227242 – 320.9433990.

“Bandiera sulla luna” è prodotto dall’etichetta milanese Godzillamarket, con distribuzione Artist First. L'album racconta la conquista di nuovi spazi interiori, così sconosciuti e desiderati da rappresentare la luna. Descrive una generazione intera e la sua irrequietezza. Parla della capacità di amare senza possedere e di comunicare in maniera diretta senza vergognarsi. È il primo disco che Erica Mou scrive totalmente lontana dalla sua Puglia: soprattutto a Roma, ma anche in Portogallo, Francia e Cambogia. Il suo mondo musicale nasce dall’incontro tra cantautorato classico e sensibilità moderna: Erica si conferma portavoce di una nuova poetica cantautorale femminile, volta all’essenziale ma ricca di introspezione e personalità.

Ventotto anni compiuti ad aprile, Erica Mou ha già all’attivo oltre 500 concerti in Italia e all’estero (Brasile, Stati Uniti, Gran Bretagna, Belgio, Francia, Germania, Ungheria) e ha pubblicato quattro album in studio. Nel 2011 esce su etichetta Sugar “E’”, prodotto dall’islandese Valgeir Sigurdsson, già collaboratore di Bjork. Entrato nella rosa dei finalisti per la miglior opera prima dell’edizione del Premio Tenco, il disco contiene anche una bonus track, “Don’t stop”, cover dello storico brano dei Fletwood Mac, scelta come colonna sonora dello spot istituzionale Eni. Nel 2012 ha partecipato al Festival di Sanremo nella sezione dedicata ai giovani artisti con il brano “Nella vasca da bagno del tempo”, classificandosi seconda e vincendo il premio della critica Mia Martini e il Premio Sala Stampa Radio Tv. La canzone, prodotta da Davide Rossi (violinista, arrangiatore e compositore per Coldplay, Goldfrapp, Verve, U2), le vale anche il Premio Lunezia per il miglior testo, una nomination ai TRL Awards nella sezione Best New Generation e verrà poi scelta come colonna sonora di Women for Expo 2015. Nel 2013 pubblica l’album “Contro le onde”, prodotto da Boosta e contenente “Dove cadono i fulmini”, canzone scelta da Rocco Papaleo come colonna sonora del suo film “Una piccola impresa meridionale” per cui Erica ottiene una nomination ai David di Donatello 2014. Nel 2015 esce “Tienimi il posto”, disco che la porta ad aprire i concerti di Paolo Nutini, Patti Smith, Susan Vega e Caparezza e a continuare la sua intensa attività live alternando da sempre piccoli club e teatri con grandi palchi (Primo Maggio a Roma, Heineken Jammin’ Festival, Arezzo Wave, Wind Music Awards, Sziget) su cui sperimenta imbracciando la chitarra e utilizzando loops e beatbox. Negli anni duetta con Raphael Gualazzi, Tricarico, Fiorella Mannoia, Après La Classe, Enrico Ruggeri, Perturbazione, viene scelta per le colonne sonore dei film di Roberta Torre e Paul Haggis e partecipa a produzioni teatrali insieme a Lucio Dalla, Renzo Arbore e Teresa De Sio. Il 2016 si apre con una piccola partecipazione della cantautrice al film campione di incassi “Quo Vado” di Checco Zalone. Nello stesso anno collabora con le scrittrici Chiara Gamberale e Valentina Farinaccio, componendo la colonna sonora dei rispettivi romanzi “Adesso” (Feltrinelli) e “La strada del ritorno è sempre più corta” (Mondadori). Nello stesso anno vince il prestigioso riconoscimento della Federazione Autori, consegnatole sul palco del concerto-evento “Meraviglioso Modugno” che l’aveva vista, nella precedente edizione, nei panni di co-
conduttrice. Attualmente divide il tempo tra la Puglia e Roma, studia canto da 20 anni, scrive e vive più intensamente che può. Il 1 dicembre 2017 è uscito “Bandiera sulla luna”, il suo nuovo atteso disco di inediti.

Il concerto di Erica Mou sarà l'ultimo di agosto al Blacksmith, ma a settembre sono in programma altri interessanti live. Ecco le date:
sabato 1 settembre – Blùmia
venerdì 7 settembre – The Sixty Beat 2.0 Evolution
domenica 9 settembre – Warm Sweaters for Susan
domenica 16 settembre – Moinè
domenica 23 settembre – Shy of a Spark

Vincenzo Parabita
Addetto stampa rassegna musicale Blacksmith

Published in Spettacolo

Maltempo a Grottaglie: in atto la ricognizione dei danni

È stato un evento meteorologico eccezionale ed estremo quello che si è abbattuto ieri pomeriggio su Grottaglie e che in questi giorni sta interessando anche tanti comuni della provincia di Taranto.

Una vera e propria bomba d’acqua, che ha riversato sulla città una enorme quantità di pioggia e grandine in poco tempo che, insieme alla raffiche di vento, hanno provocato ingenti danni. Insieme a tutta la giunta, i vigili e i tecnici comunali stiamo ancora quantificando i danni. Le strade e le griglie, che erano state ripulite in questi giorni, sono state nuovamente controllate e ripulite dal fango e dal fogliame che, l’incessante pioggia e il vento, hanno portato nel centro cittadino. Nella tarda serata i vigili del fuoco hanno messo in sicurezza l’albero caduto all’interno della scuola Don Sturzo e questa mattina sarà rimosso. Stiamo accertando con il responsabile del servizio i danni che il settore agricolo ha subìto per verificare se esistono gli estremi per chiedere lo stato di calamità naturale.

L’Amministrazione ha predisposto degli interventi volti a risolvere le criticità e si sta già lavorando con i tecnici comunali per attuare misure ed interventi definitivi che purtroppo, per la loro complessità mai affrontata in questi anni, non possono essere immediati. Secondo la programmazione in corso, è previsto l’abbattimento e la sostituzione degli alberi di pino che molto spesso sono la causa dell’occlusione delle griglie. Ad aprile 2018 abbiamo richiesto il finanziamento del progetto di realizzazione della fogna bianca per alcune zone critiche e a rischio allagamenti ed è al vaglio, con l’Autorità idrica pugliese, il progetto per il centro storico. Inoltre, i lavori in corso di sistemazione idraulica dei fossi Riggio, Gronci e del canale Macchione eviteranno, durante le abbondanti precipitazioni, i continui allagamenti delle strade e dei campi circostanti.

L’evento meteorologico di ieri pomeriggio è stato di portata straordinaria ed oltre ogni previsione ma purtroppo tali eventi stanno diventando sempre più frequenti e di una forza devastante. Questo ci obbliga ad alzare ancora di più il livello di attenzione con l’adozione di ulteriori precauzioni ad ogni comunicazione di allerta meteo anche di livello basso.

Published in Cronaca

 Una situazione straordinaria: parlamentari e consiglieri regionali si attivino per il ristoro concreto e completo dei danni subiti dai nostri agricoltori

Luca Lazzàro, presidente di Confagricoltura Taranto, è seriamente preoccupato per gli ingenti danni causati dal maltempo di questi giorni alle colture del Tarantino.

«Rispetto al passato, la caratteristica principale di questa ondata di maltempo – afferma Luca Lazzàro – è che non colpisce in maniera uniforme il territorio, ma invece “a macchia di leopardo”; così può capitare che in una zona ci siano una grandinata o una pioggia violentissime, fenomeni atmosferici che possono arrecare ingenti danni alle colture, mentre a pochi chilometri non cada una goccia».

Già nelle ultime ore sono giunte a Confagricoltura Taranto le segnalazioni di molti agricoltori associati che vedono in pericolo il lavoro di un anno a poche settimane, se non giorni, dal raccolto o dalla vendemmia.
Sulla scorta di questi primi feedback Luca Lazzàro traccia un primo bilancio: «la situazione più grave ha interessato le zone di Massafra e Palagiano e quelle periurbane di Taranto, dove ci sono state violente grandinate, ma anche in tante altre zone della provincia, soprattutto nel versante orientale, come Sava e Manduria, le piogge hanno raggiunto intensità tali da danneggiare le olive, fino a farle cadere a terra, e i grappoli di uva da vendemmiare. Già ieri il Sindaco di San Giorgio Jonico, Mino Fabbiano, mi ha chiamato per segnalarmi la situazione disastrosa del suo comune».
«È un evento straordinario – continua il presidente di Confagricoltura Taranto – che deve essere affrontato con un’azione altrettanto straordinaria: per questo lancio un appello ai parlamentari e ai consiglieri regionali del territorio affinché si attivino per far destinare nel fondo di solidarietà, come già accaduto in passato, risorse adeguate a favore dei nostri agricoltori per il ristoro completo e concreto di tutti i danni subiti, cosa che spesso con il solo “stato di calamità” non avviene».

Oltre ai danni arrecati direttamente da pioggia e grandine, ora molti agricoltori devono affrontare un altro problema: l’allagamento dei campi e le alte temperature di questo periodo, infatti, rischiano di creare una umidità che favorisce l’insorgere di fitopatologie, fino a far marcire il frutto direttamente sulla pianta. Peraltro le previsioni indicano che questa situazione meteorologica continuerà a interessare il nostro territorio nei prossimi giorni.
«Solo quando tutto tornerà alla normalità sarà possibile fare una conta definitiva dei danni. Nel frattempo invitiamo tutti i nostri associati a segnalarci comunque i danni causati dal maltempo alle loro colture – ha concluso Luca Lazzàro – in modo da permetterci di monitorare la situazione e di realizzare un report completo da inviare all’Assessore regionale all’Agricoltura, Leonardo di Gioia, che intraprenderà le azioni del caso. Confagricoltura è sempre al fianco degli agricoltori associati!».

Ricordiamo che proprio in questo periodo nel nostro territorio i grappoli di gran parte dei vitigni a bacca rossa, Negroamaro e Primitivo, ma anche quelli a bacca bianca, come il Fiano, stanno raggiungendo la piena maturazione e conseguentemente sono più vulnerabili agli agenti atmosferici, come anche alcune uve da tavole delle quali deve essere ancora completata la raccolta; anche gli ortaggi sono particolarmente sensibili all’azione dei fenomeni atmosferici.

Published in Cronaca

Ormai non c’è limite all’imbarazzo nel commentare le dichiarazioni del Ministro Di Maio intorno ad Ilva, tali e tanti risultano gli argomenti di irrazionalità e di disprezzo dei bisogni della comunità ionica.

Al suo insediamento abbiamo mostrato pazienza, garantito leale e costruttiva collaborazione, ma quelli che sembravano solo inesperienza e smarrimento politico si stanno rivelando un calcolo premeditato. E si spiega il suo silenzio ininterrotto davanti alle sollecitazioni degli enti locali, si comprende il teatro delle 62 sigle al Mise. È questa la sua idea di trasparenza? In cosa sarebbe migliore dei predecessori che tanto critica, come se fossero il vero nodo di una vertenza così complessa? Può smetterla di usare Taranto per i suoi problemi politici?

Ministro, ci dica cosa vuole fare senza altri giri di parole, per carità. Se vuole chiudere lo stabilimento, si accomodi. Sarà sempre suo e del suo Governo l’onere di gestire bonifiche miliardarie e decine di migliaia di disoccupati. Stia pur certo che verremmo tutti in pianta stabile in Via Veneto a darle una mano. Le garantiamo tutto il supporto possibile, faremo in modo che Taranto resti in ogni caso una priorità della nazione fino a che non sarà tutelato l’ultimo lavoratore, l’ultimo concittadino, ripristinato l’ultimo lembo di terra.

Ministro, che fa, chiude o no? È semplice la risposta, non inventi altri colpi di teatro. Non so se lei sia un credente, ma dice il Vangelo: “sia il vostro parlare sì, sì, no, no; il di più viene dal Maligno.”

Quindi, sia chiaro, vuole piuttosto un tavolo serio per implementare le misure ambientali, sanitarie e sociali? Noi ci siamo anche in questo caso, con eguale convinzione.

Credo che sia giunto il momento di una iniziativa forte ed univoca da parte della comunità tutta, sentiremo a stretto giro le organizzazioni sindacali e imprenditoriali, i nostri esponenti istituzionali, i portatori di un interesse sano verso il futuro di Taranto.

Nel frattempo, il Civico Ente ha trasmesso in data odierna istanza formale di accesso completo agli atti predisposti dall’Avvocatura dello Stato. Abbiamo diritto a fatti, non dichiarazioni strampalate.

Ministro, sì o no?

Published in Politica

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk