Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Giovedì, 30 Agosto 2018

Il Segretario del Partito Democratico di Grottaglie, Francesco Montedoro, per conto di tutto il partito che rappresenta esprime vicinanza e solidarietà al Sindaco Ciro D’Alò e all’Assessore Maria Grazia Chianura per le minacce e le intimidazioni ricevute nei giorni scorsi nello svolgimento della loro attività amministrativa, in particolare sul tema del servizio di igiene urbana.
“Come Partito Democratico abbiamo più volte criticato la scelta dell’Amministrazione di Grottaglie di privatizzare il servizio di igiene urbana e soprattutto le modalità con cui questo sta avvenendo, ma non possiamo rimanere in silenzio e non condannare fermamente quello che è accaduto. Sappiamo quanto sia difficile amministrare una città, lo abbiamo fatto per tanti anni, ma ritengo che tutto deve svolgersi nel rispetto delle istituzioni, dei ruoli che ciascuno ricopre e soprattutto delle persone, nei limiti di un confronto civile e democratico”.
Grottaglie, 30 agosto 2018


 

Published in Politica

Venerdì 31 agosto saremo in piazza a manifestare al fianco dei cittadini e delle cittadine che parteciperanno al corteo per esprimere dissenso rispetto ai metodi antidemocratici, disumani e contro lo Stato di diritto utilizzati dal ministro dell’Interno Salvini e dal Governo Conte sull'immigrazione.
La Lega e i 5 stelle fanno un uso strumentale del problema, visto che in Italia oramai da un anno il fenomeno degli sbarchi si è ridotto di oltre l'80%. Ma a Salvini e a Di Maio, in realtà, non interessa governare il fenomeno, ma interessa alimentare la paura. Tanto è vero che hanno accettato che la ricollocazione dei migranti negli altri paesi europei fosse volontaria, mentre prima la ricollocazione era obbligatoria. Infatti, i primi a non accettare i migranti sono proprio quei paesi amici di Salvini come l'Ungheria di Orban e gli altri paesi dell'est.
Il fenomeno dell'immigrazione, invece, deve essere affrontato a livello europeo, modificando il trattato di Dublino, che fu accettato dai governi di destra e che costringe l'Italia a gestire da sola l'accoglienza.
Salvini, quindi, non sta risolvendo il problema, lo sta solo utilizzando per alimentare nel Paese un clima di intolleranza e di caccia alle streghe.
Tutto questo non è accettabile, di fronte a vite umane tenute ostaggio per speculazione politica, è necessaria la più ampia e unitaria mobilitazione democratica, anche facendo sentire la propria voce nelle piazze.
È il momento di unirsi, mettendo da parte le divisioni.
Non si può tornare indietro sul piano della civiltà, d el diritto, e dell'integrazione, obiettivi per cui il PD ha sempre lottato e continuerà a lottare.
La Segreteria provinciale del PD di Taranto

Published in Politica

Sabato 1 settembre inaugurazione mostra “Stato stazionario” in Città Vecchia

Un evento innovativo che fonde arte contemporanea e produzioni audiovisive, come nello spirito della Mostra del Cinema di Taranto. Sette artisti internazionali con altrettanti lavori all’interno della collettiva Stato stazionario a cura di Roberto Lacarbonara e Antonio Frugis: inaugurazione sabato 1 settembre 2018 alle ore 18:30 nella sede CRAC Puglia, in corso Vittorio Emanuele II n°17 (ex convento dei Frati Olivetani) nella città vecchia di Taranto.
Caratteristica principale della mostra saranno gli interventi di video arte, in una selezione volta a definire equilibri e condizioni di un universo in perenne metamorfosi.

ARTISTI DA TUTTO IL MONDO. Lo Stato stazionario, concepito come una breve ricognizione sulla produzione videoartistica italiana e internazionale, ospita i lavori di Sarah Ciracì (Taranto, 1972), Pamela Diamante (Bari, 1985), Nathalie Djurberg (Lysekil – Svezia, 1978), Goldschmied & Chiari (Sara Goldschmied, Arzignano, 1975; Eleonora Chiari, Roma, 1971), Tao Hui (Hunan, Cina, 1986), Marc Larré (Barcellona, Spagna, 1978) e Sabrina Mezzaqui (Bologna, 1964).
La Teoria dello Stato Stazionario (Steady State Theory), nota come Teoria della Creazione Continua, è un modello basato sul principio di un’evoluzione infinita nella quale l’universo conserva le stesse proprietà nello spazio e nel tempo, senza assumere né inizio né fine.
In altri termini, ogni mutamento è conservazione, ogni evoluzione è reazionaria. Dunque occorre pazientemente attendere: la creazione non è ancora terminata. Tutto non è che movimento, non esiste staticità: l’opera è la trasformazione di una trasformazione.

GLI ORGANIZZATORI. La collettiva è organizzata dalla Mostra del Cinema di Taranto in collaborazione con Fondazione Pino Pascali di Polignano a Mare e con CRAC Puglia - Centro di Ricerca Arte Contemporanea. La manifestazione rientra nel programma della seconda edizione della MCT, il cui tema trainante è “Le Metamorfosi”.

VISITE GRATUITE E ORARI DI APERTURA. La mostra Stato stazionario verrà inaugurata sabato 1 settembre alle ore 18:00 nella sede CRAC Puglia in via Vittorio Emanuele II n°17 a Taranto (città vecchia) e resterà aperta e fruibile al pubblico fino a domenica 23 settembre con questi orari: dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 13:00, nel pomeriggio su prenotazione. Sabato e domenica mattina e pomeriggio, sempre su prenotazione. Ingresso libero. Per info e prenotazioni: Crac Puglia 099.4713316 / 334.7921142

Published in Arte

Massafra (TA) – I Carabinieri Forestali della Stazione di Mottola, durante un servizio mirato al contrasto del fenomeno dell’abbandono di rifiuti, in agro del Comune di Massafra in località Croce, accertavano la realizzazione di una discarica abusiva all’interno di un oliveto. 

Infatti, grazie ad uno specifico appostamento, i militari sorprendevano un autocarro che ribaltava il proprio cassone colmo di rifiuti edili, scaricando sul suolo il contenuto.
I carabinieri forestali, oltre allo scarico colto in flagranza, hanno potuto constatare la presenza di circa 160 metri cubi di rifiuti speciali provenienti da attività di demolizione edile, distribuiti lungo una superficie complessiva di circa 600 metri quadri, opportunamente spianata per svolgere nel migliore dei modi l’attività illecita.
Pertanto, i militari intervenuti hanno provveduto immediatamente a porre sotto sequestro l’area e gli stessi rifiuti, oltre all’autocarro utilizzato per lo scopo.
Per quanto era stato realizzato è stato denunciato l’autista del veicolo, dipendente di una locale impresa edile, oltre al titolare della stessa, per gestione illecita di rifiuti nonché realizzazione e gestione di una discarica abusiva, concretizzante i reati puniti dagli artt. 256 co. 1 e co. 3 del Testo Unico Ambientale (D.lgs. 152/06) che prevedono pene sia detentive sia pecuniarie, oltre alla confisca del terreno e dell’autocarro oggetto di sequestro.
Lo scopo di tali condotte era verosimilmente quello di evitare i costi di smaltimento tramite le procedure lecite, creando così un considerevole danno per l’ambiente.
Continuano i controlli dei Carabinieri in tutta la provincia jonica mirati al contrasto di tale deprecabile fenomeno di abbandono di rifiuti nelle campagne e di creazione di tante discariche, grandi e piccole, incontrollate.

Published in Cronaca

L’Onorevole Giancarlo Cito, scende in campo a sostegno delle 14 mila famiglie dei dipendenti Ilva, che ancora oggi, non conoscono il proprio destino lavorativo. Si rivolge al vice premier Di Maio, chiedendo una volta per tutte una soluzione per Taranto, presa in giro per troppo tempo.

On Cito: “ il Ministro Di Maio non può permettersi di perdere altro tempo, sa bene che ormai il tempo sta scadendo e queste famiglie, non possono rischiare di trovarsi senza un lavoro. Il nostro sud è già colpito da un’enorme crisi economica, la chiusura dell’Ilva porterebbe Taranto, ad una guerra civile, la così detta “guerra tra poveri”.Di Maio deve assumersi le sue responsabilità ed arrivare ad una conclusione .Tutela occupazionale e risanamento ambientale, di questo ha bisogno Taranto. Cosa aspetti Di Maio?Il mio appello è rivolto,anche al primo cittadino , a lui il compito di difendere con tutte le sue forze i 14 mila dipendenti Ilva. Caro Melucci, Taranto in questi giorni è protagonista di numerosi atti vandalici, furti scippi e liti in strada da parte di stranieri. Sindaco le chiedo, dov’è la sicurezza e la tutela del cittadino?Quando io ero sindaco,la città era vivibile, i cittadini mi potevano facilmente incontrare per le vie della città,tu dove sei?Ero il terzo sindaco più amato in Italia,giravo tutte le notti con una pattuglia dei vigili urbani e grazie alla collaborazione delle Forze dell’Ordine, Taranto era una città sicura. Sindaco fatti conoscere ,Taranto è diventata una città invivibile. La maggior parte dei cittadini che mi vengono a trovare,mi raccontano di essere vittime ,purtroppo di furti e scippi. La città è nuovamente piena di zingari, il sindaco Cito in prima persona provvedeva allo sgombero dei campi rom posizionati alle periferie della città,dove trovavo discariche a cielo aperto, uomini e donne ricchi di oro e oggetti preziosi. Ti consiglio di prendere esempio,anche per una questione igienica verso la nostra città. Non basta consegnare ai cittadini la scarpata del lungomare,ciò che preoccupa e’ la mancanza di igiene .Numerosi cittadini lamentano, senza alcuna risoluzione, la presenza di ratti e soprattutto di blatte. Melucci e’ arrivato il momento di tutelare il cittadino, sei il sindaco e devi farlo, basta con gli interessi personali e politici. Vorrei vedere rinascere la mia città,soprattutto dal punto di vista ambientale, il pensiero va ai piccoli tarantini colpiti purtroppo dal male del secolo, ti ricordo che ho partecipato ogni anno alla famosa traversata contro l’inquinamento. Ci tengo alla rinascita del commercio tarantino, ormai alla deriva. Quando mi capita di passeggiare per le vie del borgo, noto quante serrande sono chiuse per sempre e penso a quanti grandi sacrifici a fatto quel piccolo imprenditore, per nulla. L a chiusura dell’Ilva non può avvenire a Taranto, stiamo vivendo ad un vero e proprio dramma economico. Io sono nato in questa città e ci tengo ai tarantini e soprattutto spero nella rinascita dell’imprenditoria di qualunque livello.

Sindaco difendi Taranto.

 

Published in Politica

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk